Settore di Attività Nazionale

Nuoto

Lutto nel mondo Uisp: ci ha lasciati Tore Montella

Numero uno del nuoto Uisp dagli anni '70 al Duemila e ideatore di importanti manifestazioni nazionali. Lo ricordano Tesei e Riccucci

dalla Redazione Nazionale

L’Uisp è in lutto per la scomparsa di Tore Montella, 86 anni, che si è spento dopo una lunga malattia. Nel 1954 è stato fondatore della Polisportiva Geas di Sesto San Giovanni e suo presidente dal 1954 al 1970. E’ stato presidente nazionale della Lega nuoto Uisp (oggi Sda Uisp Nuoto) dal 1969 ai primi anni Duemila. Dal 2012 fu nominato presidente onorario Fin.

La presidenza nazionale Uisp e tutti i dirigenti del Nuoto Uisp, insieme ai tanti che l’hanno conosciuto, si uniscono al lutto dei familiari e degli amici. 

“I ricordi del dirigente Tore Montella e quelli dell’amico di famiglia si confondono – racconta Massimo Tesei, responsabile nazionale Uisp Nuoto – era un uomo rigoroso, energico, simpatico. Era molto legato all’ambiente del nuoto e al ruolo dell’Uisp. Ero un ragazzo quando l’ho conosciuto ed ho sempre nutrito grande rispetto per lui. Anche quando lo vedevo a cena ospite della mia famiglia, negli anni ’80. Allora tenemmo per la prima volta i Campionati nazionali Uisp a Pesaro e il Comitato di Senigallia era un riferimento importante per la loro organizzazione. Per questo passò alcune serate con noi, a parlare con mio padre di nuoto Uisp e della comune militanza nell’allora Partito comunista. L’ultimo ricordo che ho risale al 2013, quando lo invitammo a presenziare all’edizione nazionale del Trofeo delle Regioni di nuoto che si tenne a Pescara. Era una persona alla mano ed trasmetteva un grande piacere di stare in mezzo alla gente”.

 Anche Mauro Riccucci, presidente del Circolo Nuoto Uisp Bologna, sottolinea la sua capacità di creare relazioni e fare squadra: “Ho condiviso con Tore Montella un ventennio di lavoro nel nuoto Uisp. Lo conobbi nel 1969 a Milano, per il primo corso nazionale di istruttori Uisp. Lui ne era responsabile in quanto istruttore e dirigente della Geas, insieme a Cavenaghi, dell’Umanitaria di Milano. Poi, nel 1972 fui delegato all’Assemblea nazionale del nuoto Uisp che si svolse a Parma e pian piano entrai negli organismi dirigenti, sino a diventarne segretario nazionale a partire dai primi anni ’80. Da allora cominciai a lavorare a stretto contatto con Montella”.

“La qualità maggiore di Tore Montella penso sia stata quella di saper coinvolgere nella struttura Uisp tante persone, con competenze diverse. In quegli anni l’Uisp acquistò autorevolezza organizzativa e qualità tecnica. Manifestazioni come il Trofeo Essenuto, i Campionati nazionali Uisp e il Trofeo delle Regioni erano appuntamenti di prestigio per l’intero mondo natatorio italiano. Seppe valorizzare la ‘scuola’ Uisp anche grazie ad un suo fortunato libro, ‘L’insegnamento del nuoto’ del 1975, che ebbe il merito di puntare sulla divulgazione e sul rigore tecnico. La sua impostazione era quella di cercare convergenze e rompere gli steccati tra i vari organismi che si occupavano di nuoto, anche tra Uisp e Federazione, pur riconoscendo ad entrambe ruoli distinti. Una decina d’anni fa perse la cara moglie Norma e gli ultimi anni della sua vita sono stati caratterizzati da una ridotta mobilità".(I.M.)

 

 

Casa del Nuoto - Certificazione Ufficiale UISP

Nicola Bisacchi - Fotografo Ufficiale UISP Nuoto