Nazionale

Tavola rotonda "Transizione sportiva e terzo settore": le conclusioni di Tiziano Pesce

Le conclusioni di Tiziano Pesce, presidente nazionale Uisp, a margine della tavola rotonda che si è svolta in apertura dell'Assemblea Congressuale Uisp

 

L'Assemblea nazionale congressuale Uisp è stata aperta, venerdì 10 marzo, dalla tavola rotonda dal titolo “Transizione sportiva e terzo settore” che, insieme al presidente Uisp Tiziano Pesce, ha coinvolto alcuni tra i maggiori rappresentanti del mondo istituzionale e del sistema sportivo: Maria Teresa Bellucci, viceministro del Lavoro e delle Politiche sociali; Massimiliano Atelli, Capo di Gabinetto ministro per lo Sport e i Giovani; Vito Cozzoli, presidente Sport e Salute Spa; Giovanni Malagò, presidente Coni; Luca Pancalli, presidente Cip; Vanessa Pallucchi, portavoce Forum Terzo Settore. Guido D'Ubaldo, caposervizio Corriere dello Sport e presidente Ordine dei Giornalisti del Lazio e Roberto Natale, direttore Rai per la Sostenibilità Esg, hanno moderato l'incontro.

Al presidente Uisp sono state affidate le conclusioni del pomeriggio di confronto: "Dopo questa tavola rotonda mi sento ottimista - ha detto Pesce - l'Uisp ha sempre guardato al futuro, è stato protagonista e attore del cambiamento, i nostri compagni di viaggio sono le istituzioni, le autorità di governo e di sport, il sistema sportivo, il comitato Paralimpico, il terzo settore, che abbiamo ascoltato in questa occasione. Oggi è stato importante condividere le istanze che l’Uisp porta avanti con attori così diversi. In Italia sono 12 milioni i tesserati che praticano sport e poco meno di 8 milioni sono quelli che tesserati con gli Enti di promozione sportiva. Per noi è fondamentale il tema della rappresentanza: dobbiamo trovare lo spazio e le modalità per discutere all’interno del Consiglio nazionale del Coni, per far sentire la nostra voce". 

GUARDA IL VIDEO

"Siamo sulla strada giusta - ha detto Pesce - perchè il tema della rappresentanza del mondo dello sport sociale e per tutti si pone con forza ed urgenza. Parliamo di un mondo in continua crescita numerica e qualitativa. Capace di creare qualità e competenza in ambito formativo ed educativo. Ma anche per quegli aspetti che riguardano le competizioni di base, distinte dalle medaglie olimpiche, ma capaci di generare sane passioni ed emozioni. Pensiamo ai Campionati di calcio e pallavolo, basket e nuoto, alle tante attività individuali e di squadra che ogni fine settimana danno senso e significato alla nostra vita e a quella di decine di migliaia di asd e società sportive di base. Chiudo con il tema della tutela sanitaria e dell’attività fisica per tutti, l’ho detto più volte anche in ambito Coni: bisogna superare il decreto Belluzzi sull’accesso alle attività, fonte di disparità nell’accesso alla pratica sportiva".

UISPRESS

PAGINE UISP

AVVISO CONTRIBUTI ASD/SSD

BILANCIO SOCIALE UISP

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

Podcast

SELEZIONE STAMPA

BIBLIOTECA UISP