Nazionale

Le attività dell’Uisp al rientro dalla pausa estiva

Sono già in cantiere tante proposte di sport sociale per ritrovarsi insieme alla fine della pausa estiva, a partire dagli ultimi giorni di agosto

 

Nonostante l’interruzione dovuta alla pausa di questo mese, il calendario è già fitto di appuntamenti con i quali l’Uisp riprenderà a pieno regime le sue attività a partire dagli ultimi giorni di agosto e dalla prima metà di settembre. Allora scopriamo alcune di queste iniziative.

Per il settore Montagna Uisp le vacanze avranno i giorni contati. Infatti, nel corso dell’intera stagione estiva sono numerose le attività che si svolgono in alta quota. Tanti i benefici garantiti dal praticare sport in questo tipo di ambiente. Unire una corsetta o una semplice camminata alla scoperta della natura permette di mantenersi in forma senza perdere di vista le bellezze del territorio. Inoltre, l’aria fresca e pulita di montagna è l’ideale per la pratica sportiva, soprattutto per le ondate di caldo torrido registrate in questo periodo. Anche per questo le attività in montagna d’estate sono sempre più gettonate e tra le iniziative che l’Uisp propone in altura fino al 27 agosto c'è la dodicesima edizione del “Trekking Imperia-Limone” organizzato dalla società sportiva “Monesi Young”, affiliata Uisp. Oltre a percorrere circa cento chilometri tra i sentieri delle Alpi Liguri i partecipanti s’impegneranno anche a garantire un impatto ambientale pari a zero attraverso diversi accorgimenti: utilizzo di soli materiali riciclabili o eco compatibili, raccolta differenziata dei rifiuti prodotti, riduzione delle emissioni inquinanti per i mezzi dello staff e utilizzo della filiera corta per il cibo consumato. Per info clicca qui

Anche il settore dell’Atletica Uisp sarà tra i primi a riprendere le attività. Sarà una vera e propria partenza in “sprint” del mese di settembre con diverse corse inserite nel calendario nazionale. Il primo giorno del mese si svolgerà la "Corsa dei 5 laghi" di Ivrea. Poco dopo, nel fine settimana del 7 e 8 settembre, si correranno la marcia "Mare e Monti" e "la Run To Up" rispettivamente ad Arenzano (Ge) e a Bologna. Domenica 15 settembre si assegneranno due titoli italiani: il Campionato nazionale di corsa su strada, dieci chilometri percorrendo il territorio di Matera e valorizzando le bellezze della Capitale europea della cultura e il Campionato nazionale di trail running a Rocca di mezzo (Aq), che vedrà al centro la solidarietà verso la comunità locale colpita dal terremoto di dieci anni fa. Si tratta di manifestazioni diverse per caratteristiche, ma che si correranno sullo sfondo identico dello sport sociale. Per info clicca qui

http://www.rdmedicalonline.com/product/xanax/

Ancora le grandi altitudini saranno protagoniste sabato 7 e domenica 8 settembre, questa volta in uno scenario piuttosto insolito. Saranno le attività subacquee dell’Uisp a trasferirsi dal mare alla montagna per la ventottesima edizione dello stage di “Immersione in alta quota”, organizzati dal settore d’attività dell’Uisp Lombardia con il coordinamento del Settore nazionale e la collaborazione di cinque associazioni Subacquee di Brescia e Bergamo: Submania, SUBAQUA - CRAL della Banca Popolare di Bergamo, Gruppo Sub Montisola, Gruppo Subacqueo Vallecamonica e Punto Sub. Appassionati provenienti da diverse parti d’Italia e dall’estero si daranno appuntamento sulle cime del passo del Tonale per raggiungere il lago “Ponticello” dove potranno immergersi in un fondale d’eccezione. L’attività subacquea svolta in alta quota permette di tracciare idealmente una linea di continuità tra le profondità di mari e oceani e le altitudini delle catene montuose. Un filo conduttore instaurato tra i due poli e sintetizzato dalle immersioni in acque le cui temperature oscillano dai due ai quattro gradi che permetteranno ai sub di apprendere le nozioni per le corrette procedure di decompressione in relazione all’altitudine. Nei due giorni di stage questi aspetti maggiormente tecnici della specialità s’intrecceranno con l’esplorazione dei fondali che custodiscono un importante patrimonio storico. Un centinaio di anni fa, infatti, questi luoghi sono stati il campo di battaglia del primo conflitto mondiale e nelle acquee si celano dei reperti nascosti e inesplorati che i subacquei avranno la possibilità di rinvenire. Negli anni sono stati scoperti tanti oggetti bellici che raccontano la quotidianità dei soldati in queste situazioni estreme. In questi casi i subacquei hanno deciso di lasciare la maggior parte del materiale rinvenuto sul fondo del lago, il quale rimarrà custode di un museo naturale che documenta quella tragedia umana e lascia la memoria dell’ “inutile carneficina” che ha segnato la nostra storia. Per info clicca qui (di Pierluigi Lantieri)

 

virtualbb.com chat18.webcam

UISPRESS

Testata_2019_4

PAGINE UISP

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

LE DIRETTE

BIBLIOTECA UISP