Comitato Regionale

Emilia-Romagna

Polisportiva Maranello

Il presidente Lorenzo Rossi: "Dalla ginnastica artistica fino al podismo abbiamo oltre 400 tesserati e ci fregiamo anche dei titoli della nostra Federica Ferraguti, oro nella staffetta e argento nei 200 metri agli Europei di Alicante in Spagna"

dallo speciale "I campioni dello sportpertutti"

 

MODENA - Lorenzo Rossi è il vulcanico presidente di una delle polisportive più attive sul territorio modenese, con settori come ginnastica artistica e ritmica, nuoto, basket, pallavolo, tennis, podismo. Tra i loro tesserati anche una campionessa di fama internazionale: la Polisportiva Maranello, infatti, è la casa di Federica Ferraguti, pluri-campionessa italiana ed europea di nuoto salvamento che da anni fa parte in pianta stabile della nazionale di questo sport. "Dalla ginnastica artistica fino al podismo per amatori abbiamo oltre 400 tesserati - racconta Rossi - ma ci fregiamo anche dei titoli della nostra Federica, che proprio quest'anno ha vinto agli Europei di Alicante in Spagna l'oro nella staffetta e l'argento nei 200 metri". Una campionessa che è anche d'esempio per tanti sportivi e per i più piccoli: "Assieme ad altri bravissimi istruttori, Federica è spesso nelle nostre piscine per insegnare ai bambini i trucchi del mestiere o anche solo per avviarli al nuoto per salvamento. Si dà molto da fare e il suo esempio è trainante per tutti gli altri".

Non solo alto livello però, sulle colline modenesi: "No anzi - prosegue il presidente - la nostra polisportiva si occupa soprattutto dello sport di base: dei nostri tesserati 350 sono amatori o comunque interessati solo allo sport di base. La nostra scuola nuoto per i più piccoli è molto frequentata, così come i corsi per i bambini nella ginnastica; abbiamo attività di base anche nel basket e nella pallavolo, anche se qui il movimento ha numeri un po' più scarsi". Le risorse sono quindi impiegate soprattutto per garantire questo tipo di attività? "Del nostro budget solo il 10-12% va alle attività di alto livello - risponde il presidente - come la pallavolo di serie C, in cui abbiamo 12 ragazze che si distinguono particolarmente, o certe gare di nuoto, con 20 atleti dagli ottimi risultati, specie nel salvamento. Per il resto ci occupiamo di garantire un'attività di base a tutti i fruitori della polisportiva. E in periodi di crisi come questo, in cui si è costretti a fare qualcosa, se dobbiamo tagliare lo facciamo sull'attività agonistica piuttosto che sui corsi". Ovvero? "Ovvero stiamo cercando di contenere il numero di squadre 'adulte' del volley o il numero di ragazzi agonisti nella nostra scuola nuoto. Per sopravvivere nel 2012 bisogna stare molto attenti a dove si spendono i soldi e come".

FuoriArea.Net

Briciole di Pollicino: la formazione Uisp

Differenze in Gioco

Progetto Cuore

Progetto Assieme

Questionario soci Uisp

Questionario soci Uisp