Nazionale

Donne e giovani, l’Uisp è nata grazie a voi

Comunicare lo sport attraverso la società che cambia: ne Il discobolo n. 1 settanta anni di storia Uisp tra informazione e media

 

Il Discobolo n. 1/2017 celebra i settant’anni dell’associazione dello sportpertutti scegliendo di raccontare la storia dell’Uisp attraverso il racconto giornalistico e sportivo che l’ha caratterizzata. Sarà possibile, quindi, trovare al suo interno una ricostruzione minuziosa delle vicende e delle pagine che l’hanno vista protagonista in questi settanta anni, accompagnate da foto, grafiche e copertine delle diverse epoche.

L’apertura ribadisce “il pregiudizio antisportivo della cultura italiana. Il tema è ricorrente e attraversa tutto il‘900, secolo breve, anzi brevissimo se si considera il suo rapporto con la cultura, la politica e l’informazione. Che ha relegato lo sport a un genere. Eppure c’è stato un filo sottile ma tenacissimo che ha legato lo sport popolare alla pubblicistica italiana. A partire dall’esperienza di “Sport e proletariato”, aperta e chiusa nel corso del 1923”.

All’interno della rivista, che contiene l’editoriale di Vincenzo Manco e l’approfondimento di Ivano Maiorella e Luciano Senatori, c’è anche un articolo di Luciano Minerva, “Era l’Uisp degli anni settanta”: “Fummo noi a farci carico di una battaglia di valori – scrive Minerva - dove per concezione capitalistica intendevamo soprattutto una tendenza che privilegiava lo sport di pochi praticanti superselezionati visto da tanti spettatori seduti e sedentari rispetto a una pratica sportiva diffusa… La costruzione di un tessuto di società che facevano le loro attività autonome, al di fuori delle Federazioni sportive, fu una scommessa del gruppo dirigente la cui linea aveva battuto quella cosiddetta “entrista”, del lavoro dentro le Federazioni. Fu allora che nacquero, come strutture essenziali, le Leghe di  specialità (oggi Strutture di  Attività), che  discutevano propri regolamenti e proprie forme, spesso diverse, di poco o di  molto, da quelle federali… Ricordo che per alcuni mesi si discusse, a tutti i livelli, se Il Discobolo dovesse pubblicare i risultati tradizionali, ad esempio  pubblicando i nomi dei primi tre nelle gare di atletica, o si dovesse puntare sui risultati di partecipazione. E in  quell’epoca si sostituì in molte occasioni al podio con le tre medaglie, la medaglia di  partecipazione a tutti. Piccole cose che  determinavano grandi dibattiti concreti”.

La storia Uisp attraverso la comunicazione e il racconto giornalistico prosegue fino ai giorni nostri, all’avvento di Internet e delle nuove tecnologie della comunicazione, che aumentano i flussi informativi ma rendono sempre più difficile distinguere le voci e le fonti delle notizie. “Il Consiglio nazionale Uisp del 21-22 ottobre 2017 tenuto a Firenze ha approvato il Regolamento nazionale Uisp di comunicazione e di identità visiva. Si tratta del primo passo per creare delle coordinate nel mondo infinito della comunicazione sociale attraverso lo sport. Un cammino ancora lungo che testimonia la maturità e la consapevolezza acquisita dall’Uisp nel considerare la comunicazione, nelle sue varie e mutevoli componenti, come una importante variabile di sviluppo, crescita associativa, trasparenza e libertà”.

Per scaricare Il Discobolo n. 1/2017 in formato pdf clicca qui

 

gfx-hub.net

UISPRESS

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

BIBLIOTECA UISP

GIORNALE RADIO SOCIALE