Nazionale

Il Festival nazionale del gioco e delle tradizioni “sboccia” in primavera

La manifestazione dell’Uisp, appuntamento fisso nel calendario degli eventi della città di Orvieto, varia la sua consueta collocazione temporale

 

Il Comitato Uisp Orvieto-Medio Tevere annuncia che sta lavorando alla terza edizione del “Festival nazionale del  gioco e delle tradizioni”. La manifestazione promossa da Uisp Orvieto-Medio Tevere, Uisp nazionale Giochi e dal Comitato regionale Uisp Umbria, con il patrocinio del Comune di Orvieto e il coinvolgimento di una rete di realtà associative e del terzo settore locali e nazionali, è ormai un format di punta nel panorama degli eventi volti alla riscoperta e valorizzazione del gioco, come forma culturale, intergenerazionale e motoria di aggregazione, trasversale a tutte le età. Senza però rinunciare all’innovazione.

Con momenti di riflessione, quali convegni e workshop, e occasioni di gioco puro con le piazze che si trasformano in “stazioni” dove allestire diverse tipologie di attività ludiche aperte ai bambini e ragazzi delle scuole e a tutta la cittadinanza, il Festival nazionale del gioco e delle tradizioni intende promuovere il gioco consapevole e permette alla comunità di ritrovarsi.

In accordo con l’Amministrazione di Orvieto - assessorato allo Sport, gli organizzatori hanno deciso di variare la consueta collocazione temporale dell’evento e di spostare il Festival in primavera.

“Stiamo riposizionando e innovando la formula del Festival, che in questi anni ha consolidato un suo pubblico di riferimento – dice Stefano Rumori, presidente Uisp Umbria - cercando di coinvolgere maggiormente il mondo dei giovani e della scuola, partendo dal nostro territorio e arrivando a tutto il Paese. L’impegno dell’Uisp nazionale, che quest’anno rafforzeremo ulteriormente, sarà finalizzato ad amplificare la partecipazione e il valore sociale del gioco. Puntiamo alla primavera in modo da poter sfruttare al meglio le bellissime piazze della città di Orvieto, capaci di ospitare eventi all’aperto in uno scenario di ineguagliabile bellezza e pregio artistico. Inoltre, stiamo lavorando per dedicare il Festival alla figura e all’opera di Gianni Rodari, visto che il prossimo sarà l’anno del centenario della nascita del grande scrittore e giornalista italiano, legato alla città di Orvieto, che dedicò tutta la sua opera al valore educativo del gioco”.

 

virtualbb.com chat18.webcam

UISPRESS

Testata_2019_4

PAGINE UISP

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

LE DIRETTE

BIBLIOTECA UISP