Comitato Territoriale

Zona Del Cuoio

I NOSTRI CORSI

Progetto AFA

Programmi di attività fisica adattata (AFA) a specifici problemi di salute, posti dalla presenza di menomazioni croniche stabilizzate negli esiti per la prevenzione della disabilità. I programmi di Attività Fisica Adattata sono promossi e regolati dalla Regione Toscana (DGR 459/2009).

Finalità C'è una consolidata evidenza scientifica che numerose condizioni di morbosità, disabilità e mortalità prematura possono essere prevenute attraverso comportamenti e stili di vita sani dove l'attività fisica viene riconosciuta come un fattore determinante. Se questo è vero per il soggetto sano, lo è ancora di più per quello malato. E' stato dimostrato infatti che in molte malattie croniche (artrosi, esiti di ictus, malattia di Parkinson, cardiopatia ischemica, ecc.) il processo disabilitante è aggravato dall'effetto additivo della sedentarietà. E' infatti provato che la sedentarietà è causa di nuove menomazioni, limitazioni funzionali e ulteriore disabilità. Questo circolo vizioso può essere corretto con adeguati programmi di attività fisica regolare e continuata nel tempo. La Regione Toscana, tenuto conto dell'evidenza scientifica promuove attualmente, con la DGR 595/05 e successive modificazioni, un percorso alternativo a quello sanitario per sindromi algiche da ipomobilità e per le sindromi croniche stabilizzate negli esiti. Detti percorsi sono basati su programmi di attività fisica adattata alle specifiche problematiche derivanti delle differenti condizioni croniche. I percorsi di attività fisica adattata non sono compresi nei livelli essenziali di assistenza assicurati dal Servizio Sanitario. Pertanto il cittadino, con una quota modesta, contribuisce ai costi del programma di prevenzione per la propria salute. 

La proposta motoria della UISP Anziani in Movimento nasce non da una ricerca di prestazioni e di effetto allenante, ma come semplice riequilibrio di una condizione di vita che comporta un serio rischio di squilibrio da inattività. Oggi l’attività fisica è una grande arma preventiva. I dati stanno dimostrando che vi sono miglioramenti delle prestazioni mentali: un cervello che non viene usato diventa meno abile; la letteratura medicea riconosce una correlazione tra sedentarietà e cardiopatia ischemica; la persona allenata tende ad avere una frequenza cardiaca minore; la pressione arteriosa aumenta di meno sotto sforzo; la glicemia si riduce; il colesterolo HDL aumenta; chi fa attività motoria rallenta o addirittura previene l’osteoporosi; diminuisce il consumo dei farmaci; si attivano tutti i vari meccanismi di compensazione. L’attività motoria agisce positivamente anche in senso psicointellettivo: dal “fisico” si può passare facilmente alla sollecitazione psicologica. In definitiva, non si osservano fatti negativi; tutti i fenomeni esplorati variano in positivo. Non intendiamo fare sport, né riabilitazione: la nostra è un’attività di gruppo, graduale, differenziata secondo le condizioni dell’individuo. Non è competitiva ed è ricca di aspetti collaterali, ludici, socializzanti. Noi facciamo fare un’attività che comporta un moderato dispendio energetico, con proposte in funzione  dell’impegno che gli “anziani” potranno effettivamente prestare. Gli scopi che si prefigge sono due: combattere lo stile di vita sedentario e stimolare un’attivazione delle persona in senso psico-sociale. Non si escludono dalla pratica dell’attivazione motoria soggetti affetti da patologie più o meno gravi, allo scopo di favorire la partecipazione, ragionata, del maggior numero possibile di individui.

 Corsi UISP - CLICCA QUI e CONSULTA Giorni, Luoghi ed Orari


 

Impianto Fontevivo

Corsi di Formazione UISP

Collabora con NOI

Certificazione Medica

Piattaforma Assicurazione e Denunce sinistri

Vantaggi per i SOCI

Vantaggi per le SOCIETA' SPORTIVE

Area Riservata UISP 2.0