Nazionale

Salute e stili di vita Uisp: il 3 giugno al Festival dell'economia di Trento

Il tema dell'edizione 2017 sarà “La salute disuguale”: l'Uisp partecipa con un convegno dal titolo “Alleanze per i diritti di cittadinanza in salute”

 

La diseguaglianza sanitaria è figlia dell'ingiustizia sociale ed economica: in tutti i paesi del mondo, anche in quelli industrializzati, Europa e Italia compresa. Secondo il Rapporto annuale dell’Istat molti italiani non hanno recuperato i livelli di reddito che avevano prima della recessione, e per questo la quota di persone che hanno rinunciato a una visita specialistica negli ultimi 12 mesi, perché troppo costosa, è cresciuta tra il 2008 e il 2015 da 4,0 a 6,5% della popolazione; il fenomeno è più accentuato nel Mezzogiorno, sia come livello di partenza sia come incremento (da 6,6 a 10,1%). "Tra i gruppi sociali le diseguaglianze nelle condizioni di salute - aggiunge l'Istat - sono notevoli. Nel gruppo della classe dirigente tre quarti delle persone si dichiarano in buone condizioni di salute, mentre in quello più svantaggiato di anziane sole e giovani disoccupati la quota scende al 60,5%". Per i meno abbienti calano anche i controlli di prevenzione ai tumori per le donne. (Per approfondire clicca qui, pag. 104)

L’edizione 2017 del Festival dell'economia di Trento è dedicata a “La salute disuguale”, come questione di equità nell’accesso alla salute e quindi diritto che rappresenta un imperativo etico per la società nel suo insieme e deve essere quindi un obiettivo di tutte le politiche, non solo di quelle socio-sanitarie. È necessario distinguere tra salute e sistemi sanitari: questi ultimi si occupano di curare le persone malate, ma le malattie hanno origine al di fuori degli ospedali e degli ambulatori, ed esistono fattori modificabili, frutto di processi culturali, economici e politici sui quali si può intervenire. L’istruzione, ad esempio, assieme alle condizioni economiche e alla situazione lavorativa, è uno dei fondamentali “determinanti” sociali della salute.

In coerenza con il tema di questa edizione e soprattutto con le strategie sviluppate in questi anni l’Uisp ha proposto al comitato scientifico del Festival, presieduto da Tito Boeri, un convegno dal titolo “Alleanze per i diritti di cittadinanza in salute”, che è stato approvato e inserito nel programma complessivo. La presenza Uisp sarà ulteriormente sottolineata da un altro appuntamento, promosso dall’Azienda sanitaria di Trento, che vedrà il comitato trentino tra i protagonisti del confronto: “La salute dei migranti -  tra emergenza e pari opportunità”.

Al confronto organizzato dall’Uisp, che si terrà sabato 3 giugno dalle 12 alle 13.15 a Palazzo Calepini, Sala Fondazione Caritro, interverranno Stefano Capolongo, docente Dipartimento ABC – Politecnico di Milano; Furio Honsell, sindaco di Udine, rete italiana OMS Città sane; Fabio Lucidi, vicepreside vicario della Facoltà di medicina e psicologia, Università La Sapienza di Roma; Francesco Zambon, Ufficio europeo per gli investimenti per la salute e lo sviluppo, OMS, che sarà il moderatore. I relatori concentreranno i loro interventi sulle azioni per facilitare la creazione di reti e sinergie per il raggiungimento degli obiettivi dell'OMS in contrasto alla sedentarietà e alle disuguaglianze di opportunità in salute. In qualità di soggetti che a vario titolo concorrono a promuovere la salute come diritto di cittadinanza per tutte le età della vita, avranno l’obiettivo di disegnare scenari sociali per alleanze di scopo attraverso azioni concertate e che mirano a obiettivi condivisi.

Il confronto trasversale vuole implementare possibili strategie all’insegna di una logica di sistema che valorizzi tutte le competenze e le possibili contaminazioni, sui temi della città, gli ambienti, gli spazi e sulle opportunità che i cittadini, chiamati a esercitare i diritti alla salute attraverso i propri comportamenti, possono trovare in un quadro di equità.

L’appuntamento sulla salute dei migranti si svolgerà sempre sabato 3 giugno nella stessa sala, dalle 10 alle 11.45, subito prima dell’incontro promosso dall’Uisp, e vedrà un confronto tra Flavio di Giacomo, referente comunicazione dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni; Salvatore Geraci, responsabile dell'area sanitaria della Caritas; Tommaso Iori, presidente Uisp Trentino; Enrico Nava, direzione integrazione socio-sanitaria, Azienda provinciale per i servizi sanitari di Trento, che sarà il moderatore. Si tratta di una riflessione su come inquadrare correttamente il fenomeno dell’immigrazione, quali sono le vulnerabilità, i bisogni di salute, le potenzialità e le risorse di cui tenere conto e come garantire a tutti la possibilità dell’integrazione e il diritto alla salute.

Le due proposte si inseriscono in un programma fittissimo di dibattiti e incontri con personalità di rilievo a livello internazionale e italiano. Per il programma clicca qui(A cura di Elena Fiorani)

 

gfx-hub.net

UISPRESS

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

BIBLIOTECA UISP

GIORNALE RADIO SOCIALE