Settore di Attività Nazionale

Vela

Formazione

 

 

 

 

 

IL MODELLO UISP VELA

 

“Evita di fare ciò che non sai, ma apprendi tutto ciò che occorre”

           Pitagora (Matematico e filosofo del sec. 6º a. C.)

 

 

Uisp Vela investe tempo e risorse nella formazione dei propri Istruttori e Formatori nella consapevolezza che l’aggiornamento continuo rappresenti l’unica via per adempiere nel migliore dei modi alla propria missione di docente.

 

I metodi formativo e didattico gravitano attorno a quattro principi cardine:

 

  • L’allievo al centro

 

La tradizionale configurazione col docente sul piedistallo a disseminare nozionismo a una platea di allievi secondo protocolli vecchi di anni e immutabili nel tempo, viene capovolta puntando sulle potenzialità del discente, utilizzando le conoscenze come pretesto per guidarlo all’acquisizione di nuove competenze.

 

  • Il Metodo “non metodo”

 

La standardizzazione non ha ragione di essere in tema di formazione e didattica, troppe le variabili in campo: le motivazioni e i profili degli allievi, gli stili di apprendimento, la logistica, la situazione contingente, le caratteristiche dei docenti. Variabili che possono interagire in una infinità di combinazioni, complicando le cose e rendendo inutile, anzi dannosa, ogni forma di standardizzazione.

Il “non metodo” formativo/didattico Uisp Vela fissa gli obiettivi intermedi verso la meta finale, fornendo tutti gli strumenti atti ad applicare la strategia didattica più consona al completamento delle tappe intermedie e al raggiungimento dell’obiettivo prefissato.

 

  • L’apprendimento esperienziale

 

Essendo gli obiettivi da conseguire sia di tipo cognitivo che operativo, tra i vari modelli di apprendimento Uisp vela adotta quello “circolare” articolato nelle quattro fasi esperienziali: esperienza concreta, osservazione riflessiva, concettualizzazione astratta, sperimentazione attiva. Quest’ultima fase rappresenta una nuova esperienza concreta in quanto le abilità acquisite producono nuove visioni da sperimentare rimettendo in moto il ciclo di apprendimento.

 

  • Primo comandamento: sicurezza

 

La sicurezza è uno stato mentale, a nulla valgono competenza, procedure e sistemi se a monte non esiste il “pensare sicurezza”. A nulla servono gli investimenti in sistemi sicuri se poi le attivazioni vengono ritardate da una sottovalutazione del pericolo. La prima e più importante mission del docente Uisp Vela sta nel mettere la sicurezza al primo posto sulla tavola delle leggi che governano il “saper essere” Istruttore/Formatore.

 

Vuoi saperne di più?

 Percorso Formazione

 

Federico Finco

Responsabile Comunicazione Uisp Vela

comunicazione.vela@uisp.it

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE

 

 

Un post condiviso da Uisp Vela (@uisp_vela) in data:

Previsioni meteo marine

Abbigliamento Vennvind personalizzato Uisp Vela