Comitato Territoriale

Ferrara

Ricominciano le sfide di volley in carcere

"Riaprono le porte" della casa Circondariale di Ferrara con la prima partita del 2018 di volley. Sabato 10 marzo si svolgerà, infatti, una sfida in carcere tra la squadra di detenuti allenati puntualmente ogni giovedì dell'anno da Michele Testoni e un gruppo di pallavolisti amatoriali provenienti da Castello d'Argile e Ferrara. Dopo la consueta sfida tra le due formazioni, gli atleti si mescoleranno per creare nuove squadre e confrontarsi amichevolmente in nuovi set. "In queste partite conta poco il dato tecnico, chiunque partecipi sarà vincitore - precisa Michele - più rilevante è il dato umano. "Dentro" e "fuori" si incontrano, due mondi diversi ma grazie a queste occasioni meno distanti e a facilitare  questo incontro c'è lo sport, una rete, una palla e la voglia di giocare". L'evento, che si ripete mediamente cinque o sei volte l'anno, rientra nelle attività del progetto "Le porte aperte", coordinato da Davide Guietti (Uisp Fe). L’attività motoria in carcere è resa possibile da un protocollo d’intesa a livello nazionale fra UISP e il Ministero della Giustizia e a livello locale grazie ad una convenzione con il Comune di Ferrara avviata nel 2003 e rinnovata in questi anni. Anche il contributo del progetto, stanziato fin dal 2003, è stato rinnovato per i prossimi tre anni. A garanzia della buona riuscita dell'iniziativa vi è l'instancabile impegno della Commissione sportiva, composta dalle educatrici e dai rappresentanti dei detenuti.