Comitato Regionale

Emilia-Romagna

La Uisp: settant'anni di storia per il futuro

Bologna fulcro dei festeggiamenti dello sportpertutti. Appuntamento il 22 settembre dalle 9,30 al Teatro Comunale in piazza Verdi. Dalle 13,30 le celebrazioni continuano a Fico Eataly World

della redazione Uisp Emilia-Romagna

BOLOGNA – Si riparte da dove tutto è cominciato. Settant'anni fa, nel primo congresso della Uisp, tenutosi a Bologna al Teatro Comunale dal 19 al 22 settembre 1948, veniva ufficialmente sancita la nascita dell'Unione Italiana Sport Popolare, di fatto già proclamata il 4 aprile dello stesso anno. E il 22 settembre 2018 il Comitato regionale Emilia-Romagna della Uisp, nel frattempo diventata Unione Italiana Sportpertutti, sceglie filologicamente di ripartire da lì, invitando amici, dirigenti del passato e del presente e rappresentanti delle istituzioni in questo luogo simbolo per l'associazione e per la città di Bologna. Appuntamento dalle 9,30 alle 13 nel Foyer Rossini del Teatro Comunale

Questo lungo percorso ha portato la Uisp ad essere la più grande associazione di sportpertutti in Italia, con 1.300.000 soci e 17.500 società sportive affiliate. E Bologna è l'epicentro di questo mito di fondazione: dal 15 al 18 settembre 1948 si svolsero infatti i primi Campionati nazionali dello sport popolare, nello stadio Comunale, con 2.000 giovani coinvolti provenienti da 39 città. Una cosa mai vista prima, in nome della voglia di guardare avanti e di partecipare, con tanto entusiasmo per troppo tempo sepolto sotto le macerie del fascismo e della guerra. All'indomani dei Campionati, il citato primo Congresso nazionale, con un centinaio di delegati e rappresentanti di società sportive provenienti da tutta Italia. 

"Lo sguardo al passato però – sottolinea Mauro Rozzi, presidente della Uisp Emilia-Romagna – non avrà nulla di nostalgico, e sarà anzi inserito in un viaggio fatto di musiche e immagini, testimonianze e video. Tutto sotto l'egida di una visione unitaria, come simboleggiato dalla grafica scelta per l'evento, che mette insieme in una visione sintetica il territorio emiliano-romagnolo con le sue specificità sportive. Una visione di 'sport senza confini', come chiarisce lo slogan scelto, più che mai attuale, di fronte a paure e chiusure che attanagliano la cittadinanza. Un tema che sarà discusso in una breve apertura dell'iniziativa che vedrà anche il coinvolgimento delle istituzioni locali". 

Alle 13,30 i riflettori si sposteranno su Fico Eataly World, in via Paolo Canali 8, con un evento che si annuncia multicolore, fatto di riflessioni e attività sportive, video e reading musicali, con giovani e donne protagonisti, come fu per la nascita della Uisp. Nell'arena alle 14,30 inizieranno le attività organizzate dalle società sportive della Uisp Bologna (bici con persone disabili, calcio e biliardo giovanile, beach volley, balli di gruppo); nello spazio del Centro congressi di Fico, alle 15,30, prenderà il via l'incontro "Uisp: 70 anni per il futuro. Una storia di uomini e donne, il capitale sociale dello sport". 

L'apertura spetterà a Renato De Paolis, che fu tra i giovani partecipanti ai Campionati dello sport popolare del 1948, vincendo quattro medaglie d'oro nel nuoto. Dopo di lui si alterneranno video, performance teatrali e musicali e interventi coordinati da Elisabetta Soglio, responsabile Buone Notizie-Corriere della Sera. Parteciperanno: Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni; Gianni Gallo, rappresentante Enti di promozione sportiva nella Giunta Coni; Matteo Lepore, assessore a sport e cultura del Comune di Bologna; Vincenzo Manco, presidente nazionale Uisp; Alessandra Sensini, vicepresidente Coni; Stefano Tassinari, Forum nazionale del terzo settore.

"La Uisp si rinnova e guarda in avanti – afferma Vincenzo Manco, presidente nazionale Uisp –  e l'obiettivo di oggi è coerente con quello di 70 anni fa: allargare la pratica sportiva perché diventi un diritto per tutti, innovare le attività sportive e fare dello spazio sportivo un luogo accogliente e inclusivo per tutti, senza discriminazioni. L'uguaglianza è in gioco e vogliamo fare la nostra parte, attraverso lo sport".

NOTE:
Per chi arriva in auto a Bologna, nei pressi del Teatro Comunale (che si trova in Zona a Traffico Limitato) è possibile lasciare l'auto nel parcheggio interrato di Piazza VIII Agosto, distante 10 minuti a piedi dal teatro.
Per chi arriva in treno, dopo l'evento al Teatro, Fico Eataly World è raggiungibile con la navetta FicoBus dal centro di Bologna.

FuoriArea.Net

Briciole di Pollicino: la formazione Uisp

Differenze in Gioco

Progetto Cuore

Progetto Assieme

Questionario soci Uisp

Questionario soci Uisp