Comitato Regionale

Emilia-Romagna

La Romagna in cicloturismo

Sabato 6 maggio le strade della Romagna sono state attraversate da 2300 ciclisti, dediti alla pedalata cicloturistica del Giro della Romagna. Niente tempi o cronometri, solo voglia di stare insieme e macinare kilometri
dalla U.C. Francesco Baracca

LUGO (RA) - La 39° edizione del Giro Cicloturistico della Romagna, svoltasi a Lugo domenica 6 maggio, si è confermata come una della principali manifestazioni nel panorama delle Gran Fondo ciclistiche non competitive. Preceduta dalla randonnée di sabato 5 maggio, nonostante le previsioni meteo non certo rassicuranti e la concomitanza con numerose altre manifestazioni ciclistiche, ha comunque visto una grande partecipazione: sono stati infatti circa 2300 i ciclisti presenti sui quattro percorsi.

Si è confermato anche  l’alto numero di società partecipanti, oltre 250, provenienti non solo dall’Emilia-Romagna e dalle Regioni limitrofe come Veneto, Toscana e Marche, ma anche da Lombardia, Trentino-Alto Adige, Friuli, Abruzzo, dando così una concreta dimostrazione del fatto che questa manifestazione è sempre più nel cuore dell’Italia cicloturistica.

La corsa vale come prova unica del Campionato nazionale di Cicloturismo per società Uisp, titolo tricolore che è andato alla Ciclistica Bitone di Bologna.  Il Giro della Romagna invece ha visto piazzarsi al primo posto per numero di partecipanti e chilometri percorsi il team Passion faentino, che ha preceduto la Ciclistica Bitone e l’Avis Faenza. Altre 52 società hanno ricevuto menzioni speciali; in palio anche due premi speciali alla memoria, intitolati a Delio Costa e Franco Argelli. Un altro premio prestigioso è stato estratto a sorte tra tutte le cicliste, ovvero un diamante certificato offerto dalla Gioielleria Ponzi di Lugo. La vincitrice baciata dalla fortuna è stata una ciclista del team Zanetti.

È stato molto apprezzato il pasta party finale, così come la presenza dei ristori lungo i percorsi e la degustazione dei prodotti OraSì a base di soia,  offerti da alcune hostess e dalla mascotte Chicca all’interno del tendone. La manifestazione è stata ripresa dall’emittente televisiva DiTv sul percorso lungo dei 170 chilometri e si è conclusa con un caloroso applauso per le decine di volontari che da settimane lavoravano all’organizzazione. Un appuntamento sempre piacevole e ben collaudato; si rinnova l’invito a tutti per l’anno seguente, in cui il Giro della Romagna festeggerà il suo quarantennale.

Briciole di Pollicino: la formazione Uisp

Differenze in Gioco

Uisp-a-mente

Progetto Cuore

Questionario soci Uisp

Questionario soci Uisp

Progetto Assieme