Comitato Territoriale

Matera

Uisp Matera, successo per l'iniziativa "Pillole di Movimento"

Grande partecipazione a Matera per il progetto "Pillole di movimento", campagna nazionale Uisp finalizzata al contrasto della sedentarietà e alla promozione della cultura del movimento.

La campagna ha visto coinvolti 31 Comitati Uisp e da febbraio ha compreso oltre 235 Comuni italiani e 370 tra associazioni e società sportive dilettantistiche.

Il progetto è stato finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per lo Sport nell'ambito del Bando EPS 2020 e attraverso le farmacie dei circuiti Gruppo Lloyds e Federfarma provinciali, partner del progetto, sono state distribuite alle persone di tutte le età, 480.000 confezioni di “Pillole di movimento” che contengono coupon gratuiti che permettono di scegliere tra una rosa di oltre 1200 attività sportive e motorie promosse in tutta Italia.

Il comitato territoriale Uisp di Matera ha dato il via alle attività presentando il progetto presso la sala "Mandela" del Comune di Matera lo scorso 22 gennaio e ne ha condiviso il percorso con A.P.S. AL JALIL YOGA, A.S.D. AL MARSUPIO DADINA, A.S.D. ARCIERI DEI SASSI, A.S.D. ARTE FITNESS, A.S.D. LACAPOSCIUC, A.S.D. MATHA SPORT E BENESSERE, A.S.D. MOVIMENTO CONSAPEVOLE, A.S.D. MUOVERSI INSIEME, A.S.D. NEI GONG, A.S.D. OLTREDANZA - PROGETTI IN MOVIMENTO, CIRCOLO POL. ECOS A.S.D., CIRCOLO POLIS. MAIA A.S.D., A.P.S. PENSOSTRUTTURA - ELIOS ETS, S.S.D. ATHENA CLUB SRL, A.S.D. NAUTILUS, COSMOS SOC. COOP. SOCIALE ONLUS.

Il referente del progetto per Uisp Matera, Giuseppe Pecora dichiara: «“Siamo arrivati al termine di un lungo progetto avviato ormai quasi un anno fa, passato attraverso periodi di incertezza e difficoltà a causa delle recenti ondate di pandemia. Ciononostante, il bilancio di questa prima annualità di Pillole di Movimento nel nostro territorio resta positivo perché siamo riusciti a coinvolgere molte farmacie e tanti cittadini e cittadine che non avevano mai praticato sport oppure avevano dovuto interrompere a causa dei lockdown. L’idea è che, dopo una prima annualità sperimentale, una iniziativa che stimoli quante più persone a praticare attività motoria e sport di base possa diventare un punto fermo della progettualità del nostro Comitato e delle associazioni sportive aderenti».

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE