Comitato Territoriale

Bologna

La campagna "Mettiamoci in gioco" celebra 10 anni

Appuntamento mercoledì 30 novembre a Bologna per una tavola rotonda in cui confrontarsi su strategie e obiettivi futuri

 

La Campagna Mettiamoci in gioco celebra quest'anno il suo decennale e dà appuntamento mercoledì 30 novembre a Bologna in via Azzo Gardino 44 c/o al centro sociale ricreativo culturale Giorgio Costa. Una tavola rotonda per festeggiare i 10 anni della campagna a cui hanno aderito numerose realtà del terzo settore, tra cui l'Uisp.

"Oggi come all'inizio di questa avventura - scrive in una nota la campagna - ci spinge la volontà di aiutare le persone che vivono sulla loro pelle una condizione di dipendenza e di denunciare e contrastare le cause della diffusione incontrollata dell'azzardo nel nostro paese, un fenomeno che ha creato gravi problemi sanitari e sociali. Sono stati anni di impegno che ci hanno insegnato a "fare insieme" e a unire in rete quello che ciascuna organizzazione aderente poteva mettere in campo su questo tema, rappresentando così un esempio di cittadinanza attiva".

Il problema del gioco d'azzardo, grazie anche a Mettiamoci in gioco e alle altre campagne presenti nel paese, è oggi all'attenzione dell'opinione pubblica. Non lo è purtroppo della politica, che resta silente e inattiva dinanzi a un fenomeno sociale molto rilevante. Nonostante questo immobilismo, quando non ostilità, della politica sono stati raggiunti importanti risultati: il divieto di pubblicità, l'istituzione dell'Osservatorio per il contrasto della diffusione del gioco d'azzardo e il fenomeno della dipendenza grave presso il ministero della Salute, il fondo per i progetti regionali, il ruolo delle Regioni e dei Comuni, l'inserimento del disturbo da gioco d'azzardo nei Livelli essenziali di assistenza (LEA).

Questo evento intende non solo fare il punto su ciò che la campagna ha fatto, ma soprattutto mettere a fuoco le strategie future e gli obiettivi che si vogliono perseguire, a partire da una legge quadro nazionale che regolamenti il settore e sia in grado di proteggere davvero le persone più fragili e diminuire l'offerta di gioco d'azzardo nel nostro paese. Alla tavola rotonda parteciperanno Armando Zappolini, portavoce della Campagna Mettiamoci in gioco, card. Matteo Zuppi, presidente della Conferenza Episcopale Italiana, Marco Tarquinio, direttore di "Avvenire", Luciano Gualzetti, presidente della Consulta Nazionale Antiusura "Giovanni Paolo II", Mauro Croce, psicologo e psicoterapeuta, Alex Zanotelli, missionario comboniano. Modera Enrico Malferrari, referente della campagna Mettiamoci in gioco per il Sistema di cura.

Aderiscono alla campagna Mettiamoci in gioco: Acli, Ada, Adusbef, Ali per Giocare, Anci, Anteas, Arci, Associazione Orthos, Auser, Aupi, Avviso Pubblico, Azione Cattolica Italiana, Cgil, Cisl, Cnca, Conagga, Confsal, Ctg, Federazione Scs-Cnos/Salesiani per il sociale, Federconsumatori, FeDerSerD, Fict, Fitel, Fp Cgil, Gruppo Abele, InterCear, Ital Uil, Lega Consumatori, Libera, Missionari Comboniani, Scuola delle Buone Pratiche/Legautonomie-Terre di mezzo, Shaker-pensieri senza dimora, Spi Cgil, Uil, Uil Pensionati, Uisp. (Fonte: Redattore Sociale)

 

FONTE: UISP NAZIONALE

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE

PARTNER
NEWS

LEGGI TUTTE LE NOSTRE NEWS (1)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

FOTO GALLERY

VISITA LA NOSTRA GALLERY

ESPLORA LA NOSTRA VIDEO GALLERY

ESPLORA LA NOSTRA VIDEO GALLERY (1)