Nazionale

L’Uisp al Cittadinanza Day: la manifestazione a Roma

L'Italia sono anch'io e Italiani senza cittadinanza hanno promosso la manifestazione per chiedere il voto della legge sullo Ius soli

 

Venerdì 13 ottobre Piazza Montecitorio si è trasformata nella “Piazza della cittadinanza”: in occasione della prima approvazione alla Camera della legge sullo Ius Soli, il 13 ottobre di due anni fa, l’associazione Italiani senza cittadinanza e l’Italia sono anch’io,  hanno proclamato una grande manifestazione. In piazza sono stati anche organizzati laboratori creativi e flash mob, mentre cori e palloncini tricolore hanno fatto da sfondo per ribadire la necessità del voto immediato della Riforma che introduce lo Ius soli temperato e lo Ius culturae.

In piazza anche l’Uisp, insieme a molte altre associazioni che sostengono la campagna l’Italia sono anch’io: “Siamo in ritardo di 15 anni, 800.000 minori nati in Italia, che studiano, parlano e mangiano italiano, non hanno ancora la possibilità di godere di un diritto costituzionale – dice Vincenzo Manco, presidente nazionale Uisp – In questo modo stiamo tirando su barriere e divisioni inutili rispetto a persone che camminano al nostro fianco. L’Uisp pratica da sempre lo sport come occasione di attività ludica e di socializzazione per tutti, per imparare a conoscersi e a rispettarsi. Vediamo un mondo senza frontiere e il successo di molte nostre manifestazioni sportive dimostra che questo è possibile”. 

GUARDA IL VIDEO  della manifestazione 

"I rappresentanti di Senato e Governo devono dimostrare senso di responsabilità verso i bambini e le bambine che in Italia crescono, votando immediatamente la Riforma - dichiarano i promotori del Cittadinanza day - Lo stesso premier Paolo Gentiloni ha recentemente definito quella sulla cittadinanza una Riforma di civiltà, impegnandosi ad approvarla entro l'autunno. E' questo il momento per votare una legge che sancisce il principio che 'chi cresce in Italia è italiano', riconoscendo così la ricchezza interculturale dell'Italia di oggi, miglior antidoto alle preoccupanti derive razziste e ai discorsi d'odio".

Oggi sono quasi un milione gli Italiani non riconosciuti tali (815mila alunni e alunne al 31 dicembre 2016, fonte Miur). Tra i manifestanti in piazza presenti anche i vignettisti Biani, Vauro, Natangelo, Fabio Magnasciutti e gli studenti di illustrazione di Officina B5 per disegnare con i bambini. Lunga la lista di chi ha aderito alla manifestazione: tra questi, insegnanti e istituti scolastici, Sos Razzismo, Rete Studenti Medi, Unione degli Universitari UDU, Comitato italiano per l'Unicef, Save the children, Mlal, Cispi, Aoi

 

gfx-hub.net

UISPRESS

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

BIBLIOTECA UISP

GIORNALE RADIO SOCIALE