Nazionale

Lo sport del territorio chiede pari dignità e sostegni

Uisp Piemonte in piazza a Torino. Tiziano Pesce su TeleNord spiega gli attuali problemi. I Comitati territoriali Uisp chiedono ascolto e attenzione

 

È stato firmato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che contiene le nuove misure per il contenimento della diffusione del COVID-19 che avranno valenza da giovedì 5 novembre fino a giovedì 3 dicembre. Un provvedimento di fatto dividerà l'Italia in tre zone, ciascuna con restrizioni diverse a seconda del rischio contagio. 

Ieri a Torino, in piazza Castello, si è svolta una iniziativa di protesta promossa da Uisp Piemonte insieme ad altri enti di promozione sportiva: "Chiediamo che le associazioni siano riconosciute come presidio territoriale importante, per la prevenzione della salute, la socialità e l'educazione - ha detto Patrizia Alfano, presidente Uisp Piemonte - Chiediamo un sostegno economico per evitare la chiusura definitiva delle tante associazioni che hanno sostenuto spese di migliaia di euro per riaprire e che adesso dovranno di nuovo chiudere".

GUARDA IL SERVIZIO TV DE LA STAMPA E L’INTERVISTA A PATRIZIA ALFANO

Tiziano Pesce, vicepresidente nazionale Uisp e presidente Uisp Liguria, è stato ospite di Telenord e ha spiegato come oggi la pratica sportiva sia un vero e proprio progetto di vita per molte persone, a cominciare dai ragazzi. La giovane cestista Camilla Bruschi, che partecipa con la sua squadra alle attività regionali Uisp Liguria, ha lanciato il suo appello dalla prima pagina del Secolo XIX.

GUARDA L’INTERVISTA A TIZIANO PESCE SU TELENORD

Tiziano Pesce si è soffermato sul tema lavoro sportivo, che l’Uisp aveva sollevato con forza all’inizio dell’emergenza sanitaria e su quello delle gravi difficoltà delle società sportive e Asd, che in questi mesi hanno sostenuto costi elevati per riorganizzare le attività e sanificare gli ambienti.

Dal territorio molti presidenti dei Comitati Uisp si sono fatti portavoce di un malcontento crescente nello sport di base. Enrico Balestra, presidente Uisp Ferrara, è intervenuto dalle colonne del Resto del Carlino, con un articolo dal titolo eloquente: “Lasciateci lo sport all’esterno, è vitale per noi”. “L’entrata in vigore del Dpcm ci ha portato a sospendere tutte le attività di tipo amatoriale: una scelta di responsabilità costosissima per le società affiliate”. 

“Esigiamo modifiche a questi provvedimenti che sono lacunosi e sbagliati – prosegue Balestra - oltre che un contributo costruttivo e unitario che possa riaffermare la cultura dello sport, il diritto al movimento e alla salute dei cittadini e quello al gioco dei bambini, che abbiamo scelto di fare, nonostante il nuovo decreto sia stato scritto male e sia pienamente discutibile da più punti di vista”. Balestra fa un appello a tutto il mondo sportivo per rispettare le norme, senza cercare scorciatoie e furbizie, come hanno fatto alcune federazioni nei giorni scorsi. (I.M.)

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE

 

virtualbb.com chat18.webcam

UISPRESS

Testata_Uispress_2020

PAGINE UISP

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

LE DIRETTE

BIBLIOTECA UISP