Comitato Territoriale

Brescia

INSIEME PER LE DONNE

La Camminata Rosa che unisce i comitati nella lotta per la parità di genere

 

La Corsa Rosa è una tradizione che nel nostro Comitato va avanti da 12 anni, un appuntamento ormai divenuto fisse per le donne bresciane e non solo. Un appuntamento che si è ingrandito sempre di più coinvolgendo numerose realtà locali, dalle associazioni alle istituzioni, prima tra tutte il Comune di Brescia che patrocina l’evento.

L’obiettivo è quello di creare, attraverso l’attività fisica, un momento di riflessione sulle conquiste sociali, politiche, lavorative, sportive che le donne hanno raggiunto con fatica ed impegno nel corso degli anni. La Corsa Rosa è diventato un simbolo dell’otto Marzo per Brescia e per la UISP tutta, nonostante fino all’anno scorso questa iniziativa veniva realizzata solamente nel nostro Comune. 

Quest’anno purtroppo non è stato possibile organizzare una vera e propria corsa ma non potevamo pensare di non fare nulla per celebrare questa giornata e da qui l’idea: facciamo una corsa rosa virtuale, o meglio, una CAMMINATA ROSA VIRTUALE. Abbiamo quindi lanciato questa nuova iniziativa, invitando le persone ad uscire di casa per una passeggiata indossando la maglietta rosa, ovviamente nel rispetto delle norme anti-covid, facendosi delle foto da caricare sui social così da creare uno spazio di aggregazione quanto meno virtuale.

Da un ostacolo, è nata però un’opportunità e cioè quella di estendere l’iniziativa, in questa nuova forma, agli altri comitati lombardi, in modo da diffondere quanto più possibile il nostro messaggio. L’idea è stata subito accolta con grande entusiasmo dai comitati territoriali di Monza Brianza, Lodi, Lariano, Bergamo e Varese ed è subito iniziata una collaborazione proficua e destinata, si spera, a durare nel tempo.

Per Brescia l’attenzione alle donne è sempre stato un punto focale nelle scelte programmatiche del Comitato: oltre alla corsa in rosa, c’è il lavoro con le detenute nel carcere di Verziano e una serie di corsi motorio-sportivi proposti in prevalenza alle donne, perché sappiamo benissimo come per le donne, spesso, l’attività motoria sia un lusso, piuttosto che un diritto.

In futuro l’attenzione su questo tema resterà massima e la presenza di una Presidente donna ma soprattutto molto sensibile alle tematiche di genere non potrà far altro che rendere il lavoro del comitato ancora più indirizzato in questo senso. 

Il fatto che la UISP stia incentivando la presenza dirigenziale femminile è un importante passo avanti perché sappiamo bene come nel mondo dello sport, per le donne, farsi strada sia estremamente difficile. Credo però sia fortemente necessario un rinnovamento della classe dirigente e che questo debba necessariamente passare per una parità di genere che sia vera e segnata da donne che abbiano davvero voglia di mettersi in gioco con idee e proposte nuove e all’insegna dell’inclusione e della condivisione. 

 

A cura di


Francesca Savoldini - Responsabile Politiche di Genere e Diritti

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE

 

 

 

Siamo aperti dal lunedì al venerdì:

  • dalle 09:00 alle 12:30
  • dalle 14:30 alle 18:30

SDA CALCIO

SDA PALLAVOLO

ASSICURAZIONE E DENUNCE SINISTRI

 infortuni_marsh

PIATTAFORMA SERVIZI ASSOCIAZIONI SPORTIVE

societasportive

UISPRESS

PAGINE UISP