Nazionale

Mercoledì 7 settembre al via le Paralimpiadi di Rio

Un'occasione per ripensare il modello di sport italiano e chiedere dignità e pari diritti per tutti. Parla F. De Meo
 
Le Paralimpiadi di Rio 2016 saranno la quindicesima edizione dei giochi estivi per atleti con disabilità e si terranno dal 7 al 18 settembre. Ad affrontarsi nelle 23 discipline paralimpiche, saranno oltre 4.300 atleti provenienti da 176 Paesi del mondo. La spedizione azzurra è composta da cento atleti e il presidente del Cip, Luca Pancalli, si augura che godano della stessa attenzione dei loro colleghi che hanno appena ultimato le loro fatiche. Ma, che cosa sono le Paralimpiadi? Contribuiscono a fare dello sport un ambiente più accogliente e con pari dignità per tutti coloro che lo scelgono, indipendentemente dalle abilità fisiche?

“E’ giusto chiedere ed ottenere pari diritti e pari attenzione per gli atleti paralimpici – dice Fabrizio De Meo, responsabile politiche sociali Uisp – ci piacerebbe che questa uguaglianza di trattamento e di opportunità fosse riservata a tutte le persone che scelgono di avvicinarsi e di praticare sport. Senza necessariamente dover accettare un modello legato alla vittoria a tutti i costi, alle prestazioni e alle medaglie”.

“In ambito sportivo, così come in tutti gli aspetti della vita, ognuno deve sentirsi libero di fare ciò che ritiene opportuno e per questo va messo nelle condizioni di poterlo fare, con dignità e pari opportunità. Chi sceglie di gareggiare e chi di fare sport per il piacere di stare con gli altri, senza necessariamente misurarsi, vincere o perdere. Il rischio è che, da questo punto di vista, le Paralimpiadi finiscano per fornire lo stesso modello campionistico delle Olimpiadi. Che non è l’unico possibile: il problema, dal nostro punto di vista, è cambiare modello di sport se vogliamo rilanciarne i valori educativi e sociali. Il fatto di avere per protagonisti persone con disabilità non basta a fare sport di cittadinanza. Questo non significa che non apprezziamo abbastanza il sacrificio e lo sforzo speciale di questi campioni, anzi”.

“Riteniamo che occorra partire dal basso - conclude De Meo - dal vissuto quotidiano delle persone con disabilità, dalla possibilità di fare sport insieme, persone con e senza disabilità. Questo, ad esempio, è il modello che cerchiamo di sperimentare con manifestazioni tipo Matti per il calcio, che si terrà a Montecatini dal 22 al 24 settembre, con il baskin e molte altre. Occasioni per vivere lo sport con naturalezza quotidiana, per lanciare questo messaggio e approfittare dei riflettori mediatici per avere attenzione ogni giorno, anche nelle scelte di politiche pubbliche più sensibili a tutte le persone con disabilità”.

“Detto questo vogliamo far arrivare a tutti i partecipanti alle Paralimpiadi il nostro saluto e la nostra partecipazione. E, visto che si tratta di una competizione, un grande in bocca al lupo alla spedizione azzurra”. (I.M.)

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE

 

Sex Live

Visit free sexy video chat website chat18.webcam.

UISPRESS

PAGINE UISP

SPECIALE COVID-19

BILANCIO SOCIALE UISP

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

LE DIRETTE

BIBLIOTECA UISP