Comitato Regionale

Lombardia

Brescia, nel carcere di Verziano sipario sul torneo di pallavolo al femminile

Splendida giornata di sole per lo svolgimento dell’ultimo incontro del 51° torneo di pallavolo femminile, nella Casa di Reclusione di Brescia di Verziano, nel prato in erba, alla presenza dei familiari delle detenute.     

Al torneo, iniziato a settembre settembre, hanno partecipato detenute e studentesse, dell’Istituto Scolastico “Lorenzo Gigli” di Rovato, oltre a numerose socie UISP. Le giocatrici esterne e le detenute si sono unite formando squadre miste all’insegna dello sport dilettantistico amatoriale e hanno giocato con una sana competizione. 

Sempre presenti alle partite le allenatrici UISP, Emma Rebeccani, Regina Fusari Regina e Camilla Rastelli, attente a mettere al centro la persona più che il gesto tecnico, oltre all’arbitro UISP Giuseppe Colantonio Giuseppe a cui è toccato il compito di far rispettare le regole.

Presenti alle premiazioni la Responsabile dell’Area Trattamentale di Verziano, Silvia Frassine, il Presidente del Comitato territoriale UISP di Brescia, Ivano Baldi, che hanno sottolineato l’importanza di creare, con l’attività sportiva, un ponte tra carcere e territorio. Al termine dell’evento le partecipanti sono state premiate da Bruna Paghera per l’UISP Brescia, Responsabile del Progetto Carcere, e hanno ricevuto materiale sportivo, zainetto e calze tecniche. Alle insegnanti e all’arbitro è stato donato il libro  “Ai vostri posti”- Lo sport, le olimpiadi i campioni che hanno vinto e quelli che non ce l’hanno fatta”. A seguire un piccolo rinfresco per un momento conviviale con tutti i partecipanti e i familiari.  

“La partecipazione sentita di tutte e di tutti hanno sancito l’importanza dell’attività sportiva in tale contesto, perché la distanza tra liberi e ristretti, pur esistendo sul piano pratico e logistico, non ha nessuna ragione d’essere sul piano umano e sociale - sottolinea Paghera, soddisfatta per l’esito dI una manifestazione che ha saputo andare ben oltre lo sport -. Questa iniziativa, è inserita nel Progetto Carcere 2019, realizzato in collaborazione con la Direzione della Casa di Reclusione di Verziano, l’Associazione Carcere e Territorio di Brescia e con il Patrocinio del Comune di Brescia Assessorato allo Sport e Presidenza del Consiglio Comunale, e della Fondazione Asm". 

 

A ritmo di sport e periferie: parla Stefano Pucci

IX Congresso regionale, gli scatti più belli

Motocross, primi passi in sicurezza con la Uisp