Comitato Regionale

Emilia-Romagna

Ecco il nuovo PalaMedolla

Inaugurato sabato 28 settembre il palazzetto dello sport rinato, con la Uisp e numerosi partner, al centro del cratere del terremoto del 2012

I relatori della conferenza stampa precedente l'inaugurazione del PalaMedolladi Federica Imbrogli - redazione Uisp Reggio Emilia

 

MEDOLLA (MO) - "Se vuoi arrivare primo, corri da solo. Ma se vuoi andare lontano corriamo insieme" recita il proverbio che ha ricordato Giorgio Baroni, vicepresidente di Uisp Modena all'inaugurazione del PalaMedolla, la nuova struttura creata dalla Uisp e presentata in conferenza stampa sabato 28 settembre nel centro sportivo del paese di Medolla, in provincia di Modena, al centro del "cratere" del terremoto che ha colpito l'Emilia nel maggio 2012. Il traguardo del nuovo palazzetto dello sport la Uisp e la bassa modenese lo hanno tagliato proprio correndo fianco a fianco, sin dal giorno dopo il sisma, grazie all'impegno e al contributo di numerosi partner come RadioBruno, Ecopneus, Sit In, Banca Etica, Sassuolo Calcio e di una serie di interlocutori locali come Aci Modena, Buon Ristoro, Modena Corre e il coordinamento podistico modenese. "Ci siamo subito rimboccati le maniche - ha raccontato il vice presidente del comitato Uisp di Modena Giorgio Baroni - e tutti insieme, amministrazione locale, cittadini, associazionismo sportivo abbiamo cercato di riportare un po' di normalità tra le persone, affrontando l'emergenza con un occhio alla programmazione". Importante è stato anche lo spirito di iniziativa dell'emittente radiofonica RadioBruno che attraverso la campagna "Teniamo Botta", a cui hanno aderito migliaia di persone, ha permesso di raccogliere le risorse necessarie alla partenza del progetto.

L'esterno del nuovo PalaMedollaA un anno di distanza dalla proposta della Uisp di costruire un impianto sportivo che sostituisse quello esistente, la tensostruttura del PalaMedolla (costata 250.000 euro) ospiterà l'attività ludico e sportiva di Medolla e dei comuni limitrofi configurandosi come un centro importante di socialità e aggregazione che "arricchisce - come ha ricordato il sindaco medollese Filippo Molinari - l'offerta sportiva preesistente, dimostrando come la ricostruzione sia allo stesso tempo una sfida e un'opportunità da cogliere per riqualificare il territorio". Il progetto del PalaMedolla incrocia infatti un percorso nazionale per la riqualificazione sostenibile dell'impiantistica sportiva avviato dalla Uisp, che è anche sostenitrice della campagna "Riduco, riciclo, riuso". La pavimentazione del palazzetto rispetta perfettamente il principio delle tre "r" perché realizzata da Ecopneus, partner del progetto, recuperando la gomma dei pneumatici fuori uso (Pfu) con la massima garanzia di prestazione e sostenibilità. Un approccio, quello dell'associazione dello "sportpertutti" che il presidente nazionale Vincenzo Manco ha definito sistemico perché "fautore di una nuova cultura dello sport e del vivere sostenibile fortemente legata ai territori e alle persone".

Alla conferenza stampa era presente anche Carlo Paris, giornalista di Rai Sport ormai amico degli abitanti della bassa modenese di cui ha raccontato la tragedia e la grande forza d'animo sin dalle prime ore dopo il sisma. "Lo sport ci insegna a rialzarci dopo la caduta - ha affermato il cronista sportivo -. Allo stesso modo ce l'hanno mostrato gli abitanti di questo territorio sostenuti da un'associazione attiva e presente come la Uisp". Alla presentazione hanno fatto seguito sin da subito esibizioni e tornei sportivi sino a sera, con attività organizzate dalla Uisp Modena in comune con le associazioni sportive locali, con RadioBruno e con l'amministrazione comunale.

FuoriArea.Net

Differenze in Gioco

Briciole di Pollicino: la formazione Uisp

Progetto Cuore

Progetto Assieme

Questionario soci Uisp

Questionario soci Uisp