Struttura di Attività Nazionale

Calcio

Uisp Vallesusa: “Per noi lo sport è pertutti”

Su "Tuttocalcio", inserto di Tuttosport, l’intervista a Luca Dalvit, responsabile calcio Uisp Piemonte, e Valentino Milani, presidente Uisp Vallesusa

 

Parma, 25 gennaio 2019 - Il quotidiano sportivo Tuttosport ha dedicato lunedì 21 gennaio una pagina del suo inserto Tuttocalcio allo sport e al calcio Uisp in Piemonte, con gli interventi di Luca Dalvit, responsabile calcio Uisp Piemonte, e Valentino Milani, presidente Uisp Vallesusa. “Io non corro per vincere, la mia vittoria è correre”: le parole dell’ex presidente nazionale Gianmario Missaglia, scomparso il 1° maggio 2002, riassumono con semplice chiarezza lo spirito Uisp – si legge nell’articolo - Dove a fare la differenza non è mai il risultato, ma sempre l’individuo. E sono riportate, con orgoglio e massima consapevolezza, da  due dei rappresentanti di questo movimento che solo in Piemonte conta 110.000 tesserati impegnati in tutte le discipline sportive immaginabili, da quelle più conosciute (calcio, pallavolo, pallacanestro) a quelle di ultima generazione (slackline, arrampicata,  movimento in montagna)”.

Per leggere l’articolo integrale clicca qui

“Questa bella pagina all’interno di Tuttosport rientra in un importante lavoro di promozione delle nostre Strutture di attività regionali che l’Uisp Piemonte sta conducendo – dice Patrizia Alfano, presidente del comitato regionale Uisp – dirigenti e volontari che ogni giorno sono a stretto contatto con i nostri soci e si impegnano per valorizzare lo sportpertutti in tutte le sue pratiche, tradizionali ed innovative”.

Valentino Milani, presidente Uisp Vallesusa e coordinatore di alcune discipline tra cui il calcio a livello regionale, e Luca Dalvit, responsabile regionale Uisp per il calcio e collaboratore di Uisp Torino per l’attività educativa nelle scuole, parlano della mission Uisp: trasformare lo sport in uno strumento, accessibile a tutti secondo le proprie qualità e potenzialità, che aiuti l’individuo innanzitutto a crescere, a socializzare e in alcuni casi anche a guarire.

“Noi crediamo fermamente in quell’equazione per cui un euro investito oggi nella pratica  sportiva corrisponderà, fra trent’anni, a tre euro risparmiati al sistema sanitario nazionale - dicono - Si tratta di dati che nei Paesi del Nord Europa sono già realtà”. L’Uisp garantisce “libero accesso a tutti alla pratica di ogni disciplina sportiva. In cui ci sono gare, risultati e classifiche. Tornei provinciali, regionali e fasi nazionali. Come in Federazione. Ma in cui al primo posto c’è il benessere fisico dell’individuo, che può contare su un contesto sano, fondato sul rispetto e sul fair play. Per garantire la massima accessibilità al mondo Uisp, in ogni specialità è previsto quello che noi definiamo l’adeguamento del ritmo grazie al quale, per esempio, il calcio diventa anche calcio camminato per le persone anziane o diventa l’iniziativa “Matti per il calcio” promossa in collaborazione con i Centri di salute  mentale”.

Dei 110.000 tesserati presenti in Piemonte, il 20% partecipa all’attività calcistica. “Il calcio è sviluppato capillarmente su tutto il territorio regionale, con una partecipazione massiccia di società e squadre soprattutto nell’area della Città Metropolitana di Torino – proseguono Dalvit e Milani - Sono previste tutte le categorie per gli adulti (comprese quelle dedicate agli over 35) e sei categorie per i ragazzi, dai Primi calci all’Under 20: fino all’età di 14 anni le ragazze giocano insieme ai ragazzi, poi entrano a far parte del calcio femminile. Come avviene in Federazione, sono previste finali regionali e nazionali (che quest’anno si disputeranno a Scalea, in Calabria ndr) per le singole categorie. Ed esistono le Rappresentative, dove le scelte dei ragazzi vengono compiute sì secondo qualità tecniche, ma soprattutto secondo la disciplina. È un aspetto a cui crediamo molto: in Rappresentativa può andare solo chi ha dimostrato di avere un comportamento adeguato sul campo, perché il selezionatore è prima di tutto un educatore, oltre a essere un tecnico. Non importa che il soggetto sia il più forte in assoluto, o almeno non basta”.

“Noi abbiamo un regolamento molto duro soprattutto in termini di gioco violento e gioco antisportivo – concludono Dalvit e Milani - Troppo spesso, per esempio in serie A, alcuni atteggiamenti scorretti e non per forza violenti, come fingere di aver subìto un fallo, non vengono sanzionati adeguatamente. Combattere l’antisportività è il modo  migliore per sviluppare il rispetto degli altri e, di conseguenza, migliorare la nostra società”.

(Fonte: Ufficio Stampa UISP Nazionale)

 

Tweets by NazCalcioUisp

 

 

TITOLI ASSEGNATI 2018

Coppa Nazionale UISP

  • Calcio Gavena (Empoli/Val D'Elsa)  - Toscana

Coppa Amatori UISP

  • GS Virgoletta (La Spezia/Valdimagra) - Liguria

Rappresentativa Calcio a 11 Maschile

  • Empoli - Toscana

1° Trofeo Amatori Rappresentativa Calcio a 11 Maschile

  • Parma - Emilia-Romagna

Rappresentativa Calcio a 5 Maschile

  • Latina - Lazio

Rappresentativa Calcio a 5 Femminile

  • Bra (Cuneo) - Piemonte

1° Trofeo Amatori Calcio a 5 Femminile

  • Sicilia

Finali Nazionali Calcio a 11

  • GS Calcio Amatori Chiari (Brescia) - Lombardia

Trofeo Uisp Nazionale Calcio a 11

  • Live Love Lift (BAT) - Puglia

Finali Calcio a 5 Maschile

  • ASD Boca C5 Livorno (Livorno) - Toscana

Trofeo Uisp Nazionale Calcio a 5 Maschile

  • FC Tamirolese - Calabria

Finali Calcio a 5 Femminile

  • Pordenone Amatori C5F (Pordenone) - Friuli-Venezia Giulia

Trofeo Uisp Nazionale Calcio a 5 Femminile

  • Bar Roma - Liguria

Finali Calcio Camminato

  • ASD Darwin (Milano) - Lombardia

Rassegna Calcio a 7

  • Sporting Mola (Bari) - Puglia

Finali Calcio a 11 Over 35

  • ASD Fiorentina 10 Bis - Calabria