Nazionale

Grande partecipazione per Vivicittà in carcere a Firenze e Torino

Lunedì 14 maggio nella casa circondariale Lorusso e Cutugno di Torino, sabato 12 nell'istituto Gozzini di Firenze: atleti e detenuti fianco a fianco

 

Lo sportpertutti è entrato ancora una volta al Lorusso e Cutugno: lunedì 14 maggio l'Uisp Torino ha organizzato la nona edizione di Vivicittà all’interno della casa circondariale torinese in versione pomeridiana, con start alle 15.30. La manifestazione ha coinvolto attivamente una cinquantina di detenuti, tre donne e una trentina di runner delle società Equilibra, Atletica Venaria, Fiamma azzurra Torino, Olimpiatletica, Doratletica e Gruppo Interforze, che hanno raccolto l’appello dell'Uisp. 
Gli atleti hanno corso accanto ai detenuti lungo i tre giri del circuito attorno alle mura della casa circondariale.
Come sempre ad assistere e tifare erano presenti gli operatori Uisp, gli educatori, un rappresentante del Garante dei detenuti del Comune di Torino, il Comandante di reparto e gli stessi agenti della Polizia penitenziaria. La collaborazione dell’Amministrazione penitenziaria, dei tanti volontari e della Uisp hanno regalato una “giornata speciale”, facendo abbattere il muro e l’isolamento per chi vive dietro le sbarre con un momento di #sportpertutti.

GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA

Sabato 12 maggio un giorno in carcere con l'Uisp Firenze nel segno della corsa e della solidarietà: si è disputata la seconda edizione di Vivicittà all'interno della casa circondariale Mario Gozzini di Firenze. La manifestazione, organizzata da Uisp Firenze e fortemente voluta dalla direttrice della casa circondariale Margherita Michelini, ha visto podismo e solidarietà andare a braccetto con la manifestazione di punta in casa Uisp: Vivicittà, ormai da alcuni anni, coinvolge attivamente anche le carceri italiane e Firenze ha sempre risposto all’appello. E' l’ottava volta che l'iniziativa di Uisp Firenze si svolge dietro le sbarre, la seconda tra le mura del Gozzini. A raccogliere l’appello di Uisp Firenze una pattuglia numerosa e motivata di atleti pronti a correre al fianco dei detenuti.

Quest’anno sei i giri attorno alle mura della casa circondariale, con una partecipazione molto alta da parte dei reclusi: una cinquantina i partecipanti tra chi ha corso e chi invece ha preferito camminare. A fare il tifo gli operatori Uisp che portano avanti i progetti in carcere, gli educatori e gli agenti della polizia penitenziaria. A rappresentare le istituzioni, confermando una vicinanza che non è solo di facciata ma concreta, la presidente della commissione sport e cultura del Comune di Firenze Maria Federica Giuliani e il presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni. A vincere anche quest’anno Jamal, detenuto marocchino che già si era imposto l’anno scorso. Ha ricevuto la coppa e i complimenti della direttrice e del vice presidente di Uisp Firenze Annalisa Saviozzi.

GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA

Vivicittà e l’Uisp Firenze hanno ribadito anche quest’anno la loro presenza attiva in carcere. Il comitato Uisp sta portando avanti da tempo il progetto “Sport in libertà”: appena due settimane fa l’amichevole con la formazione degli Anelli Mancanti, composta da rifugiati e richiedenti asilo, che ha vinto la promozione del campionato di calcio a 5 Uisp. Gara disputata dai detenuti con le maglie donate dal vice presidente della Fiorentina Gino Salica. GUARDA IL VIDEO con il servizio della TgR Rai Toscana.

 

gfx-hub.net chat18.webcam

UISPRESS

PAGINE UISP

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

BIBLIOTECA UISP