Comitato Territoriale

Valdera

L'Uisp per il 2 giugno: "La Repubblica della Costituzione"

UISP NAZIONALE: L'Uisp aderisce al manifesto e alle iniziative promosse dall'Anpi, in occasione della Festa della Repubblica. Focus sulle donne costituenti

Fonte: UISP NAZIONALE

link all'articolo

L'Uisp nazionale aderisce al manifesto e alle iniziative promosse dall'Anpi per la Festa della Repubblica. In questi giorni di avvicinamento vengono pubblicati sui social gli articoli della Costituzione e il 2 giugno verrà deposta una rosa rossa sulle tombe delle 21 Costituenti.

Rinascere dalla Repubblica e dalla Costituzione. Il 2 giugno 2020 racchiude questo impegno. L'Italia ha un'arma formidabile per il suo nuovo risorgimento: attuare pienamente i principi e le disposizioni della Carta costituzionale, conquistata col sacrificio delle partigiane, dei partigiani e di tutti coloro che liberarono il Paese. La Costituzione disegna una terra dove finalmente libertà, giustizia sociale, diritti umani e diritti civili diventano vita quotidiana. Per questo ogni giorno l'Anpi pubblica sui social un articolo della Costituzione e il 2 giugno deporrà una rosa rossa sulle tombe delle 21 Costituenti che hanno contribuito, con infinita passione democratica e forza delle idee, a donarci questa magnifica Carta. "Il 2 giugno saremo impegnati non solo a celebrare una data storica - ha dicharato la presidente dell'Anpi, Carla Nespolo - ma lanceremo un messaggio forte e chiaro: per risolvere la crisi attuale è fondamentale e imprescindibile attuare pienamente la Costituzione repubblicana nata dalla Resistenza".

 

Una rosa per Lina Merlin sepolta nel Famedio del Cimitero monumentale di Milano. Una rosa per Elettra Pollastrini nel cimitero di Rieti, per Nilde Iotti al Verano a Roma, per Teresa Noce sulla sua tomba alla Certosa a Bologna, per Rita Montagnana a Torino e così per per le altre donne costituenti. È un pellegrinaggio di gratitudine per le 21 donne dell'Assemblea costituente quello a cui ha pensato per il 2 giugno Carla Nespolo, prima donna a guidare l'associazione dei partigiani.