Nazionale

Attività fisica adattata Uisp: costruire alleanze per la salute dei cittadini

Sul Corriere della Sera l’esperienza del Municipio 2 di Milano che si impegna contro la sedentarietà in tutte le età della vita. Parla Stefano Pucci

 

Vietato rassegnarsi e smettere di muoversi quando da anziani ci si trova prima o poi a fare i conti con l'artrosi. Anzi, un'attività fisica su misura, l'attività fisica adattata può offrire notevoli benefici contribuendo ad attenuare il dolore e a mantenere la propria autonomia”, lo dice la ultratrentennale esperienza Uisp, che ha studiato e promosso l’Afa in tutto il Paese. “Siamo stati i primi in italia - spiega Stefano Pucci, responsabile politiche per la salute e l’inclusione Uisp e presidente Uisp Lombardia - e abbiamo scelto questo approccio perchè è davvero per tutti: è in grado di soddisfare qualsiasi condizione fisica e si basa su un’attività dedicata alle singole persone ma all'interno di un contesto di piccolo gruppo, riuscendo in questo modo a valorizzare anche l'aspetto di relazione e a costruire una rete sociale tra le persone”.

L’obiettivo primario è la lotta alla sedentarietà, un rischio rilevante per persone anziane o affette da patologie che rendono difficile e doloroso il movimento: “In particolare l’afa si rivolge a tutte quelle persone che farebbero fatica a frequentare le classiche attività nelle palestre - prosegue Pucci - come la ginnastica dolce, e in questo modo godono di una proposta mirata rispetto alle condizioni di salute, riuscendo a mantenere la propria autonomia, anche se in presenza di patologie croniche. Con questo tipo di interventi è possibile anche tenere i partecipanti lontani da interventi di carattere sanitario, che sono poco efficaci e creano sovraffollamento nelle liste d’attesa per le prestazioni specialistiche. I corsi sono tenuti da istruttori laureati in scienze motorie e specializzati, che proseguono la loro formazione costantemente attraverso appuntamenti di approfondimento, affinchè siano sempre più preparati e capaci di gestire le condizioni di fragilità dei partecipanti”.

L’articolo pubblicato giovedì 17 settembre sul Corriere della sera parte dall’esperienza del Municipio 2 di Milano dove, da due anni, istituzioni, mondo sanitario e associazionismo del territorio, hanno costruito una rete di collaborazione per intervenire contro la sedentarietà: “Si tratta di un contesto progettuale molto ampio, con diversi soggetti che collaborano, tra cui Uisp, l’ospedale Gaetano Pini, l’azienda sanitaria territoriale, il Municipio 2 del comune di Milano e altri soggetti del territorio, uniti per costruire opportunità di incentivazione al movimento. In questo caso specifico si parlava di Afa che si rivolge a una popolazione soprattutto anziana, per la prevenzione delle disabilità secondarie e terziarie con l'obiettivo di riattivare la persona con un’attività specifica. A breve, però, saranno avviate anche altre iniziative rivolte ai ragazzi e alla popolazione adulta: l’obiettivo è sperimentare un modello replicabile in cui il movimento assume un ruolo di primo piano, anche legandosi ad interventi di riqualificazione urbana, perchè il movimento diventi uno stile di vita, attivo e corretto”.

Il progetto ha subito degli stop a causa dell’emergenza sanitaria, ma a breve riprenderanno il via tutti gli ambiti di intervento: “Da lunedì 21 settembre riprenderanno i corsi dei gruppi già esistenti prima del lockdown, circa 100 persone - dice Stefano Pucci - all’inizio di ottobre verranno avviati altri corsi simili per arrivare raddoppiare i partecipanti entro la fine di ottobre. Sempre ai primi di ottobre partiranno anche gli altri settori di intervento e appena possibile anche le attività nelle scuole. Stiamo costruendo un modello che si possa replicare, mettendo in collaborazione il mondo sanitario e l’associazionismo per migliorare la qualità della vita quotidiana e contrastare la sedentarietà. Questo primo intervento incide su una zona con una popolazione di 250.000 persone, e si basa sulla costruzione di una rete territoriale che mette insieme le associazioni, le parrocchie, le scuole, i medici di medicina generale per ampliare il più possibile, e mettere a sistema, l’offerta di movimento. Come organizzazione sportiva c’è solo l’Uisp e credo che sia un grande riconoscimento al nostro storico impegno perchè lo sport sia un diritto di tutti, nessuno escluso”. (Elena Fiorani)

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE

 

UISPRESS

PAGINE UISP

BILANCIO SOCIALE UISP

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

LE DIRETTE

BIBLIOTECA UISP

SPECIALE COVID-19