Comitato Regionale

Calabria

UISP Reggio Calabria: Calcio e ambiente.

Photogallery.

Si è concluso il Torneo misto Uisp Reggio Calabria 2018.

Il rinomato appuntamento del Boys & Girls, si rinnova nell’edizione del 2018.

7 le compagini al via, suddivise in due gironi, che si sono date battaglia fino alle finalissime dei Play-off del 9 luglio 2018.

Presso la struttura del Circolo Crucitti di Reggio Calabria le finali hanno visto protagoniste le squadre: Quando Posso Vengo FC e Atletico Mandrink per il primo e secondo posto, Herta Vernello e AC Picchia per il terzo e quarto posto e per la Coppa Amicizia le squadre Masterchef United e Acqua e Sapone.

Alla conclusione di match entusiasmanti e coinvolgenti, di fronte ad un nutrito gruppo di spettatori e seguaci, si è proceduto con le premiazioni. Quando Posso Vengo ha superato Atletico Mandrink conquistando il primo e più prestigioso premio, il terzo posto è stato conquistato da Herta Vernello che ha avuto la meglio su AC Picchia dopo i calci di rigore, Acqua e Sapone invece conquista la Coppa Amicizia sbaragliando Masterchef United.

 

Infine sono stati assegnati i premi alle due bomber Stefania Giuffrè e Alessia Macheda vincitrici nei rispettivi gironi del titolo di capocannoniere.

La Uisp Reggio Calabria ci ha tenuto particolarmente a non racchiudere l’evento sportivo solo nei consueti canoni della competizione puramente sportiva, arricchendo l’evento del Boys & Girls con una parentesi rivolta all’ecosostenibilità. Parentesi che ha accompagnato tutta la manifestazione, coinvolgendo gli atleti e le loro famiglie. Il premio “Un passo per la sostenibilità”, conquistato dalla squadra più virtuosa AC Picchia, ha interessato tutte le squadre partecipanti che sono state invitate a raccogliere durante l’arco del torneo batterie esauste da consegnare alla premiazione. La Uisp Reggio Calabria avrà cura naturalmente di smaltire nel modo più corretto le pile negli appositi centri di raccolta. Grazie al contributo di tutti i team partecipanti, sono stati raccolti più di 25 chili di batterie nell’arco di poche settimane, un gesto piccolo ma significativo di quanto il mezzo sportivo possa diventare veicolo di sensibilizzazione, istruzione e sostegno all’ecologia.