Nazionale

Il tiro con l'arco strumento per proporre idee: i Giochi Uisp ripartono da qui

Si è concluso il Campionato nazionale di tiro con l'arco, a Pescia il 28 e 29 agosto. Il bilancio di Arianna Nerini, responsabile Settore di attività Giochi

 

Si è concluso il Campionato nazionale di tiro con l'arco, svoltosi a Pescia, cittadina in provincia di Pistoia, nella bellissima Toscana. Diverse le fasi, a partire dalle selezioni regionali per poi arrivare all'ultima tappa, il 28 e 29 agosto. Quattro le categorie in gara: maschile; femminile; junior categoria unica per gli aventi fino a 18 anni; giovani categoria unica per gli aventi meno di 15 anni. Quattro le categorie tecniche: arco antico; arco storico; foggia storico non finestrato; foggia storico finestrato. "Il bilancio del Campionato è positivo. C'è stato un buon coinvolgimento, nonostante le restrizioni e le normative da rispettare. Il gruppo di lavoro è stato bravissimo e ha partecipato con entusiasmo", dice Arianna Nerini, responsabile Ssettore di attività nazionale giochi Uisp. Il Campionato è stato anche un modo per conoscere Pescia e per connettere sport e territorio: "Le gare si sono svolte nel giardino di un monastero; nelle piazze interne di dimore storiche private; nei rioni. Il tutto è stato reso possibile grazie alla collaborazione del Comune di Pescia e del Comitato Uisp di Pistoia", racconta Nerini. 

Entusiasta anche Luigi Caramante, responsabile nazionale tiro con l'arco Uisp: "Il Campionatè è stato un modo di ripartire in un periodo devastante e doloroso, di rimettere in moto nuovamente la macchina. E’ stato abbastanza difficile, ma pian piano è cresciuto l’entusiasmo da varie parti d’Italia. Il progetto ha mostrato la forza di un gruppo che crede in quello che fa, che crede nell'Uisp e nei suoi valori", racconta Caramante. "E’ stato entusiasmante vedere la voglia da parte delle associazioni di ripartire. Le finali di Pescia sono state possibili anche grazie al supporto della Lega dei Rioni di Pescia, che ha collaborato attivamente all’organizzazione della manifestazione", prosegue. 

L'arco Uisp è uno dei fiori all'occhiello del settore giochi. Fin dalla sua nascita, propone tre diverse specialità: il tiro storico, il tiro dinamico e il tiro outdoor. Tre diverse vocazioni, con alla base i medesimi concetti: il punto in comune delle varie specialità è il basso tenore agonistico, pienamente in linea con il concetto di sport per tutti, con più di un occhio di riguardo verso tematiche sociali e culturali, condite da momenti ludici per grandi e piccini. Sfaccettature, queste, presenti nell'intero settore: "C'è un intento stimolativo e un intento educativo nei giochi. Sono aspetti che curiamo molto nell’organizzazione di questo tipo di attività. Portiamo i giochi nelle scuole e nei centri estivi, perché hanno alta valenza sociale ed educativa", racconta Arianna Nerini. Dopo la pausa causata dal Coronavirus, il settore è ripartito proprio dal tiro con l’arco, dal biliardo e dalla ruzzola, che ha chiuso l'estate con il Campionato nazionale a squadre Uisp 2021, vinto dall'Asd Ruzzola Mondolfo. Il 37esimo Campionato Uisp di ruzzola è andato in scena il 22 agosto a Monteroberto.

Il settore dei Giochi Uisp è un settore composito, in cui confluiscono moltissime attività. Un pezzo speciale della Uisp, sospeso tra passato e futuro, che cerca di interpretare le vocazioni dell' associazione. "Sicuramente è difficile, perché si parte dai giochi individuali e si arriva a quelli di squadra. Non ci sono linee guida valide per tutti, in quanto non è possibile replicare in modo automatico le strutture o le regole di una determinata disciplina in un'altra", prosegue Nerini. Ogni attività, infatti, ha propri regolamenti e proprie strutture. "E’ molto stimolante, nulla è automatico. E così, non ti annoi mai", prosegue la responsabile del settore. Un percorso longevo, il suo, iniziato moltissimi anni fa giocando a pallavolo per poi passare all'atletica. Dopo qualche esperienza come segreteria della pallavolo del comitato Uisp Prato, si è occupata di servizio civile, progettazione, volontariato. Attualmente, è segreterio generale del comitato di Prato e responsabile del settore di attività giochi. 

Tanti i progetti per il futuro: "Stiamo scrivendo e approvando la normativa che riguarda i Campionati nazionali, per permettere un inizio di stagione corretto e tranquillo. Stiamo pensando alla formazione per i tecnici già istruttori, con corsi di aggiornamento e formazione. La nuova stagione Uisp è appena iniziata e noi abbiamo in mente iniziative di rugby, cricket, golf e tanto altro...", ha concluso Nerini che, ora, guarda già ai progetti in campo per la prossima stagione sportiva. (C.F.)

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE

 

UISPRESS

PAGINE UISP

BILANCIO SOCIALE UISP

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

Podcast

SELEZIONE STAMPA

BIBLIOTECA UISP

SPECIALE COVID-19