Comitato Regionale

Piemonte

Corriamo a Tavola: UISP Piemonte firma il protocollo d'intesa

Prevenire e contrastare sovrappeso e obesità in età pediatrica (0-14 anni) coniugando la corretta alimentazione del bambino con un’attività fisica svolta quotidianamente a bassa e media intensità, sia in forma strutturata (pratica sportiva) sia in maniera libera (movimento).

Con queste premesse, non poteva che chiamarsi Corriamo a tavola il progetto di educazione alimentare e sportiva per adolescenti e bambini, di cui mercoledì 9 ottobre, a Torino, presso la sede regionale della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP), è stato siglato il protocollo d’intesa tra:

  • FIMP Piemonte (segretario, dott. Giulio Barbero, rappresentato dal dott. Paolo Rosso);
  • FIMP Torino e Provincia (segretario, dott. Renato Turra);
  • UISP Piemonte (presidente, Patrizia Alfano);
  • Associazione Cuochi Torino (presidente, Lamberto Guerrer);
  • ASD Babyrun 2013, promotrice del network (presidente, Gianluca Palladino)

 

I DATI SUL SOVRAPPESO E L’OBESITÀ DI BAMBINI E RAGAZZI IN PIEMONTE

Pur senza generare allarmismo, i più recenti dati sul sovrappeso e l’obesità in età pediatrica in Piemonte (Okkio alla Salute, 2016non possono che destare più di qualche preoccupazione. Ecco i più significativi:

  • in Piemonte, nella fascia d’età compresa tra i 6 e gli 11 anni, sono più di 50mila i bambini sovrappeso e obesi;
  • in Piemonte ben il 46% delle madri di bambini sovrappeso e l’8% delle madri di bambini obesi ritiene che il proprio bambino sia normopeso o sottopeso;
  • il 64% delle madri dei bambini non attivi residenti in Piemonte ritiene, erroneamente, che il figlio svolga sufficiente o molta attività fisica;
  • i bambini piemontesi sono poco propensi all’attività fisica: 1 su 7 è fisicamente inattivo, mentre solo 1 su 3 ha un livello di attività fisica raccomandato per la sua età;
  • dal punto di vista delle attività fisiche e ludico-motorie le scuole non riescono a sopperire adeguatamente a tale carenza, tanto che:
  1. Soltanto nel 56% delle classi si svolgono almeno 2 ore di attività motoria a settimana;
  2. Soltanto il 25% delle scuole coinvolge i genitori in iniziative di attività motoria;
  3. Soltanto il 33% delle scuole coinvolge i genitori in iniziative finalizzate alla promozione di sane abitudini alimentari.

IL NETWORK REGIONALE CORRIAMO A TAVOLA

Partendo da tali premesse, quali sono, dunque, gli obiettivi di “Corriamo a Tavola”?

Il network regionale – spiega Gianluca Palladino, coordinatore del progetto – intende rivolgersi alle famiglie per il tramite dei bambini. Ma perché questa comunicazione sia efficace, è necessario che le realtà istituzionali, associative, aziendali, mediatiche, già coinvolte o che da qui ai prossimi mesi vi aderiranno, inizino a parlare lo stesso linguaggio. È indispensabile che tutte, ciascuna nel proprio ambito e in base alle proprie competenze, veicolino il medesimo messaggio, fino a renderlo ridondante, e infine familiare, dapprima ai bambini e poi ai loro genitori”.

Per i bambini – aggiunge la dottoressa Gabriella Regis, biologa nutrizionista specializzata in età pediatrica – è fondamentale fin dalla più tenera età, e progressivamente, scoprire i cibi, imparare a conoscerne gli apporti nutrizionali, apprenderne le corrette porzionature. E, su un versante complementare, comprendere l’importanza del movimento quotidiano”.

In quest’ottica, l’azione di Corriamo a Tavola si dispiegherà in più ambiti:

  • indagini conoscitive
  • eventi rivolti alle famiglie
  • laboratori didattici e giornate di formazione in ambito scolastico
  • giornate di formazione aziendale
  • guide tematiche e articoli informativi veicolati sui canali del network e dei suoi partners

 

Altre info su:

https://www.corriamoatavola.it/2019/10/10/protocollo-intesa-corriamo-a-tavola/?fbclid=IwAR3oMgwP-aqGyUGO1CSpjq50v7RvtuycBwazBVgdOKcFVsqIlh-SEBWN-fU

Tesseramento Anno Sportivo 2019 - 2020

Strutture di attività Regionali