UISP Sport per Tutti

Comitato Territoriale Varese

Area Intranet | Webmail

vai alla home page
Titolo della manifestazione

Assicurazioni: nuovi servizi per i soci

Clicca qui e scopri la nuova piattaforma per società e soci

Titolo della manifestazione

BICINCITTA' 2015: 130 città in bici

in sella per città più vivibili

Titolo della manifestazione

Area Terza Età

Il movimento come stile di vita: verso un progetto integrato di prevenzione della salute.

Le erogazioni liberali

 

Erogazione liberale :
Si intende qualsiasi importo ricevuto dall’associazione sportiva per il quale l’associazione non assume alcuna obbligazione implicita o esplicita diretta ad uno scambio negoziale.
Quando l’erogazione avviene a favore di un sodalizio sportivo, tale introito si qualifica per quest’ultimo come entrata “istituzionale”, quindi non soggetta a tassazione, a nulla rilevando la natura del soggetto donante (privato o pubblico).
Chi effettua erogazioni liberali verso sodalizi sportivi dilettantistici, infatti, può godere di una detrazione dall’imposta lorda (Irpef) pari al 19% dell’importo donato, che solo al fine del calcolo dell’agevolazione non può superare l’importo di 1.500,00 euro per ciascun periodo d’imposta.
Per le ASD la detrazione fiscale per il soggetto erogante è consentita a condizione che il versamento di tali erogazioni e contributi sia eseguito tramite banca o ufficio postale.
La ricevuta se supera euro 77,47 deve essere provvista di marca da bollo.
Sulle ricevute dovrà essere scritto: “importo che beneficia del trattamento fiscale di cui all’articolo 15 primo comma lettera i – ter del testo unico delle imposte sui redditi.


Pubblicità e sponsorizzazioni
La distinzione tra proventi da sponsorizzazione e proventi da pubblicità è strettamente correlata all’esistenza o meno di un rapporto non occasionale con l’organizzazione e lo svolgimento dello spettacolo sportivo.
Trattasi di pubblicità se:
l’attività promozionale è solo occasionalmente legata a quell’evento
l’attività promozionale avviene tramite cartelli, striscioni, manifesti collocati ai margini di un campo sportivo rispetto ai quali qualsiasi fatto agonistico è occasione per rendere operativo il messaggio propagandistico
su tali proventi va versata l’Iva pari al 50% dell’importo indicato in fattura
Si ha sponsorizzazione se:
fra la promozione di un nome o di un marchio e l’avvenimento agonistico viene istituito uno specifico abbinamento
l’attività promozionale avviene generalmente tramite l’abbigliamento degli atleti
su tali proventi l’iva da versare e’ pari al 90% dell’importo indicato in fattura
sussiste carattere di continuità.
Resta inteso che in entrambi i casi l’associazione diviene soggetto passivo Iva e soggetto passivo IRES e per poter fatturare deve essere in possesso del numero di Partita Iva



Vendita a pagamento di abbigliamento sociale ad atleti tesserati
La cessione di beni nuovi “prodotti per la vendita” è, ai sensi di quanto previsto dal comma 4 dell’articolo 148 del Tuir, da considerarsi sempre attività commerciale, anche se fatta in favore di associati o tesserati. Pertanto il corrispettivo assume rilevo sia ai fini Iva che Ires. I soggetti che hanno optato per gli adempimenti di cui alla legge 398/91 sono esonerati dall’obbligo di certificazione dei corrispettivi. Ne consegue che, se richiesto espressamente dall’acquirente, sarà obbligatoria l’emissione di fattura con Iva, altrimenti l’ associazione sportiva potrà liberamente determinare le modalità attraverso le quali giustificare tali ricavi.
Diverso sarebbe il caso in cui il materiale sportivo fosse semplicemente ceduto a titolo gratuito ai soci.Quando un sodalizio sportivo gestisce autonomamente un bar, i relativi proventi sono considerati dalle norme tributarie sempre soggette a tassazione, anche se l’attività è rivolta in modo esclusivo a favore dei propri associati. In questo caso il sodalizio sarà tenuto ad espletare gli adempimenti richiesti per l’esercizio di attività commerciale, aprendo partita iva, e rilasciando per ogni operazione effettuata apposito scontrino (a meno che non abbia optato per il regime forfetario della legge numero 398/91).
Se però il sodalizio è affiliato ad un ente di promozione sportiva, i proventi derivanti dalla somministrazione ai soci sono fiscalmente neutri, anche in corrispondenza di utili. A tal fine è necessario che l’attività in esame sia effettuata presso i locali o la sede del sodalizio stesso, che essa sia strettamente complementare alle attività istituzionali (sportive) poste in essere dal sodalizio, ed a favore esclusivo dei soci dell’associazione medesima o tesserati dell'ente di promozione sportiva cui fa parte il sodalizio stesso.
L’attività di “somministrazione”, qui in commento, riguarda esclusivamente la cessione ai soli soci di alimenti e bevande, comprendendo, ad esempio, la preparazione di panini o il riscaldamento di cibi precotti ma non si riferisce all’attività di ristorazione (intesa come attività di trasformazione e manipolazione di prodotti alimentari in pietanze), che rimane in ogni caso attività di tipo commerciale, soggetta ad autorizzazioni specifiche.
La cessione di beni nuovi prodotti per la vendita è, ai sensi di quanto previsto dal comma 4 dell’articolo 148 del Tuir, da ritenersi sempre attività commerciale, anche se fatta in favore di associati o tesserati. Pertanto il corrispettivo assume rilevo sia ai fini Iva che Ires. I soggetti che hanno optato per gli adempimenti di cui alla legge 398/91 sono esonerati dall’obbligo di certificazione dei corrispettivi. Ne consegue che, se richiesto espressamente dall’acquirente, sarà obbligatoria l’emissione di fattura con Iva, altrimenti l’ associazione sportiva potrà liberamente determinare le modalità attraverso le quali giustificare tali ricavi.

Visualizzato: 856 volte

Taccuino

 
24/05/2015 - Navacchio (PI)
Seminario di judo
24/05/2015 - Marina Romea (Ra)
Beach tennis
23/05/2015 - Padova
Una questione di dignità
23/05/2015 - Toscana
Dynamo bike challenge
23/05/2015 - Cervia (Ra)
Campionato giovanile di tennis
21/05/2015 - Lugo
Camminata di primavera
10/05/2015 - Ravenna
Taravana
09/05/2015 - Castel Bolognese (Bo)
Campionato nazionale karate
09/05/2015 - Jesi (An)
Campionato nazionale di judo
09/05/2015 - Fano
Tutti allo Sport park
09/05/2015 - San Lazzaro di Savena (Bo)
6° Festa delle attività equestri Uisp
04/05/2015 - Milano
Convegno su defibrillatori
03/05/2015 - Castrocaro Terme (Fc)
Criterium di cicloturismo
03/05/2015 - Reggio Emilia
Cicloturismo d'alta quota
01/05/2015 - Forlì (Fc)
Rassegna nazionale di coreografia
22/04/2015 - Bologna
L'università intervista la Uisp
19/04/2015 - Monte Morello (Fi)
Sentieri della Libertà
12/04/2015 - Campagnatico (Gr)
ViviFiume Ombrone
12/04/2015 - Cecina (Li)
Inaugurazione Parco nordic walking
11/04/2015 - Cesena (Fc)
Lotta al fumo ed educazione motoria
11/04/2015 - Paestum (Sa)
2° Percorso dei miti
29/03/2015 - Genova
Biscione di corsa
29/03/2015 - Rieti
Bike trial Uisp
28/03/2015 - Riccione (Rn)
Stage nazionale settore judo
28/03/2015 - Riccione (Rn)
I giovanissimi del nuoto
22/03/2015 - Camerano (An)
Riviera del Conero cycling decathlon
21/03/2015 - Genova
Variazioni
21/03/2015 - Sant'Agata sul Santerno (Ra)
Raduno ecosostenibile
15/03/2015 - Udine
Seconda tappa B-side_Experience
14/03/2015 - Marina di Massa
Stage nazionale karate
<<>>
Maggio 2015
L M M G V S D
        01 02 03
04 05 06 07 08 09 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

 

 

 

 
CORSI UISP 2014/2015

CORSI UISP 2014/2015

15 SETTEMBRE 2014

 

 
Agenzia Nazionale online UISP

Agenzia Nazionale online UISP

Settimanale online di sportpertutti, ambiente, diritti, solidarietà

 

 
Vantaggi ai soci

Vantaggi ai soci

Convenzioni e molto altro per i nostri soci