Comitato Regionale

Emilia-Romagna

Un nuovo presidente per la lega atletica leggera Emilia-Romagna

Cristian Mainini, 37 anni, eletto nell'assemblea del 27 ottobre a Bologna: "C'è bisogno di fare rete e avere un regionale catalizzatore dei progetti territoriali"

di Fabrizio Pompei


BOLOGNA - Trentasette anni, nella Uisp dal 1991 come giudice di gara, Cristian Mainini è il nuovo presidente della lega atletica leggera dell'Emilia-Romagna. Il 27 ottobre, nella sede del comitato territoriale di Bologna, Mainini infatti si è visto affidare l'incarico dall'assemblea di lega. Membro del consiglio territoriale a Reggio Emilia, ne diventa presidente dal 2009 al 2012 e riveste il ruolo di coordinatore del settore giudici di gara nel consiglio nazionale. In regione, nell'ultimo quadriennio, si occupa del settore giovanile e dell'attività promozionale. Durante i lavori assembleari i presidenti e i delegati territoriali hanno esposto l'attività svolta negli ultimi quattro anni che ha permesso alla lega di crescere in fretta fino a 9600 tesserati. Il neoeletto presidente ha poi tracciato le linee guida per il futuro riassumibili in due punti: da un lato lasciare ai territori il compito di dare risposte alle esigenze dei cittadini, ognuno con le proprie specificità, proseguendo il lavoro fatto negli ultimi anni; dall'altro fare della lega regionale il "catalizzatore" delle realtà provinciali.

Per quel che riguarda i progetti, la lega regionale ha deciso di privilegiare le attività legate ai trail, e quelle ludico-motorie dedicate ai bambini delle scuole elementari e medie. "Abbiamo scelto di dare rilievo a queste attività - spiega Mainini - perché si tratta di specialità nuove e forti da un punto di vista promozionale. Organizzare eventi regionali 'classici', come è stato fatto negli anni passati, non paga: ogni provincia ha già i propri campionati, c'è un sovrannumero di manifestazioni 'istituzionali', non ha senso farne altre. Dobbiamo cercare invece di mettere in rete le varie iniziative e, attraverso il sito web della Uisp regionale, dar loro maggiore visibilità". Presentato anche il nuovo progetto dei gruppi di cammino. "L'idea - racconta il neopresidente - è quella di stilare un documento regionale da sviluppare sede per sede nei territori. Ogni comitato potrà così organizzare i propri percorsi con educatori che insegnino a camminare in modo salutare".

Altro tema trattato quello delle convenzioni con altri enti, primo fra tutti la Federazione italiana di atletica leggera (Fidal). "Portiamo avanti il rapporto con la federazione - afferma - che, dal canto suo, si è sempre mostrata aperta nei nostri confronti, sapendo bene che la Uisp è una realtà importante. Una novità assoluta è invece la convenzione, stipulata prima a livello nazionale e poi regionale, con gli altri enti di promozione, indispensabile per la copertura assicurativa di chi partecipa alle gare". Ultimo impegno quello per l'ecosostenibilità delle manifestazioni sportive. "La Uisp - ha concluso il presidente della lega - ha il dovere di difendere l'ambiente. Vanno tracciate perciò le linee guida per rispettare non solo la natura dei boschi ma anche delle città e delle piazze in cui si svolgono le nostre iniziative".

FuoriArea.Net

Differenze in Gioco

Briciole di Pollicino: la formazione Uisp

Progetto Cuore

Progetto Assieme

Questionario soci Uisp

Questionario soci Uisp