Nazionale

L’Uisp Roma fa scaccomatto con il Campionato a squadre

Sarà una domenica all’insegna dello storico campionato di Scacchi a Squadre Uisp, che si giocherà presso l'impianto Fulvio Bernardini

 

Domenica 14 aprile presso l’impianto Fulvio Bernardini andrà in scena la 40esima edizione del Campionato di Scacchi a Squadre Uisp. Si preannuncia una splendida splendida mattinata di sport sociale e per tutti. L’inizio dell’evento di domenica è previsto per le 9.00 con la conferma delle iscrizioni raccolte nei giorni precedenti. Il via ai giochi avverrà invece intorno le 9.30. A sfidarsi saranno oltre 100 alunni, d’età compresa tra i 6 e i 14 anni, appartenenti alle scuole dell’obbligo di Roma e provincia. Non solo infatti scuole del comune romano ma anche altre realtà provenienti da territori limitrofi come Mentana e Sacrofano. Ogni istituto potrà partecipare con una o più squadre composte ciascuna da 4 giocatori. Dietro la scelta di un campionato non individuale ma a squadre c’èl’obiettivo di coinvolgere i bambini che da poco hanno iniziato la loro pratica scacchistica. In base ai risultati delle loro sfide porteranno punti alle rispettive compagini fino al termine dei 5 turni di gara previsti. Saranno tutti impegnati in un’avvincente mattinata di scacchi che avrà il suo termine ultimo verso le 14.30 con la cerimonia di premiazione. Verrà assegnato un trofeo alle prime tre squadre della classifica finale. Inoltre saranno premiate anche le categorie under 12,10,9,8 e tutti i bambini riceveranno una medaglia per la partecipazione alla competizione, oltre a dei regali “a sorpresa”. Per la riuscita della manifestazione sono da ringraziare insegnanti, istruttori, arbitri e genitori, coinvolti in prima persona.  L’organizzazione della manifestazione è stata curata anche da Edelvisa Iarusci, responsabile Giochi da tavoliere e Marco Ottavi, responsabile Scacchi, che ne curano la realizzazione da oltre venti anni. Entrambi saranno presenti domenica all’impianto “Fulvio Bernardini” e coordineranno l’evento organizzato dalla Struttura di Attività Giochi dell’Uisp Roma che promuove uno sport diverso rispetto ai più ordinari.

Nell’immaginario collettivo quando si pensa allo sport s’intende spesso una prestazione fisica e atletica. Ma non sempre l’attività sportiva è sinonimo di movimento dinamico, sudore e fatica. Poche persone, ad esempio, penserebbero agli scacchi come una disciplina alla pari dei più popolari calcio e pallavolo. Invece gli scacchi sono uno sport a tutti gli effetti e rappresentano un caso emblematico di attività dove la mente prevale sul braccio. Con i suoi schemi mentali e le sue tattiche la scacchiera diventa metafora della vita e dei ragionamenti che si compiono quotidianamente. Dunque si tratta di un’attività che favorisce una crescita intellettuale ma anche sociale. Infatti il gioco degli scacchi elimina la violenza e l’aggressività fisica incentrandosi invece sul divertimento e la formazione insieme a persone che si pongono sullo stesso piano di stima e rispetto.

In questa realtà l’Uisp è stata una delle prime a dedicarsi allo sviluppo della disciplina scacchistica rivolta ai giovani a livello nazionale.  L’interesse dell’associazione per gli scacchi è nato perché attraverso questo sport i ragazzi pratichino un’attività ludica con la quale possano crescere e rapportarsi con dei coetanei seguendo delle regole. Il Campionato a Squadre dell’Uisp Roma nasce con lo stesso fine. Il torneo è uno dei più longevi campionati under 16 nel panorama scacchistico nazionale. Nella capitale il campionato che domenica spegne le quaranta candeline è stato ideato negli anni settanta , sotto l’egida ARCI-Uisp da Sebastiano Izzo, coadiuvato da Ascenzo Lombardi. Il primo una figura importante nel mondo ludico italiano, il secondo grande promotore degli scacchi. Successivamente il Campionato è stato organizzato dagli Scacchi Uisp con i vari dirigenti che si sono succeduti: Alessandro Pompa, Mario Albano, Fabio Mariotti, Edelvisa Iarusci, Marco Ottavi. Tutti, tranne l’ultimo, docenti della scuola pubblica , a ulteriore testimonianza della valenza del gioco come strumento di insegnamento. In particolare Mario Albano è una figura importante del gioco degli scacchi all’interno delle scuole italiane. Proprio lui ha dato vita al progetto “Scacchi: gioco per crescere!” con il quale ha introdotto questa attività nell’istruzione primaria con il benestare dell’allora Provveditorato agli Studi. Se oggi la disciplina degli scacchi è una dei punti di forza dell’Uisp, lo si deve anche a Mario Albano e alle sue iniziative. Purtroppo il maestro non ha visto concretizzare appieno i suoi progetti a causa della prematura scomparsa. Ciò nonostante il campionato a squadre ha raggiunto sempre maggiore successo e continua a disputarsi anche in suo ricordo. (a cura di Pierluigi Lantieri)

 

virtualbb.com chat18.webcam

UISPRESS

PAGINE UISP

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

LE DIRETTE

BIBLIOTECA UISP