Progetti

Uisp: la nuova carta dei diritti delle donne nello sport

Un doppio appuntamento per presentare la nuova Carta dei diritti delle donne nello sport: martedi 24 maggio 2011 nella sede del Parlamento Europeo a Bruxelles e giovedi 26 maggio nel Teatro dal Verme a Milano.

Un doppio appuntamento per presentare la nuova Carta dei diritti delle donne nello sport: martedi 24 maggio, alle 18.30, nella sede del Parlamento Europeo a Bruxelles e giovedi 26 maggio, alle 17, nel Teatro dal Verme a Milano.
La Carta europea dei diritti delle donne nello sport è stata elaborata dall’Uisp in collaborazione con altri partner internazionali, nell’ambito del progetto “Olympia: equal opportunities via and within sport”, promosso e coordinato dall’associazione italiana.
L’incontro di domani a Bruxelles, oltre ad illustrare i contenuti della Carta frutto di un lavoro durato 15 mesi, sarà l’occasione per discutere sulle future politiche comunitarie in merito alle pari opportunità di genere. Il testo è la rivisitazione e l’ammodernamento di un documento analogo prodotto dall’Uisp nel 1985 e adottato dal Parlamento Europeo due anni dopo.

Daniela Conti, del Dipartimento internazionale Uisp, è una delle dirigenti coinvolta nella stesura del testo. “A distanza di oltre 25 anni dalla prima Carta dei diritti delle donne nello sport permangono ancora grosse diseguaglianze di genere, soprattutto per ciò che concerne il coinvolgimento delle donne in ruoli di potere e comando, all’interno degli Enti, delle Federazioni, delle società sportive. Si perpetuano inoltre gli stereotipi relativi alla pratica vera e propria, a quelle che sarebbero le discipline riservate alle donne o ad esclusivo appannaggio degli uomini”

Quali sono le principali differenze rispetto alla prima versione?
“C’è sicuramente una maggiore attenzione al tema della multiculturalità – risponde – e più in generale a tutte le forme di discriminazione, culturali, religiose. Si parla anche di disabilità è c’è un capitolo specifico relativo all’orientamento sessuale. Per la prima volta poi viene affrontato il tema del rapporto delle donne con il tifo organizzato”.
“Alla Carta – aggiunge la Conti – è associata una mappatura delle ricerche esistenti in materia di differenze di genere, che suggerisce quali sono le aree e le problematiche che andrebbero maggiormente indagate”.
La Carta è strutturata in cinque capitoli a carattere tematico e nello specifico riguardano: la pratica dello sport; la leadership; il mondo dell’educazione; donne sport e media; le donne e il tifo organizzato. La Carta contiene delle raccomandazioni pratiche per intervenire all’interno dei club sportivi e nei programmi di formazione – Da parte dell’Uisp c’è l’impegno a promuovere e discutere la Carta all’interno e all’esterno dell’associazione e a tradurre in azioni concrete le raccomandazioni previste”.

La presentazione della Carta è ospitata e patrocinata dall’onorevole Silvia Costa, europarlamentare. Tra gli altri, interverranno anche Filippo Fossati, presidente Uisp e Bart Ooijen, dell’Unità sport della Commissione Europea. Modererà l’incontro Daniela Conti.
Oltre all’Uisp hanno partecipato al progetto “Olympia: equal opportunities via and within Sport” e alla stesura della Carta l’associazione austriaca Vidc, Vienna institute for international dialogue, la francese Licra, Ligue internationale contre le racisme et l’antisemitisme, l’Isca, l’International sport and culture association, network internazionale con base in Danimarca, e il Dipartimento di scienze dello sport dell’Università di Copenhagen.

CONTATTI

Ufficio progetti - Sede Uisp Nazionale
L.go Nino Franchellucci, 73 00155 Roma
Tel.: +39.06.43984350 - 345 - 346
Fax: 06.43984320
e-mail: progetti@uisp.it

AVVISO SELEZIONE PERSONALE