Comitato Regionale

Emilia-Romagna

Area Uisp n. 14 (giugno 2011)

La copertina di Area Uisp n. 14 (giugno 2011)Clicca qui per scaricare il numero in pdf (3,53 MB)

Sommario

In questo numero
di Vittorio Martone

La capacità di accogliere il mondo
di Vincenzo Manco

Nella rete di Nettuno
di Francesco Frisari e Vittorio Martone

The movement of the people
di Mario Reginna

Sport e viaggi nella "porosità" italiana
di Nicola Alessandrini

Accarezzare un territorio con i piedi
di Paolo De Guidi

Movimento in situazione
di Massimo Davi e Monica Risaliti

In circuito con la Uisp
di Mario Reginna

Percorsi di scoperta
di Alessandro Trebbi

Orientarsi in un viaggio interiore
di Sergio Raimondo

Quando le vacanze si tingono di sociale
di Francesca Colecchia

Una parola in favore della Natura
di Francesco Frisari

In questo numero

di Vittorio Martone

 

"Gaeta', chi parte, sa da che cosa fugge ma non sa che cosa cerca". A dirlo con tono un po' da saputello che la sa lunga della vita, e citando Montaigne (ma spacciando per proprio l'aforisma), è Lello Arena rivolto a Massimo Troisi nella scena iniziale di "Ricomincio da tre", quando l'amico gli confessa la sua decisione di andarsene da Napoli. Una volta giunto a Firenze, il Gaetano interpretato da Troisi, parlando delle sue origini, avrà difficoltà a farsi percepire dagli altri come viaggiatore. Per (quasi) tutti l'equazione "napoletano = emigrante" sarà risolutiva ed efficace. E lui invano proverà a contestarla. Il ricordo di questo film mi fa pensare che in effetti dentro l'idea stessa del viaggio c'è sempre un piccolo elemento riferibile alla fuga. E fuga e allontanamento, inevitabilmente, mettono in gioco il concetto di identità.

In questo numero di Area Uisp ci siamo buttati a capofitto sull'identità del viaggio e sulle tappe che lo costituiscono: dalla partenza, meditata e organizzata oppure folle e improvvisa, fino al ritorno, con le sue malinconie, le sue riflessioni. La parte al centro è quella più difficile da descrivere o da farsi raccontare. Noi ci abbiamo provato in vario modo. Innanzitutto con il consueto contributo di Vincenzo Manco, presidente Uisp Emilia-Romagna, e le riflessioni derivanti da un viaggio nel sociale. Poi ci siamo dedicati a un reportage, per incontrare in giro per l'Italia vecchi calciatori che andarono a giocare in nave i mondiali in Brasile nel 1950. Dal racconto di uno strano "ritiro" siamo passati al racconto dei Mondiali Antirazzisti, giunti quest'anno alla quindicesima edizione che sarà dedicata ai temi della migrazione e della libera mobilità. E poi siamo andati in casa nostra per scoprire con Nicola Alessandrini le proposte di turismo sportivo della Uisp in Emilia-Romagna. Paolo De Guidi invece ci ha riportato lontani da casa, a piedi per l'Europa a scoprire un mondo vissuto a cinque chilometri all'ora. La rubrica "Ricerca, innovazione e formazione" ha presentato un libro di imminente uscita incentrato sulle innovazioni derivanti dai movimenti della mente negli sport di situazione. Con le Leghe Uisp Emilia-Romagna ci siamo divertiti a scoprire diverse proposte di attività legate alla locomozione (in auto o in bici) e al cammino interiore (con le discipline bionaturali). Abbiamo chiuso con le indicazioni di Arsea srl sui vincoli giuridici nell'organizzazione di viaggi e trasferte e con la "provocatoria" recensione di Francesco Frisari su "Camminare" di Henry David Thoreau.

Rispetto alla sentenza di Lello/Montaigne, noi partendo più o meno sapevamo cosa cercavamo. Non sappiamo ancora bene quello che abbiamo trovato. Ma ci riportiamo indietro l'aver ricordato a noi stessi che, indipendentemente dal mezzo con cui lo si affronti, il viaggio è spesso un semplice atto di libertà - lo ricorda in un suo articolo, citando proprio Thoreau, anche uno dei nostri collaboratori - ovvero lo svolgimento lungo una linea di quel numero impressionante di metri o di chilometri che in genere copriamo in maniera circolare nei tragitti della nostra quotidianità. E non c'è nulla di titanico (come si capisce anche in questi racconti di viaggio), nulla che sappia di impresa. Dentro a un viaggio ci sono più che altro relazioni, con sé e con gli altri, e racconti.

FuoriArea.Net

Differenze in Gioco

Briciole di Pollicino: la formazione Uisp

Progetto Cuore

Progetto Assieme

Questionario soci Uisp

Questionario soci Uisp