Nazionale

“Futura. La Uisp delle donne e degli uomini”: il 6 aprile a Firenze

Un appuntamento promosso dalle politiche di genere e diritti Uisp per sensibilizzare dirigenti ed operatori. Parla Manuela Claysset

 

Sarà una giornata di confronto e scambio, quella in programma sabato 6 aprile a Firenze, presso il Grand Hotel Mediterraneo, Lungarno del Tempio 42, un appuntamento di formazione e sensibilizzazione per coinvolgere le donne e gli uomini dell’Uisp, dirigenti e referenti del territorio e delle attività. L’iniziativa, riconosciuta come modulo formativo, sia per i formatori delle Unità didattiche di base sia come modulo specifico nel percorso formativo dei dirigenti, è promossa dalle Politiche di genere e diritti Uisp ed è rivolta a responsabili di politiche e Strutture di attività Uisp.

“Si tratta di un momento nazionale di formazione e sensibilizzazione su questi temi – spiega Manuela Claysset, responsabile politiche di genere e diritti Uisp - un momento interno che affronta la parte di formazione delle unità didattiche di base ma è anche un approfondimento rivolto ai nostri dirigenti. L’obiettivo è far conoscere e dare visibilità alle esperienze e i progetti che vengono portati avanti sui territori, inoltre vorremmo realizzare una rete di connessione tra le diverse realtà”. La giornata prevede un momento formativo in cui verrà fornita la “cassetta degli attrezzi” sui temi delle pari opportunità di genere e del contrasto alla violenza. Ci sarà poi una sezione condotta in collaborazione con il Centro Sinapsi dell’Università Federico II di Napoli per il contrasto all’omofobia, ed una sulla violenza di genere con il supporto dei Centri antiviolenza. “Infine, uno spazio sarà dedicato alla presentazione dei progetti condotti sul territorio - prosegue Claysset - verranno messi a disposizione contatti e riferimenti per replicare le esperienze e creare una rete. Sarà presentato il documentario “Capitane coraggiose”, realizzato dall’Ufficio comunicazione Uisp, con la regia di Francesca Spanò. Interverrà anche il presidente nazionale Vincenzo Manco. Sarà un’esperienza importante, ci aspettiamo che sia utile per aumentare la relazione tra le politiche e che diventi una buona pratica da replicare anche in altri contesti”.

Per scaricare il programma della giornata clicca qui

L’incontro di Firenze è una tappa di una serie di appuntamenti in programma da marzo a giugno in cui si parlerà di diritti e pari opportunità: si parte da Torino dove, fino al 4 aprile, si terrà nei locali della Circoscrizione 7 di corso Vercelli 5, la mostra dal titolo “Contro le regole”. Nata in lingua tedesca ed ideata da Klaus Sator, a partire dal 2010 la mostra è stata aggiornata in italiano dall’Uisp nell’ambito del progetto europeo Football for Equality. L’allestimento è composto da 38 pannelli, che vogliono contribuire alla rimozione dei tabù che ancora circonda il tema “omosessualità e sport” e sollecitare l’attenzione sulle forme di discriminazione rivolte alle minoranze sessuali nel pianeta sport. Per informazioni clicca quiSabato 13 aprile si torna in Toscana, a Siena, con "Alleniamoci alle differenze", evento nato dalla collaborazione tra Uisp Siena e Movimento Pansessuale-Arcigay Siena, che si terrà dalle 9 alle 18 nella sede del Coni di Siena, in via Paolo Frajese 35. Durante la giornata sarà presentata una piattaforma formativa rivolta ad operatrici ed operatori del settore sportivo che prevede interventi a cura di Rete Formazione Arcigay, Uisp, Università Federico II di Napoli, Università di Siena, Università per Stranieri di Siena con l'obiettivo di fornire strumenti di contrasto al bullismo tra pari. Per scaricare il programma clicca qui

Inoltre, martedì 7 maggio è in programma un appuntamento nazionale a Napoli, al cui centro sarà l’analisi dei risultati di una ricerca promossa dall’Uisp: “All’interno della collaborazione con Centro Sinapsi dell’Università Federico II e Università Parthenope, l’Uisp sta svolgendo una ricerca rivolta ai propri dirigenti - conclude Manuela Claysset - sulla base di un questionario relativo alle tematiche Lgbti, strutturato dal Centro Sinapsi. A Napoli rifletteremo sui dati emersi per capire che tipo di attenzione, cultura, sensibilità esiste all’interno dell’associazione e quali azioni possono essere messe in atto. Mi fa piacere rilevare che siamo la prima associazione a fare un lavoro del genere al suo interno, mentre continuano le iniziative sul territorio: due sintomi di interesse e sensibilità da parte dei nostri dirigenti ed operatori”. (Elena Fiorani)

 

virtualbb.com chat18.webcam

UISPRESS

PAGINE UISP

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

LE DIRETTE

BIBLIOTECA UISP