Nazionale

Ciclismo Uisp, da Bicincittà alle e-bike, si riparte dopo 2 anni di stop

Un bilancio di quest'edizione di Bicincittà con Giovanni Punzi, responsabile nazionale del Ciclismo Uisp, con uno sguardo al futuro

 

Bicincittà è una delle iniziative Uisp più amate: una passeggiata su due ruote che ogni anno, dal 1985, invade le strade di tutta Italia con migliaia di pedalatori e pedalatrici, giovani e meno giovani. L'edizione di quest'anno, sostenuta da Marsh, è stata speciale sotto diversi punti di vista, primo fra tutti il suo stesso svolgimento, dopo due anni di stop causa pandemia. "Bicincittà è veramente la manifestazione dello sportpertutti, inclusivo e pacifista. In tante e tanti hanno deciso di partecipare con grande gioia. Ed è stato davvero un bellissimo ritorno, anche se timido", ha detto Giovanni Punzi, responsabile nazionale del Ciclismo Uisp. Infatti, quest'anno sono state "solo", se così si può dire, 41 le città che hanno preso parte il 15 maggio alla giornata centrale della manifestazione, che in passato è arrivata a toccarne fino a 150. 

Scopo dell'iniziativa Uisp è sensibilizzare sportivi e cittadini sui benefici di un uso diffuso della bicicletta, ma anche sui problemi che la comunità dei pedalanti si trova ad affrontare quotidianamente, chiedendo anche alla politica un impegno concreto. Alla vigilia dell'edizione di quest'anno, Tiziano Pesce, presidente Uisp Nazionale, aveva infatti detto: “Chiediamo al Governo e alle amministrazioni cittadine più sicurezza stradale, rispetto per i ciclisti, la realizzazione di nuove piste ciclabili e scelte chiare per puntare sulla bici come mezzo di trasporto ecologico e sostenibile”. 

Ma quest'anno, oltre al focus sulla sostenibilità, si è scelto di colorare le scie di ciclisti e cicliste che hanno attraversato le città dei colori arcobaleno della pace, in solidarietà con le vittime della guerra in Ucraina: "Nel nostro piccolo abbiamo dato un segnale, come continueremo a fare durante ogni manifestazione Uisp, che da sempre promuove la pace", ha commentato Punzi. Bicincittà è stata poi un'occasione per ricordare Gianmario Missaglia, storico presidente nazionale Uisp, scomparso il 1° maggio del 2002, e grande amante della bicicletta, come simbolo di un'attività sportiva lenta, profonda e libera.

Nell'edizione di quest'anno si sono viste poi un numero maggiore di biciclette elettriche rispetto al passato, un dato in linea coi tempi, considerando che, complici la pandemia e gli incentivi, la diffusione di questi mezzi è cresciuta esponenzialmente. Se nel 2020, ANCMA-Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori registrava un aumento delle vendite del 44%, e del 12% nel primo semestre del 2021, Bosch stima che entro il 2025 il 50% delle biciclette vendute saranno provviste di pedalata assistita. L'Uisp guarda con interesse sempre maggiore a questo fenomeno: infatti, sabato 25 giugno a Villadeati (Al), in collaborazione con il comitato Uisp Piemonte, si terrà un Criterium dedicato alle mountain bike elettriche. "E' un segnale importante, perchè l'anno scorso la competizione si era svolta in forma esclusivamente locale, mentre un criterium è un evento di stampo nazionale. Per ora la partecipazione di e-bike alle nostre manifestazioni si è concentrata sulle mountain bike, ma credo che presto arriveranno anche su strada: è il futuro", ha detto Punzi, sottolineando che, sebbene al momento il regolamento non preveda misure particolari, nel futuro si cercherà di inserire parametri di riferimento, come quello delle diverse capacità di batteria dei mezzi. "Questa misura renderà la bicicletta ancora più inclusiva e vicina ai valori dello sportpertutti", ha concluso il responsabile del Settore di Attività Ciclismo Uisp. (Lorenzo Boffa)

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE
Archivio video

Partner istituzionale

 

Fornitore ufficiale