Nazionale

Subacquea Uisp: una nuova cultura per l'ambiente acqueo

Formazione e tutela dell’ambiente al centro dell'approccio: per un'attività che sia sempre più sostenibile, inclusiva e innovativa. Parla E. Maestrelli

 

Il Settore di attività subacquea Uisp lavora per promuovere una nuova cultura per l’ambiente acqueo, sostenibile, inclusiva e innovativa. “Da sempre lavoriamo ad una nuova modalità di affrontare la nostra attività – dice Enrico Maestrelli, responsabile Subacquea Uisp – soprattutto rafforzando quelle specificità che hanno contribuito nel tempo allo sviluppo culturale del nostro settore. La preparazione che offriamo ai nostri soci è dovuta ad una formazione sempre aggiornata, la cui serietà è riconosciuta a livello internazionale fin dai primi anni ’90. Facciamo questo per mettere a disposizione dei nostri soci che praticano in acqua la maggior sicurezza possibile”.

Per Maestrelli formazione e tutela dell’ambiente sono due cardini dell’attività: “Lavoriamo continuamente sulla sensibilizzazione al rispetto delle regole fondamentali che tutelano l’ambiente acqua. E ci rivolgiamo a tutti, a partire dal subacqueo e poi tutti quelli che frequentano il mare: bagnanti, diportisti, pescatori sportivi. Nel tempo abbiamo sviluppato sinergie con istituzioni e associazioni che si occupano si sicurezza e tutela dell’ambiente. Abbiamo dato vita a progetti di collaborazione attiva, per rispondere alle domande che vengono dall’utenza del mare. Durante il periodo estivo questa massa di praticanti che si avvicinano all’attività crescono ed è lì che siamo più presenti per far crescere l'organizzazione, aldi là dell’aspetto puramente ludico dell’attività, portando le persone all’autosufficienza nella pratica”.

A differenza di ciò che si potrebbe pensare la subacquea è uno sportpertutti. “Per noi l’immersione è un veicolo di comunicazione e convivenza, uno strumento di integrazione che supporta i processi educativi rivolti a fasce deboli della società, come bambini, persone con disabilità, anziani. Noi cominciamo con i bambini di tre anni e proponiamo un tipo di attività non finalizzata alla competizione ma alla trasmissione di valori. Grazie a questa impostazione abbiamo rivoluzionato il modo di praticare l’immersione per le persone con disabilità: sott’acqua siamo tutti uguali, per noi sono tutti abili, l’importante è avere la preparazione corretta per mettere sempre la sicurezza al primo posto, e accompagnare le persone ad avere un contatto consapevole con l’ambiente acqua. Dalla fine degli anni ’90 proponiamo il progetto “Divers…abili”: organizziamo formazione rivolta ai disabili per renderli autonomi e consapevoli e portarli a scoprire l’ambiente acquatico nelle sue varie forme. Inoltre, mi fa piacere ricordare che siamo stati gli unici ad aver svolto attività subacquea all’interno di un carcere: è successo nel 2015 a Brucoli, in provincia di Siracusa. Abbiamo allestito una piscina all’interno dell’istituto e permesso ai detenuti di provare questa emozione fortissima ed irripetibile”.

I tesserati della Subacquea Uisp possono accedere a diversi tipi di attività, come la formazione per sommozzatori volontari di protezione civile, e quindi cooperare ad interventi di ricerca o emergenze di altro genere. Per quanto riguarda le manifestazioni, la prima in calendario è la tappa friulana del Taravana, che si è tenuta domenica 17 novembre a Pordenone: una gara di apnea statica e dinamica che si svolge in piscina e in mare in 5 regioni, cui si partecipa in squadre estratte a sorte fra gli iscritti, dando vita a gruppi eterogenei per origine ed esperienza che si uniscono per un obiettivo comune. A febbraio si terrà il tradizionale con il Premio Duilio Marcante, all’interno del Museo del mare di Genova, a marzo l’atteso appuntamento con la 29 edizione dell’immersione sottoghiaccio, che vale come esercitazione per i sommozzatori della protezione civile e si svolge al Passo del Tonale ad oltre 2000 metri. Ci si immerge in un lago sorto sulle trincee della grande guerra ed è anche l’occasione per portare avanti la memoria di quegli avvenimenti. Contemporaneamente viene consegnato il Premio Costa, giunto alla decima edizione, assegnato a chi ha saputo trasmettere passione per l’ambiente sottomarino tramite la fotografia subacquea. A giugno avviene, invece, la premiazione del concorso di fotografia subacquea rivolto ad amatori ed esperti, in cui viene premiata più l’emozione trasmessa dall’immagine che la tecnica. (Elena Fiorani)

 

virtualbb.com chat18.webcam

UISPRESS

Testata_2019_4

PAGINE UISP

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

LE DIRETTE

BIBLIOTECA UISP