Settore di Attività Nazionale

Ciclismo

Alimentazione, un tema da gestire ...

I suggerimenti della nutrizionista


L’alimentazione sportiva è un tema di grande interesse generale, figurarsi oggi nella situazione di contingenza e maggiore attenzione a ciò che quotidinamente ingeriamo per nutrire il nostro corpo.
Sull’argomento si trovano on line molte informazioni diverse se non addirittura contrastanti, rendendone la comprensione difficile.
Quindi, oltre all'allenamento indoor, abbiamo deciso di fare focus sul tema e chiedere aiuto ed assistenza ad un esperta del settore.

Bellini Michela, biologa nutrizionista ha accolto il nostro invito.
michela.bellini85@gmail.com

Allora Michela intanto grazie della disponibilità, cosa ci puoi dire ?
In questo periodo in cui tutta l’attenzione è rivolta alla situazione che stiamo vivendo, il suggerimento che vi posso dare è di cercare di ottimizzare le azioni che ci è consentito svolgere, in modo da rafforzare il nostro organismo ed imparare a tenerlo in salute, che è il primo passo.

Ottimo... quindi per il "corpore sano" che facciamo ?
La prima azione da svolgere con qualità è la spesa; perché?
Perché il 65% del sistema immunitario risiede nell’intestino e non ci si può prendere cura dell’intestino se non ci si cura dell’alimentazione. D’altra parte tutto ciò che ingeriamo transita e viene a contatto con il nostro apparato digerente; sostanze nutritive ma anche sostanze nocive.

Ecco quindi alcuni consigli pratici che ci possono aiutare a mantenere il nostro sistema immunitario vigile ed efficiente e il nostro corpo in forza e salute.

Fare una spesa di qualità: ora più che mai è fondamentale acquistare prodotti sani e davvero nutrienti. Sprecare l’uscita per spendere soldi in alimenti di scarsa qualità non vale proprio la pena, prediligere prodotti del territorio (magari verificare se i mercati del contadino presenti sul territorio sono ancora aperti) e fare una bella scorta di frutta e verdura fresca e di stagione, che si conserverà per più giorni, apporterà fibre, sali minerali e vitamine. Una manna santa per l’intestino (e quindi per le vostre difese immunitarie).

Comprate farina di tipo 1 e 2 (o anche integrale) e non limitatevi al solo grano moderno. Farro, kamut e altri grani antichi contengono un glutine molto più digeribile che non mette in difficoltà il sistema immunitario (è ormai nota l’implicazione del glutine moderno nell’aumento di patologie autoimmunitarie).
Se non avete la possibilità di acquistare queste farine ed avete a disposizione solo farina 0 e 00, terminatela preparando della pasta all’uovo o degli strigoli che condirete con abbondante sugo di verdura in modo da abbattere l’indice glicemico (ovvero la capacità che hanno queste farine di alzare velocemente la glicemia nel sangue).
Terminata la scorta però fate il possibile per passare alle farine che ho consigliato.

Non abusate di carne, specie se rossa e da allevamenti intensivi. Si tratta di prodotti ALTAMENTE INFIAMMATORI per l’intestino (l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro ha evidenziato che un consumo eccessivo di carni rosse, specie lavorate, comporta un aumento dei rischi)

Evitate per quanto possibile prodotti industriali, da quelli da forno ai dolciumi. Vi fanno spendere soldi e peggiorano il vostro stato di salute. Ora che avete tempo CUCINATE

Approfittate per fare scorte in freezer di piatti cucinati da voi: vi saranno utilissimi quando riprenderete i ritmi lavorativi. Personalmente sto dedicando tempo a sughi di verdura per la pasta, zuppe di cereali e legumi e polpette di legumi o pesce. Partire dai singoli ingredienti costa decisamente meno che comprare il prodotto in scatola già pronto ed evita di ingerire parecchi conservanti
E magari scoprirete lo chef che è in voi

Inserite ad ogni pasto una porzione di verdura cotta e una di verdura cruda

Usare con raziocinio
Gli avanzi delle verdure possono essere saltati in padella ed utilizzati per fare ad esempio una frittata, o messi in pentola per fare un brodo di verdura.
Gli avanzi della frutta invece sono un’ottima risorsa per fare degli estratti (anche assieme agli avanzi della verdura)

Propongo un esempio di menù settimanale che aiuterà a tenervi in forma e soprattuto in salute (sempre che la vostra dispensa sia stata riempita di ingredienti sani)

PRANZO: scegliete un primo piatto con un condimento a base di verdure e cercate di alternare cereali integrali (come riso, miglio, farro, orzo, quinoa, ecc..) alla pasta. Una o due volte a settimana sostitute il sugo di verdura con un sugo di pesce o un ragù preparato con carne bianca

CENA: alternate la fonte di proteine: 2-3 volte pesce, una volta legumi, uovo, carne bianca, zuppa di legumi (magari con un crostino di pane raffermo e olio di oliva). E perché no una sera potete anche concedervi una pizza fatta in casa, magari preparata con le farine che ho consigliato.

Sottolineiamo che l'intenzione è solo quella di fornire una serie di indicazioni di semplice comprensione, affinché i nostri lettori possano utilizzarle per acquisire conoscenze corrette sull' alimentazione, valide ora e per il futuro.
Magari anche per ....iniziare a modificare la propria dieta.
La Dott.ssa Bellini si mette a disposizioni se avete domande circa l'alimentazione, cercate ricette, potete contattarla tramite la mail sopra indicata, oppure in privato con messenger tramite il profilo linkato.
Grazie Michela per il tuo tempo ed i consigli

Per la Redazione UISP Ciclismo
(RB)

 

 

 

 

 

Facebook Uisp ciclismo

BIKE CARD Tutorial

La Direzione Nazionale UISP ha comunicato a tutti i livelli che in data 20 gennaio 2020 è stato sottoscritto, nel rispetto delle prerogative di ciascun organismo, il rinnovo della Convenzione UISP - FCI per il 2020

Alla data del 21/01/2020 hanno sottoscritto la Convenzione 2020 con la Federazione Ciclistica Italiana i seguenti Enti di Promozione Sportiva:

AICS, ACSI, ASI, CSAIN, CSEN, CSI, ENDAS, LIBERTAS, OPES, US ACLI, UISP​.

Per agevolare le procedure, è possibile verificare la presenza del ciclista nel database della Bike Card, accedendo alla procedura on line direttamente da questo link oppure tramite l’immagine sottostante

Non ammessi UISP

Formazione UISP Ciclismo

Social UISP Ciclismo
Facebook Uisp ciclismo