Nazionale

Anche lo sport sociale per il Friday for Future

Tornano gli scioperi per il futuro e per il clima: venerdì 27 settembre anche l’Uisp in piazza per l'ambiente. Parla Vincenzo Manco

 

Tornano i Fridays for future: venerdì 27 settembre in oltre 100 città italiane. Anche l’Uisp parteciperà alle manifestazioni con giovani e associazioni.

“Ci sarà anche lo sport per tutti oggi nelle tante piazze d'Italia - dice Vincenzo Manco, presidente nazionale Uisp - La grande mobilitazione promossa dalle giovani generazioni chiama tutti ad un forte scatto di responsabilità piena per assumere comportamenti, azioni, stili di vita che siano sostenibili. Il nostro pianeta soffre da tempo e la Uisp è da sempre impegnata a risvegliare le coscienze dei propri associati e di tutto lo sport italiano affinché le varie iniziative siano sempre di più plastic free, prevedano il rispetto delle risorse idriche e l'uso delle energie rinnovabili per l'efficientamento energetico dell'impiantistica sportiva. Ognuno di noi deve vivere la crisi climatica come una vera e propria emergenza, solo così saremo capaci di promuovere e produrre cambiamento”.

Si svolge venerdì 27 settembre, la manifestazione globale "Friday for Future" delle e dei giovani e giovanissimi per chiedere alle istituzioni democratiche del mondo interventi urgenti, e ad ogni persona di buona volontà scelte di giustizia e stili di vita adeguati, per contrastare i mutamenti climatici e difendere e risanare la biosfera.

L'Uisp sarà presente in molte città, l’associazione dello sport sociale e per tutti che proprio per il diritto all’ambiente e al futuro si impegna da anni, attraverso lo sport. Basti ricordare manifestazioni come “Corri per il Verde”, lanciata da Roma all’inizio degli anni ’70 per protestare attraverso cosrse podistiche in periferia contro la cementificazione selvaggia e la speculazione edilizia nella Capitale. Negli anni ’80 l’Uisp ha lanciato Vivicittà, manifestazione che coinvolgeva e continua a coinvolgere decine di città simultaneamente attraverso camminate e corse podistiche per l’ambiente e la vivibilità dei centri storici. E poi Bicincittà, per piste ciclabili e contro il traffico, e centinaia di altre manifestazioni a vocazione ambientalista in montagna, nemare, nei laghi e nei fiumi italiani. L’impegno dell’Uisp continua per fare dei grandi eventi sportivi degli happening a basso impatto ambientale, plastic free e con l’utilizzo di acqua di rete.

Venerdì 27 settembre si terranno eventi organizzati dalla sezione italiana del movimento di Greta Thunberg. Questo sarà il terzo sciopero globale (dopo quelli del 15 marzo e del 24 maggio), realizzato per chiedere l'abbandono delle fonti di energia fossili e giustizia climatica per i popoli di tutto il mondo. Allo sciopero hanno aderito numerose associazioni, sindacati e anche il ministro dell'Istruzione, Lorenzo Fioramonti, ha invitato tramite una circolare i dirigenti scolastici a considerare giustificate le assenze degli studenti in 'sciopero'. 

"La situazione può essere descritta come un triangolo", scrive sul proprio sito internet Asvis (rete interassociativa della quale fa parte anche Uisp), mettendo in relazione  vari fatti: proteste dei giovani che hanno in Greta Thunberg la loro leader, il Climate Action Summit voluto dal segretario generale dell’Onu António Guterres, il dibattito all’Assemblea generale sul consuntivo degli SDGs a quattro anni dalla loro approvazione

Quali sono i lati di questo triangolo? "A un vertice ci sono i giovani - scrive Asvis - pronti a battersi per garantirsi un futuro migliore, e più in generale tutte quelle componenti della società civile e del mondo delle imprese consapevoli che senza una svolta verso uno sviluppo davvero sostenibile il mondo è condannato ad affrontare crisi drammatiche. All’altro vertice c’è l’opinione pubblica poco informata o spaventata da cambiamenti che potrebbero mettere in discussione l’attuale tenore di vita. Il terzo vertice, quello in alto, è fatto dai politici, che non hanno la capacità di prendere decisioni davvero coraggiose perché temono di non essere capiti dall’opinione pubblica".  (I.M.)

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE

 

UISPRESS

PAGINE UISP

BILANCIO SOCIALE UISP

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

Podcast

SELEZIONE STAMPA

BIBLIOTECA UISP

SPECIALE COVID-19