Nazionale

L’Uisp Sassari lancia il progetto SporTen: un altro calcio è possibile

Il Comitato Uisp di Sassari inaugura la nuova stagione sportiva presentando il progetto SporTen per promuovere tra i più piccoli un calcio senza pensieri

 

Parte con una nuova sfida la stagione sportiva del Comitato Territoriale Uisp di Sassari Aps: prende il via il progetto SporTen rivolto a bambini e bambine dai 5 ai 10 anni. Una nuova avventura per promuovere un altro calcio, quello che favorisce la crescita psicofisica dei bambini e ragazzi, quel calcio non riconducibile solo alla produzione di piccoli campioni, quel calcio che intende coinvolgere le famiglie in momenti di formazione e sostegno alla genitorialità.

Da anni l'Uisp si confronta in tavoli nazionali ed internazionali sulla necessità di proporre un nuovo modo di praticare questo sport, unico ed emozionante ma pieno di contraddizioni. Lo sport che dovrebbe essere sinonimo di divertimento, svago ludico e passatempo è vissuto sempre più spesso come accumulo di tensioni, stress e conflitti.

“E soprattutto i bambini, che si affacciano per la prima volta in questo mondo, devono potersene
innamorare e poter vivere con la loro naturale spensieratezza il bisogno di calciare la palla che si trovano
davanti senza pensieri, con il solo desiderio di giocare per giocare – afferma Loredana Barra, vice presidente
del comitato sassarese - Il mondo dello sport è pensato per gli adulti e usa metodologie per i grandi. Questo
a nostro parere non è il sentiero giusto. Non si devono avvicinare i bambini al calcio ma è il calcio e lo sport
in generale che si deve avvicinare ai bambini.

Ma se un altro calcio è possibile, l’Uisp vuole scendere in campo e vincere non solo una partita ma questo
intero campionato. E vuole farlo coinvolgendo tutti: i genitori, con incontri condotti da esperti per
affiancare i bambini nel percorso di crescita sportiva, il territorio e gli altri sport attraverso escursioni e
visite guidate all’ insegna dello sport che esiste anche al di fuori dei campi di calcio; gli arbitri e gli allenatori
che sono anche professionisti che da sempre hanno a che fare con il periodo dell’ età evolutiva. Questo e
tanto altro ancora.

Nuovi movimenti per bambini e genitori che saranno affiancati da un gruppo di professionisti (tecnici,
psicologi, insegnanti, psicomotricisti, laureati in scienze motorie, pedagogisti) e lavoreranno insieme per
sviluppare le attitudini e le competenze globali di ognuno.

“ Ringrazio l’Uisp per avermi dato la possibilità di mettere in atto questa idea che non è mi stata possibile
portare avant in altri contesti calcistici – ha dichiarato Marco Bottegoni – voglio riuscire ad attuare una
nuova metodologia, in cui si punta al miglioramento delle capacità motorie e psicomotorie del bambino,
non solo quelle tecniche. E lo farò accompagnato e supportato da un gruppo di professionisti”. (di Laura Caggiari, Ufficio Comunicazione Uisp Sassari)

 

virtualbb.com chat18.webcam

UISPRESS

Testata_2019_4

PAGINE UISP

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

LE DIRETTE

BIBLIOTECA UISP