Nazionale

Sui pattini con l'Uisp fin da piccoli per crescere senza stress

La stagione del pattinaggio Uisp parte alla grande con molti appuntamenti nazionali nel mese di ottobre. Di attività e prospettive ci parla Raffaele Nacarlo

 

Nel fine settimana del 5 e 6 ottobre le rotelle Uisp tornano in scena a Forlì con le Finali nazionali di hockey in line con otto squadre protagoniste; il 20 ottobre si va a Terni per il Campionato nazionale di corsa con circa 150 partecipanti; domenica 27 ottobre sarà la volta del Trofeo delle città a Castelmaggiore (Bo) con 40 squadre e oltre duecento pattinatori, mentre dal 31 ottobre al 3 novembre a Calenzano (Fi) andrà in scena il Campionato nazionale livelli con più di 500 partecipanti, contemporaneamente a Bologna si terrà il Campionato nazionale freestyle cui prenderanno parte 120 ragazzi.

Un inizio di stagione ricco e articolato per il Pattinaggio Uisp: “I numeri della partecipazione sono in crescita – dice Raffaele Nacarlo, responsabile nazionale pattinaggio Uisp - anche grazie agli accorgimenti che abbiamo messo in campo, volti a limitare l’agonismo per portare la nostra attività al suo spirito originale, di partecipazione e divertimento. C’è un mondo di ragazzi che vogliono pattinare e divertirsi senza l’ansia della gara e noi stiamo andando incontro a questa esigenza. Perderemo forse fenomeni di alto livello, ma vogliamo accogliere tutti gli altri”.

Per ottenere questo risultato il Settore di attività Uisp rimodula la sua proposta sportiva in base alle passioni dei praticanti: “Il nostro mondo è in continua evoluzione e noi siamo sempre in ascolto delle società per cogliere esigenze e necessità. Noi stessi stiamo spingendo verso un’attività sempre meno competitiva e agonistica, pur lasciando alcuni filoni storici per uno sport che sia veramente per tutti. La nostra filosofia ci spinge verso le attività ludico sportive, di pattinaggio di base, che siano più gioco che gara. In questo solco si inserisce il progetto che abbiamo lanciato a luglio a Scanno: il Trofeo UGA-Uisp Giovani Atleti. Vogliamo lanciarlo a livello nazionale, stiamo sollecitando tutte le regioni e aggiornando i regolamenti, perché siamo convinti che porterà tanti giovani alla nostra attività, grazie all’opportunità di mettersi alla prova in pista e non fare solo allenamenti”.

Oltre ai giovani su cos’altro vi concentrerete nel futuro?
“Alcuni obiettivi sono il rilancio dell’attività promozionale del ghiaccio e l’incontro con le passioni dei giovani legate al mondo freestyle. In particolare per il ghiaccio stiamo lavorando per trasportare il nostro approccio in questo settore, che ancora è molto concentrato sull’agonismo. Infine, lavoreremo molto sulla formazione, per tutti i livelli delle figure operative, dagli operatori di base fino ai giudici e ufficiali di gara. Puntiamo ad avere giudici solo Uisp, per arrivare a questo stiamo lavorando con tecnici e allenatori affinchè, dopo l’adeguata formazione, arrivino a giudicare le gare. Abbiamo inserito nei piani formativi degli allenatori diverse ore riferite alla materia giudicante, per affrancarci dalla Federazione ed essere liberi”. (Elena Fiorani)

 

virtualbb.com chat18.webcam

UISPRESS

Testata_2019_4

PAGINE UISP

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

LE DIRETTE

BIBLIOTECA UISP