Nazionale

Cooperazione Uisp in Libano: domenica 21 maggio Vivicittà a Tripoli

Mille bambini libanesi, palestinesi e siriani correranno nella seconda città più importante del Libano. Interviene M. Tossini
 
 
Vivicittà conferma la sua vocazione solidale e internazionale con l’edizione 2017 della corsa Uisp in Libano: la manifestazione si terrà domenica 21 maggio a Tripoli, la seconda città per importanza del Libano, dopo Beirut. Massimo Tossini, coordinatore attività Uisp in Libano, è stato nel paese dei cedri dal 14 al 17 marzo per prendere accordi con i partner nell’organizzazione di Vivicittà ed effettuare un sopralluogo in vista dell’evento.

“Ho incontrato il sindaco di Tripoli, Ahmad Kamareddine, i rappresentanti di UNRWA, Agenzia Onu per i rifugiati palestinesi, e dell'Agenzia italiana cooperazione allo sviluppo, che hanno confermato l’interesse e l’entusiasmo verso la nostra corsa di pace e solidarietà tra i popoli - racconta Massimo Tossini - Vivicittà si terrà negli spazi della Fiera di Tripoli, commissionata all’architetto brasiliano Oscar Niemeyer nel 1963 e abbandonata dal 1975 a causa dello scoppio della guerra civile libanese. È una struttura di 10.000 ettari con 15 edifici che sono opere d’arte incompiute. Si tratta di uno spazio suggestivo e dall’alto valore architettonico, al cui interno si terranno le premiazioni, mentre la corsa vera e propria si snoderà lungo un circuito esterno che costeggia il perimetro della fiera, con la partenza e l’arrivo fissati davanti all’ingresso principale”.

Lo slogan di Vivicittà 2017 in Libano sarà “Run for growing together-Corri per crescere insieme”: “Come ogni anno i protagonisti saranno i bambini - conclude Tossini - parteciperanno in mille, metà provenienti dalle scuole libanesi e metà da quelle palestinesi, insieme ai bambini siriani rifugiati che frequentano le scuole a Tripoli”.

In questa occasione Tossini ha incontrato anche i rappresentanti della ong Terre des hommes, con cui l’Uisp collabora per i progetti di cooperazione in Libano. La ong sarà partner del progetto di solidarietà legato a Vivicittà 2017. Le due realtà hanno progettato di costruire un campetto sportivo a Qasr, per rispondere alle esigenze di gioco e svago dei bambini che risiedono in questa località. Secondo gli ultimi dati dell’UNHCR (Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati), il Libano ospita 1,011,366 rifugiati siriani, la maggior parte dei quali, circa 360,733 vive nell’area più fertile ma allo stesso tempo più povera e meno sviluppata del paese, la Valle della Bekaa. Qasr è un piccolo paese situato nell’estremo nord della valle della Bekaa dove non ci sono vita sociale, scuole, punti di ritrovo e spazi per giovani e bambini.

 

gfx-hub.net

UISPRESS

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

BIBLIOTECA UISP

GIORNALE RADIO SOCIALE