Nazionale

Uisp Emilia Romagna: "Aperta, integrata e innovativa"

Così il nuovo presidente regionale immagina l'Uisp del futuro e presenta il suo programma. Intervista a Mauro Rozzi
"Aperta, integrata e innovativa": Mauro Rozzi, neopresidente Uisp Emilia Romagna, definisce così l’Uisp che verrà, in un’intervista realizzata da Vittorio Martone sul sito internet regionale. Tre parole che sembrano riassumere alla perfezione anche la personalità di questo quarantatreenne reggiano. Ne aggiungiamo una quarta: normale, a misura d’uomo e di donna. “Tredici anni fa ero alle Paralimpiadi di Sydney – racconta Rozzi – accompagnavo la nazionale di nuoto in quanto tecnico dei non vedenti. Era il 2000 e la mia vita, sino a quel momento, era orientata principalmente all’alto livello, o meglio, a quel tipo di alto livello. Al termine di quella esperienza, esaltante ma anche totalizzante per quanto riguarda ogni mia attenzione e ogni momento della mia giornata, mi sono chiesto: adesso, che cosa voglio diventare? Intorno avevo molte figure di riferimento che avevano da to moltissimo all’attività sportiva e avevano concesso molto poco alla propria vita personale. L’ambiente paralimpico è particolare e a me piaceva fare il tecnico. Però mi mancava qualcosa. In quel momento ho incontrato per davvero l’Uisp, un’associazione capace di temperare gli aspetti tecnici con una grande ricchezza di occasioni relazionali e sociali. Ho trovato nell’Uisp il giusto equilibrio che mi ha permesso di coniugare tempo per gli altri e tempo per me e per la mia famiglia. Mi sono detto: se siamo tanto bravi per gli altri, dobbiamo esserlo anche per noi e per chi ci è vicino. Ancora oggi continuo a pensarla così”.

Mauro Rozzi è stato direttore dell’Uisp Reggio Emila e nell’ultimo quadriennio ne è divenuto presidente. “Ho cercato di trasferire molte delle mie idee maturate nell’esperienza del nuoto paralimpico all’interno della nostra associazione. L’Uisp parla a tutti. Partiamo dai nostri soci, che rappresentano il cuore dell’associazione ma ci rivolgiamo a tutta la collettività e per questo siamo protagonisti di coesione sociale. Nel mio mandato di presidente regionale vorrei puntare ad un sempre maggiore protagonismo delle attività, favorendone la collaborazione e l’interazione. Mi porterò dietro la mia esperienza territoriale: Reggio Emilia è la città delle persone ed ha fatto dell’accoglienza e della diversità la propria ricchezza. Nel nuovo logo cittadino c’è un girotondo di persone che accolgono i nuovi arrivati. Questa è l’Uisp”. Mauro Rozzi vive a Reggio con la sua famiglia e i suoi due figli. Ha attivato un sito internet da dove è possibile scaricare il documento programmatico e la sua relazione al Congresso regionale Uisp Emilia Romagna, che si è tenuto lo scorso sabato 23 febbraio a Modena. (I.M.)

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE

 

UISPRESS

PAGINE UISP

BILANCIO SOCIALE UISP

FOTO

bozza_foto

VIDEO

bozza_ video

Podcast

SELEZIONE STAMPA

BIBLIOTECA UISP

SPECIALE COVID-19