Nazionale

Uisp in lutto per Stefano Colasanti, morto nel rogo sulla Salaria

Il vigile del fuoco era socio Uisp, giocava nella squadra di Vazia (Rieti). Il cordoglio di tutta l'associazione e il ricordo di C.Ubertini, Uisp Rieti

 

Ricordiamo Stefano Colasanti, uno di noi, uno sportivo iscritto alla nostra associazione, morto ieri nell'esplosione dell'autocisterna sulla Salaria. L’Uisp è in lutto. I funerali si terranno martedì 11 dicembre alle 11, nella Cattedrale di Rieti. Dal giorno prima, lunedì 10, sarà aperta la camera ardente al Comando provinciale dei Vigili del fuoco.

Il cordoglio dell'Uisp va anche all'altra persona vittima del disastro, Andrea Maggi, e un pensiero, con l'augurio di pronta guarigione, va all'indirizzo delle 24 persone ferite.

Stefano giocava nella squadra Vazio Calcio a 5, che partecipa al Campionato Uisp e prende il nome dalla frazione del Comune di Rieti nella quale era nato. Inoltre allenava la squadra di calcio a 5 femminile del Cittàducale. Colasanti si stava recando da Rieti a Monterotondo per far revisionare un camion dei Vigili del fuoco. Ma quando, sulla Salaria nei pressi di Fara Sabina, ha visto l’incendio si è fermato ed ha aiutato le persone, come era abituato a fare. Stefano, 50 anni, è morto così: per fare il vigile del fuoco. Si è dato da fare, ha lanciato l’allarme ed è stato investito dal muro di fuoco dell’esplosione.

Caterina Ubertini, presidente Uisp Rieti lo conosceva personalmente ed ha impresso nella testa il suo modo cordiale e gentile di porgersi agli altri: “E’ davvero difficile per la Uisp di Rieti parlare dell’amico Stefano Colasanti scomparso in un’occasione come questa. Se ne va una persona perbene, il cordoglio è unanime da parte della struttura di Calcio a 5, del Settore arbitrale e dei tantissimi amici che lo hanno incontrato nei campi di gioco. Con Stefano scompare una persona sensibile, capace, aperta, sempre disponibile e soprattutto un amico carissimo che lascia in tutti quelli che lo hanno conosciuto un vuoto difficile da colmare. Una vena di dolore, tristezza e malinconia ci attraversa tutti. Caro Stefano ci mancherai.” 

Colasanti, originario di Vazia, era molto conosciuto a Rieti, lascia una figlia. E nella tragedia il destino ha voluto che il fratello, in servizio presso la Questura di Rieti, abbia saputo della morte di Stefano intervenendo sul posto.  Caterina Ubertini, presidente Uisp Rieti, è costernata. (I.M.)

 

virtualbb.com chat18.webcam

UISPRESS

PAGINE UISP

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

LE DIRETTE

BIBLIOTECA UISP