Comitato Territoriale

Ferrara

Porte aperte per il Vivicittà

Vivicittà non conosce confini né barriere e questa mattina si è svolto, come da tradizione, anche nella Casa Circondariale di Ferrara

La “corsa più grande del mondo” - che si corre in 42 città in Italia, 11 all'estero e in molti istituti penitenziari - ha coinvolto una trentina di atleti che hanno percorso tre giri del carcere. Tra i presenti, oltre ai podisti di Atletica Corriferrara, anche Paolo Calvano. L'evento rientra nel progetto leporteaperte, coordinato da Davide Guietti (Uispfe).

L’attività motoria Uisp in carcere è resa possibile da un protocollo d’intesa a livello nazionale fra UISP e il Ministero della Giustizia e a livello locale grazie ad una convenzione con il Comune di Ferrara avviata nel 2003 e rinnovata in questi anni. Anche il contributo del progetto, stanziato fin dal 2003, è stato rinnovato per i prossimi tre anni. A garanzia della buona riuscita dell'iniziativa vi è l'instancabile impegno della Commissione sportiva, composta dalle educatrici e dai rappresentanti dei detenuti.