Nazionale

Tutta Italia in movimento con le "pillole" Uisp

Il progetto "Pillole di Movimento" è stato presentato negli ultimi giorni ad Aosta e Perugia. Le prossime date

 

Continuano le presentazioni di “Pillole di Movimento”. Dopo la presentazione nazionale avvenuta il 13 gennaio, il progetto Uisp approda nelle varie città d’Italia.

Ad Ascoli, la presentazione di "Pillole di Movimento" si è svolta il 28 gennaio, a Palazzo dei Capitani. Ha moderato l'incontro Daniel Claudio Ficcadenti, presidente Uisp Ascoli: ''Questo progetto offre dei servizi basati sulla gratuità: è importante l'azione sociale volta a favorire l'inclusione oltre che la valenza in ambito sportivo. L'obiettivo è favorire il contatto con le società aderenti per consentire a chi è interessato di fare un periodo di attività fisica gratuita''. ''Questo progetto non è partito a caso proprio nella città di Ascoli – ha aggiunto Simone Ricciatti, presidente Uisp regione Marche - Abbiamo deciso di partire qui perché ad Ascoli possiamo vantare un comitato valido che funziona alla grande. Offriremo la possibilità di fare un mese di ginnastica gratuitamente". Partendo dal comune di Ascoli Piceno saranno varie le amministrazioni impegnate: Castel di Lama, Comunanza, Folignano, Force, Offida e Spinetoli. Intervenuto alla conferenza anche l'assessore allo sport Nico Stallone: "Lo sport è da sempre un motivo per unire e ci auguriamo che sia sempre così. La nostra storia ha un dna fortemente radicato nello sport, e negli ultimi tempi ne sentiamo la mancanza. In un momento in cui si parla di salute mi è sembrato fuori luogo privarci proprio di uno strumento per preservare la nostra salute''. ''Viviamo un momento drammatico – ha spiegato l'assessore alle politiche sociali Massimiliano Brugni -. Un adolescente su quattro ha problemi psicologici per le conseguenze prodotte dal covid. Siamo chiamati a dare una risposta a questi ragazzi e di certo chi farà sport non cadrà in depressione. La valenza di questa iniziativa è molto importante sia a livello sportivo che sociale''.

 GUARDA IL VIDEO

Il 31 gennaio, Pillole di Movimento è stato presentato a Perugia. La campagna nazionale Uisp di contrasto alla sedentarietà e di promozione della cultura del movimento, che vede protagonisti in tutta Italia 31 Comitati Uisp e da febbraio coinvolgerà oltre 235 Comuni e 370 tra associazioni e società sportive dilettantistiche, infatti, coinvolge anche il comitato regionale Uisp Umbria, con Federfarma Umbria partner del progetto e la collaborazione delle farmacie aderenti. In Umbria verranno distribuite 21.000 confezioni di “Pillole di Movimento” in 63 farmacie di 15 Comuni. Ad organizzare le attività, i comitati Uisp Perugia-Trasimeno e Uisp Orvieto-Medio Tevere, oltre che le associazioni e le società sportive dilettantistiche affiliate Uisp. 

“C’è bisogno di far muovere le persone, di promuovere il benessere e ridurre paure e aggressività, vere e proprie emergenze sociali e di salute nell’Italia della pandemia, che ha aumentato malattie e disturbi, sia psichici che fisici – commenta Fabrizio Forsoni, presidente Uisp Umbria – “Pillole di Movimento”, grazie ad una semplice scatolina, vuole dare un contributo alle persone affinché inizino o ricomincino a muoversi. La proposta di lezioni gratuite è pensata proprio con questo spirito”. Forsoni ha poi ricordato che le opportunità offerte dal progetto sono varie, e si rivolgono a persone giovani, adulte o anziane e permettono di variare e scegliere tra una vasta offerta di attività: con la musica, intense o dolci, in acqua o nelle palestre, nei parchi o per le vie delle città. "L'Uisp e i suoi operatori si prenderanno cura delle persone per iniziare a fare movimento o per ricominciare se, a causa della pandemia, si fosse interrotto. Il successo del progetto si concretizzerà nel creare le condizioni affinché il maggior numero di persone possa continuare poi a praticare le attività fisiche e sportive iniziate durante la campagna promozionale", prosegue il presidente Uisp Umbria che ha ricordato come la speranza finale sia quella di rivitalizzare il settore dello sport sociale, particolarmente colpito dalla pandemia, che con grandi sforzi e professionalità sta tentando di andare avanti. "Senza le nostre realtà sportive i nostri centri urbani sarebbero molto più poveri in termini di socialità e di approccio culturale", ha detto Forsoni. 

Intervenuto anche Augusto Luciani, presidente Federfarma Umbria: "La cultura del movimento è fondamentale e le farmacie umbre sono da sempre a disposizione anche per veicolare importanti campagne che vanno in questa direzione. C’è bisogno di sensibilizzare continuamente i cittadini da questo punto di vista, perché un sano e corretto stile di vita deve essere condizione rilevante per affrontare con maggiore serenità la vita quotidiana, indipendentemente dall’età”. Sono inoltre intervenuti Silvia Pagliacci, presidente di Federfarma Perugia; e Stefano Monicchi, segretario di Federfarma Umbria e Federfarma Terni. 

Il 1 febbraio, il progetto è arrivato ad Aosta. La conferenza stampa di presentazione si è svolta alle 11 presso l'Hotel des Etats in Piazza Chanoux. Ad Aosta e dintorni saranno diecimila le scatolette reperibili in diverse farmacie, dai medici di famiglia, ma anche in consultori e negozi, oltre che agli Ospedali Parini e Beauregard, le sedi Usl di Via Guido Rey e di Saint-Pierre, la Medicina dello Sport alla Pépinière e l’Irv. “Vogliamo far capire che queste scatole servono a curare la sedentarietà, anche per i nostri ragazzi che vorremmo tornassero a fare attività sportiva – ha detto Carlo Finessi, segretario generale del comitato Uisp Valle d’Aosta - Non facciamo un discorso agonistico, vogliamo che la gente torni a fare attività. La pandemia sta creando problemi non solo fisici ma anche psicologici. Bisogna far capire che, mantenendo protocolli di sicurezza importanti, è possibile riprendere tranquillamente a fare attività anche al chiuso”.

“L’idea è nata a Bologna, dove si è giunti ormai all’11ª edizione. Per la prima volta la proponiamo in Valle d’Aosta. L’obiettivo è cercare di aumentare la quantità di persone che si muovono e la loro partecipazione ad un’attività sportiva, invogliandoli a recarsi in palestra o in piscina per aumentare il proprio benessere”, ha spiegato Sonia Sopranzi, responsabile regionale del progetto. Intervenuta anche Charlotte Bonin, testimonial d’eccezione del progetto a livello regionale, atleta che vanta una medaglia d’argento alle Paralimpiadi di Tokyo 2021 come guida di Anna Barbaro, oltre a due presenze alle Olimpiadi di Pechino nel 2008 e a Rio de Janeiro nel 2016. “È un grandissimo onore presentare un’iniziativa così bella. Sono cresciuta a pane, acqua e sport, e con molti sacrifici e un po’ di fortuna è diventato il mio lavoro. Non importa a quale livello si pratichi, l’importante è farlo. Questa iniziativa permette di avvicinarsi o di riprendere a fare attività a chi ha dovuto interrompere a causa della pandemia. È un rimedio naturale anche per il sistema immunitario, la salute ed il benessere e spero che tante persone si avvicinino sempre più”, ha spiegato. 

 

A Brindisi, la conferenza si è tenuta martedì 1 febbraio , in concomitanza con l'inizio della distribuzione delle pillole nelle farmacie, presso l'aula magna dell'Università in Piazza Di Summa. Sono intervenuti il responsabile del servizio di prevenzione della ASL di Brindisi e i dirigenti delle associazioni che hanno aderito al progetto. 

Il 2 febbraio, il progetto è stato presentato a Barletta, presso la Palestra Solofrizzoricatti sita in Via Boccaccio, 16. "L'Uisp è una grande famiglia: è un soggetto sportivo diversificato, nel suo ambito ci sono mille attività e discipline, dalle più tradizionali a quelle più innovative. L'offerta è ampia e quando l'Uisp si rivolge alla cittadinanza dà grandi possibilità di scelta", commenta Antonio Cuonzo, presidente Uisp Bat, che ha ricordato l'importanza della collaborazione tra le varie parti coinvolte nel progetto. 

 

A Genova, il progetto è stato presentato il 2 febbraio. I comitati Uisp liguri di Genova e La Spezia partecipano al progetto Pillole di Movimento partendo da un dato, quello che vede la Liguria nona per tasso di sedentarietà in Italia. “Pillole di Movimento è un’esperienza avviata nel 2011 e da buona pratica territoriale, oggi diventa campagna nazionale - ha spiegato il presidente nazionale Uisp Tiziano Pesce, intervistato da Telenord - Si configura come una campagna di comunicazione e contrasto alla sedentarietà incentivando princìpi di vita attiva. Dobbiamo abbassare gli indici di sedentarietà molto negativi nel nostro Paese e dobbiamo farlo con la fiducia e con l’ottimismo di superare prima possibile questa pandemia. In questo momento diviene fondamentale la condivisione delle azioni progettuali, nonché il finanziamento di questo progetto da parte del Dipartimento dello Sport. E anche Federfarma ci supporterà, assieme agli interlocutori della sanità pubblica”.

"Pillole di Movimento sono delle vere e proprie scatole in tutto simili a quelle dei medicinali che le persone potranno ritirare gratuitamente nelle farmacie che hanno aderito all'iniziativa, per ora una trentina tra Genova e La Spezia ma il numero è destinato ad aumentare", ha spiegato Tommaso Bisio, presidente Uisp Liguria. "Ci auguriamo che soprattutto le persone più fragili, che risentono dell'isolamento sociale, possano sentirsi coinvolte. Sport significa anche socializzazione: stare con altre persone, avere un impegno costante, permette di instaurare rapporti di amicizia che aiutano a vivere meglio. In una regione come la nostra, abbiamo nuclei familiari composti da una sola persona, che vivono isolate. Il progetto ha lo scopo di consentire alle persone meno giovani di mantenere quelle piccole attività di base fondamentali, spingendo al movimento", ha detto Bisio. Intervenuto anche Stefano Anzalone, consigliere delegato del Comune di Genova: "Il mondo dello sport ha sofferto molto i mesi della pandemia. L'attività motoria è fondamentale per tutte le generazioni e soprattutto per la terza e quarta età. L'iniziativa porta una sensibilità particolare, e guarda al momento difficile che sta vivendo il mondo dello sport, tra la pandemia e l'aumento dei costi energetici". Intervenuta in collegamento Diana Battistini, presidente Uisp La Spezia e Val di Magra: "Il successo di questo progetto a Bologna ci dà carica, siamo certi che ci sarà anche qui". Saranno circa 6000 le scatole di Pillole a disposizione per la Liguria.
   

Il 3 febbraio, "Pillole di Movimento" è stato presentato a Bolzano. Sono intervenuti l'Assessore alle Politiche Sociali, al Tempo libero e allo Sport Juri Andriollo; il presidente di Federfarma Alto Adige Matteo Bonvicini; la presidente Uisp Bolzano Claudia Cantisani; il coordinatore delle attività Uisp Bolzano  Andrea Salute. "E' un progetto importante, un modo per rimettersi in moto. Oggi più che mai, dopo due anni di pandemia, c'è bisogno di movimento. Vogliamo dare la possibilità alle persone di fare attività fisica in maniera del tutto gratuita", ha detto Claudia Cantisani. 

 

Il 3 febbraio, "Pillole di Movimento" è stato presentato a Gorizia. "Con questo progetto dichiariamo guerra alla pigrizia. Spero che in futuro il progetto possa ampliarsi a tutto il resto della regione", ha detto Sara Vito, presidente regionale di Uisp. "Abbiamo scelto Gorizia per lanciare questo progetto pilota, perché l’Isontino si conferma una volta di più perfetto laboratorio di sperimentazione. Voglio ringraziare di cuore tutte le associazioni sportive che hanno aderito alla nostra proposta, e il mondo dello sport che è stato messo a dura prova dal Covid in questi due anni”, ha detto. In conferenza stampa ha parlato anche il presidente del comitato di Gorizia Enzo Dall’Osto: “Lo sport per tutti è un bene sociale che interessa la salute, la qualità della vita, l’integrazione, l'educazione e le relazioni tra le persone, in tutte le età della vita". Presente anche la presidente di Federfarma Gorizia Anna Olivetti.

Giovedì 3 febbraio si è tenuta anche a Cagliari la conferenza stampa del progetto Uisp: “Pillole di Movimento è frutto di un lavoro di squadra tra la Uisp, nella sua declinazione nazionale e i territoriali, le ASD affiliate e tante farmacie aderenti al circuito Federfarma/Lloyd Farmacie - ha detto il presidente Uisp Cagliari, Pietro Casu - A Cagliari verranno distribuite 15 mila scatoline con i bugiardini su cui è possibile trovare prove gratuite di movimento. La pandemia ha costretto le persone a vivere recluse in casa e limitare la propria libertà di movimento. I danni prodotti sono evidenti a tutti e vanno da quelli fisici a quelli psicologici, in particolar modo sui bambini e gli anziani. Questo progetto contribuisce in maniera concreta e seria, su tutto il territorio nazionale, ed anche nell’hinterland di Cagliari e a Carbonia, a contrastare la sedentarietà e ridare fiato alla socializzazione”.

Il 4 febbraio, il progetto è stato presentato a La Spezia. Le "pillole" arriveranno nelle 45 farmacie aderenti nel territorio provinciale, tra la Spezia Lerici e la Val di Magra. A presentare l’iniziativa sono stati il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini; l’assessore alla sport Lorenzo Brogi;  l' Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Lerici Alessandra Di Sibio; la presidente Uisp La Spezia e Val di Magra Diana Battistini; la dottoressa Gabriella Manzotti  per Federfarma. “L’iniziativa punta ai maggiori di 18 anni, perché pensiamo che un adulto consapevole possa trasmettere un corretto stile di vita anche ai più piccoli”, ha detto la presidente di Uisp La Spezia e Val di Magra . L'obiettivo è quello di lavorare sulla prevenzione. 

Uisp Piemonte ha tenuto la conferenza stampa di presentazione del progetto il 4 febbraio, coinvolgendo i 3 Comitati territoriali che saranno protagonisti del progetto: Uisp Torino, Biella e Bra-Cuneo. "Pillole di movimento è al centro di una vera e propria campagna di promozione del benessere e della salute. Stiamo organizzando dei workshop formativi su prevenzione, stili di vita, alimentazione. Inoltre, organizzeremo un convegno sulla salute mentale e sul benessere", ha detto Patrizia Alfano, presidente Uisp Piemonte. "Lanciamo sul territorio un progetto importante, realizzato grazie al supporto delle farmacie", ha detto Massimo Aghilar, presidente Uisp Torino. Intervenuta anche Ida Brunetti, di Uisp Biella: "Offriremo sport sano e sport di base, anche all'aperto". La responsabile del progetto e vicepresidente del comitato Territoriale Uisp Bra-Cuneo Marengo Mariella, ha invece ricordato che "Uisp guarda al futuro e proprio perché siamo attenti alle esigenze attuali abbiamo voluto mettere in campo questo progetto". 

"

 

Castrovillari, la conferenza si terrà il 5 febbraio. Per il comitato territoriale di Castrovillari, oltre alla stessa città del Pollino, che ha avuto il patrocinio della locale Amministrazione Comunale, sono coinvolti i comuni di Cassano Jonio, Altomonte, Francavilla Marittima, Laino Borgo, Praia a Mare e San Nicola Arcella. La conferenza stampa sarà moderata dalla giornalista Anna Rita Cardamone, alla presenza di Ilaria Oliva, presidente Uisp Castrovillari; Giuseppe Marra, presidente regionale Uisp Calabria; Antonio Gradilone, responsabile delle politiche della Salute Calabria Uisp, il sindaco di Castrovillari, Mimmo Lo Polito. Il 9 febbraio, si svolgerà la conferenza stampa a Ferrara e quella campana, che coinvolge 5 comitati territoriali. 

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE

 

UISPRESS

PAGINE UISP

BILANCIO SOCIALE UISP

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

SELEZIONE STAMPA

LE DIRETTE

BIBLIOTECA UISP

SPECIALE COVID-19