Nazionale

Sport e rigenerazione urbana: Matera laboratorio aperto

Open Playful Space: sport, performance, movimento per cambiare il volto delle città e renderle più vivibili. A che punto è il progetto? Parla M.Di Gioia

 

Rigenerare e riqualificare spazi urbani attraverso lo sport: è questo l'obiettivo del progetto Open Playful Space, promosso da Uisp Basilicata nell'ambito del programma culturale di Matera Capitale Europea della Cultura 2019.

Nel mese di aprile, Open Playful Space ha presentato “TransformAction Preview”, in Piazza Cesare Firrao (dal 5 al 7 e il 14 e 15): giornate intense di attività laboratori e workshop aperti al pubblico, alla presenza di artisti e ospiti quali Pino Di Buduo (Teatro Potlach), Simone Bicorgna (ADD Umbria Academy), Mr Thoms, Skolp, Pachamama, The Sprockets, un'anteprima a cui tutta la cittadinanza è stata invitata per promuovere una cultura dell'inclusione e della partecipazione.

Il progetto Open Playful Space nel 2019 si concretizzerà alla fine di maggio in un grande Festival degli sport e delle arti di strada”, inserito nella programmazione della “Move Week” iniziativa europea in cui l’Uisp è al fianco di ISCA, per promuovere stili di vita attivi e movimento.

Michele Di Gioia, presidente Uisp Basilicata, commenta soddisfatto: La normalità che diventa straordinarietà e che permette a luoghi invisibili di ritornare visibili. Le piazze, le strade e i quartieri, luoghi di relazioni e socializzazione, riprendono a vivere mediante la partecipazione di cittadini di tutte le età che, con i linguaggi semplici e accessibili di gioco, sport e arti di strada, creano condivisione e partecipazione, proponendo momenti di vera trasformazione. Questo è stato TransformAction Preview di Open Playful Space, ovvero una modalità di vivere la città e trasformarla in modo giocoso".

Il Festival avrà il suo momento conclusivo con lo spettacolo originale “TransformAction”, regia di Pino Di Buduo, con la partecipazione di Laurent Piemontesi, in cui i luoghi della città saranno animati da appassionati e praticanti delle arti e degli sport di strada provenienti da differenti paesi d’Europa. L’azione sarà la chiave per la Trasformazione della Città, “su cui immaginare alternative possibili a realtà che diamo per scontate”.

Open Playful Space è un progetto di rigenerazione urbana che lega insieme cultura, sport di strada e arte di strada, propone l’elaborazione una serie di azioni in cui gioco, sport, arti urbane diventano la nuova chiave di lettura per la scoperta, la rigenerazione e la riqualificazione di spazi e comunità, da vivere come luoghi culturali, comuni e accessibili.

 Il progetto, coprodotto dalla Fondazione Matera - Basilicata 2019 e dal Comitato Uisp Basilicata, attiene alla dimensione culturale del gioco e dello sport, ed ha l’ambizioso obiettivo di tutelarnee l’importanza nella qualità di vita dei giovani, in particolare in età tra i 16 e i 24 anni, attraverso la costruzione di crews di sportivi e artisti di strada da attivare in determinate aree periferiche. Il progetto mira inoltre a restituire gli spazi pubblici ai cittadini (cura del bene comune), rendendo visibili spazi invisibili, in un viaggio alla scoperta di luoghi, attività, persone e personaggi in grado di dare ai luoghi nuove e differenti vite e volti.

Il progetto, mediante la costruzione di una programmazione non solo di eventi, ma anche di  momenti di dialogo e confronto con la popolazione, di attività laboratoriali, di interventi strutturali nelle aree urbane, intende costruire nel territorio una rete di soggetti che siano punto di riferimento per i più giovani, con progetti di cura, salvaguardia e rigenerazione del patrimonio culturale, inteso come bene comune e promotore di valori fondamentali quali i corretti stili di vita, il rispetto reciproco e il senso di comunità. (a cura di Guido Tortorelli, redazione Uisp Basilicata)

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE

 

Sex Live

Visit free sexy video chat website chat18.webcam.

UISPRESS

PAGINE UISP

SPECIALE COVID-19

BILANCIO SOCIALE UISP

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

LE DIRETTE

BIBLIOTECA UISP