Comitato Regionale

Emilia-Romagna

Sport e attività fisica: una risorsa per l'inclusione sociale di immigrati e rifugiati?

Lunedì 28 novembre, nell'ex Bodoniana, Sandra Federici e Carlo Balestri parleranno dello sport come strumento di inclusione sociale

di Ilaria Cumali

BOLOGNA - Possiamo considerare lo sport una risorsa importante per l'inclusione sociale di immigrati e rifugiati? Questa è la domanda attorno cui ruoterà l'incontro di lunedì 28 novembre, organizzato da SportComLab, laboratorio di comunicazione sportiva dell'Alma Mater e patrocinato da Uisp Emilia-Romagna. L'appuntamento, inserito nell'ambito del corso di Sociologia generale di Scienze delle attività motorie, è fissato alle 9 nell'aula 1-2 dell'ex Bodoniana in via San Donato 19/2. Giovanna Russo, ricercatrice SportComLab, intervisterà Sandra Federici, direttrice della rivista Africa e Mediterraneo, e Carlo Balestri, vice presidente Uisp Emilia-Romagna e responsabile delle politiche internazionali. 

Uisp-a-mente

FuoriArea.Net

La Uisp in tasca

Progetto Cuore