Nazionale

Uisp Cagliari: una storia di calcio, viaggi ed emozioni

Il saluto a Sidibe Mohaze, giovane della Guinea che, dopo aver trascorso due anni a Cagliari giocando a calcio con l'Uisp, saluta i nuovi amici e riparte

 

Condividiamo l'articolo dell'Uisp Cagliari, firmato dal presidente del comitato Pietro Casu, e dedicato all'incontro con cui il giovane Sidibe Mohaze si è congedato dai compagni di squadra e dagli amici conosciuti a Villacidro, nel Sud Sardegna. 

"Buona fortuna Sidibe Mohaze. 
Scrivo in prima persona questo pezzo, come presidente che ha il privilegio di girare per i campi sportivi della provincia di Cagliari, Medio Campidano e Sulcis Iglesiente semplicemente per osservare e raccontare lo sportpertutti. In tanti non sanno cosa sia questo sportpertutti, pare uno slogan come tanti altri e invece è il DNA della nostra associazione e delle società sportive affiliate, parliamo di geni che compongono il nostro cromosoma sportivo: disabilità, donne, bambini, anziani, adulti, ragazzi, detenuti, diversità di genere, migranti e così via. 

Ed è una storia di migranti che ci ha commosso e che vogliamo raccontare perché Sidibe Mohaze, classe '92 della Guinea, tesserato Uisp dal 2 ottobre 2017, ha conquistato tutti con la sua gentilezza e la sua semplicità. Lo intervistai il 17 dicembre del 2017 assieme ad altri suoi quattro compagni di avventura, il pezzo lo titolai così: "5 mori nella terra dei 4 mori". E tutti sappiamo quanto i sardi ci tengano ai loro mori. (GUARDA IL VIDEO con l'intervista)

La vita oggi porta Sidibe in altri lidi in cerca di fortuna, di altre terre che l'accoglieranno, e con se porterà il calore della sua città di accoglianza, Villacidro, e dei suoi compagni di questo sport amatoriale che gli ha permesso di trascorrere giornate spensierate. Sabato 23 novembre il congedo dai suoi compagni nella giornata del derby cittadino, conclusosi col risultato di 2-2 contro i cugini della Stella Rossa Villacidro. Un addio, o un arrivederci forse, qualche lacrima di commozione avrà solcato la guancia di qualche compagno di avventura e forse anche quella di Sidibe che, per l'occasione, ha indossato la fascia di capitano, che solitamente si dispensa ai ragazzi più rappresentativi della squadra. E via con la standing ovation durante il cambio programmato per raccogliere l'affetto dei suoi compagni di squadra, dei suoi amici, dei suoi avversari concittadini. E allora riviviamola così come l'hanno scritta loro, i compagni di squadra di Sidibi, attraverso i messaggi pubblicati sui social network.

"Che dire, all'appello ci mancherà il "... Mohaze.. digiotto.."... Cavolo se ci mancherai. Sei arrivato in punta di piedi con tanta voglia di imparare e con tanta umiltà. Riparti, lontano, di nuovo, per una nuova avventura e per cercare quella fortuna che un ragazzo come te forse meritava di avere anche qui in Sardegna. Ci lasci questa strana sensazione che forse la tua esperienza insieme alla Asd Nino Di Sario abbia arricchito un pochino tutti quanti, cancellando quella diffidenza che un pò tutti abbiamo per le persone che, come te, vengono da lontano, lasciando la propria terra, la propria vita e soprattutto la propria famiglia alle spalle, cosa che per noi è difficile solo comprendere. Ottimo calciatore ma soprattutto eccellente persona, con grande voglia di fare e tantissima dignità. La Asd Nino Disario ti ha accolto come qualsiasi calciatore che entri nel gruppo, come un fratello, con tanti scherzi e tante prese in giro e crediamo che in questi anni di spogliatoio, pioggia, fango e tante cene ... beh ... qualcosina da ricordare e che ti farà sorridere te la porterai dietro anche tu. Buona fortuna Mohaze. Siamo sicuri che arriverai ad ottenere quello che meriti. Ci vediamo presto".

 
E così Antonio Meloni scrive: "Ieri si è giocato l'ennesimo derby degli amatori di Villacidro, questo mi rimarrà particolarmente nel cuore non per la partita, nè per il risultato o un sussulto personale ma perché ricorderò l'ultima partita nella Nino Disario di Mohaze. Abbiamo voluto ringraziare e salutare così: fascia da capitano e un lunghissimo applauso al momento della sostituzione. Ragazzo splendido, comprensivo ed educato che ha dato a noi più di quanto potessimo immaginare. Ti auguro quanto di meglio la vita possa darti, sono sicuro che la tua strada troverà ancora altri campi in cui giocare, nuovi amici e nuova vita. In bocca al lupo Sidibe Mohaze!"

Simone Porta aggiunge: "Commovente l'applauso spontaneo di entrambe le squadre e di tutto il pubblico al momento del cambio. Un ragazzo sempre educato e amico di tutti, in bocca al lupo per tutto".
Giovanni Salis: "In bocca al lupo per tutto, stupendo l'applauso di entrambe le squadre ".

E' questo lo sport che piace a noi e non siamo i soli, lo scrive pure Margherita Concas: "Fatto così lo sport mi piace da morire".
E Sidibe ringrazia tutti a modo suo con tanta commozione: "Veramente vi ringrazio infinitamente. Grazie, mi dispiace molto lasciarvi ... ma comunque è un arrivederci".
La testimonianza e l'augurio di Giovanni Loddo, responsabile del SdA Calcio dell'Uisp Cagliari: "Un esempio per tutti, un ragazzo che arriva dal suo paese d'origine per avere un vita migliore e trova in Sardegna una squadra, il Nino Disario, che lo accoglie a braccia aperte come un proprio figlio, un gesto di tutta la squadra di pura integrazione e solidarietà sociale. Auguri per tutto".  Arrivederci Sibide Mohaze per averci insegnato a volerti bene. (Pietro Casu, Uisp Cagliari)

 

virtualbb.com chat18.webcam

UISPRESS

Testata_2019_4

PAGINE UISP

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

LE DIRETTE

BIBLIOTECA UISP