Nazionale

#RiGenerazioneNonProfit: l’Uisp con i giovani del terzo settore

Il 6 e 7 ottobre a Bologna 150 giovani provenienti dal terzo settore, tra cui sei dell'Uisp, si sono confrontati su futuro, sviluppo e partecipazione

 

Tra i 150 giovani under 35 impegnati nelle organizzazioni di terzo settore, che si sono confrontati sul futuro e sulle nuove sfide del non profit il 6 e 7 ottobre a Bologna, c’erano anche sei operatori Uisp. Sono stati tra i protagonisti della manifestazione nazionale “CON IL SUD – Rigenerazione Non Profit”, che si è svolta in occasione dell’11° compleanno della Fondazione CON IL SUD.

GUARDA IL VIDEO

Nel corso della giornata di sabato si sono costituiti avviato i “Cantieri di design sociale”: quattro workshop tematici, con l’obiettivo di condividere idee e riflessioni su ciò che li riguarda più da vicino, il loro futuro. I temi affrontati: lavoro e reddito con il sociologo Domenico De Masi; innovazione culturale, innovazione sociale con Claudio Gubitosi, fondatore e direttore del Giffoni Film Festival; identità multiculturali; informazione e uso consapevole dei nuovi media con Paolo Pagliaro, giornalista e scrittore.

I sei rappresentanti dell’associazione dello sportpertutti provenivano dalla Sardegna, dal Friuli Venezia Giulia, dalla Sicilia e dall’Emilia Romagna. “Sono qui per rappresentare la mia generazione all'interno del comitato Uisp – ha raccontato Luana Sanna, che collabora con l’ufficio progetti dell’Uisp Sardegna ed è attiva nel Punto luce di Sassari, hub educativo promosso da Save the children - È un'esperienza molto importante, perché abbiamo l’opportunità di confrontarci con altri giovani che fanno parte del mondo del non profit ed essere parte di una fucina di idee.  Inoltre, siamo guidati da persone importanti che per noi sono sicuramente dei modelli e delle ispirazioni. La mia aspettativa è che questo cantiere possa avere un seguito, a livello locale ma anche nazionale: mi auguro che organizzino degli altri incontri e che tengano in considerazione le proposte che emergeranno da questa due giorni”.

“Nel terzo settore ci sono migliaia di giovani che ogni giorno, con un lavoro costante e improntato sulla solidarietà, creano nuove forme di partecipazione, sperimentano modelli di sviluppo alternativi e immaginano soluzioni innovative ai problemi di oggi - ha sottolineato Claudia Fiaschi, portavoce del Forum terzo settore - E’ ora di riconoscere alle nuove generazioni lo spazio per la costruzione del futuro, ed è per questo che il Forum ha deciso di intraprendere con loro un percorso di “contaminazione” di idee, visioni e stimoli. RiGenerazioneNon Profit, in questo senso, rappresenta solo l’inizio: il terzo settore del domani, per avere basi solide, dovrà crescere insieme alla sua base giovanile”.

Serena Siciliano, in rappresentanza dell’Uisp Iblei, dove collabora all’organizzazione delle manifestazioni sportive del comitato, ha preso parte al cantiere di design sociale su lavoro e reddito: “Siamo qui con il Forum del terzo settore per trasmettere al mondo delle associazioni quali pensiamo siano le necessità per creare un futuro migliore, dal punto di vista del lavoro. Ho notato parecchio pessimismo e negatività sul tema delle prospettive di lavoro. Viviamo una situazione comune, che è quella di vedersi confusi tra volontariato e lavoro, e sento intorno a me tanta voglia di rinnovamento e cambiamento. In questa occasione ci stiamo scambiando idee per stimolare il miglioramento e l’innovazione e lo stiamo facendo partendo dai giovani: ci stanno ascoltando per capire quali sono le prospettive e le innovazioni che vorremmo nel mondo del lavoro”.

Nella giornata di sabato 7 ottobre, oltre ai saluti in apertura di Giusella Finocchiaro, presidente Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Leone Sibani, presidente Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna e Federico Amico, portavoce Forum terzo settore Emilia Romagna, sono intervenuti Carlo Borgomeo, presidente Fondazione CON IL SUD, Giuseppe Guzzetti, presidente Acri e Claudia Fiaschi, portavoce Forum terzo settore.

“Aver deciso di festeggiare il compleanno della Fondazione all’Opificio Golinelli di Bologna è in linea con l’argomento che vogliamo affrontare: i giovani e il terzo settore - ha dichiarato Carlo Borgomeo, presidente della Fondazione CON IL SUD - Il titolo della manifestazione sottolinea il doppio angolo visuale con il quale ci siamo approcciati al tema: la rigenerazione di un pezzo della nostra società interessato da una importante riforma che passa anche attraverso un nuovo protagonismo dei giovani e un proficuo rapporto intergenerazionale. Ampliando il concetto – ha concluso Borgomeo – potremmo dire che auspichiamo una rigenerazione del Paese con il terzo settore e i nostri giovani”.

“Tante sono le esperienze che, secondo il modello della comunità partecipata, mettono insieme Fondazioni di origine bancaria e altri enti del terzo settore per dare ai giovani opportunità di crescita umana e di formazione professionale, aiutandoli a tessere una rete sociale in grado di accompagnarli e sostenerli - ha dichiarato Giuseppe Guzzetti, presidente Acri - In questo senso vanno anche le attività della Fondazione CON IL SUD, che ha un obiettivo specifico di infrastrutturazione sociale del Mezzogiorno”.

Gli stimoli progettuali emersi dalle giornate di Bologna sono stati raccolti in un instant book e saranno utilizzati dal Forum per implementare la sua Agenda 2018, il documento programmatico che orienterà l’impegno dell’organizzazione.

 

gfx-hub.net

UISPRESS

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

BIBLIOTECA UISP

GIORNALE RADIO SOCIALE