Comitato Territoriale

Bologna

Il nuovo Rapporto dell'Oms evidenzia l'importanza del movimento

Nel video del Global Status Report on Physical Activity 2022 si fa riferimento a “Pillole di movimento”. I complimenti dell’Isca all’Uisp.

 

Salute e sport: il nesso diventa sempre più stretto.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato un rapporto di 132 pagine che ha rilevato che 500 milioni di persone svilupperanno malattie cardiache, obesità, diabete o altre malattie se non aumentano la loro attività fisica. Il Global Status Report on Physical Activity 2022 ha avvertito che se i 194 paesi intervistati non intraprenderanno azioni urgenti, il costo delle malattie ammonterà a 27 miliardi di dollari all'anno tra il 2020 e il 2030.

Non solo, nel video che promuove il documento, ci sono le indicazioni per azioni quotidiane che possono migliorare la salute attraverso il movimento. Tra queste c'è uno specifico riferimento al movimento da fare almeno tre giorni a settimana: "Quando diciamo che l'attività fisica ti mantiene in salute, lo crediamo davvero". E viene inquadrata una confezione del tutto simile a quella che l'Uisp ha lanciato con il progetto "Pillole di movimento" dieci anni fa, dapprima con un progetto pilota a Bologna e successivamente con un progetto nazionale in decine di città italiane.

Questo riferimento ha spinto Mogens Kirkeby, presidente Isca, a rinnovare i complimenti all'Uisp in una comunicazione inviata all'intero esecutivo internazionale Isca: "Il rapporto OMS conclude che i costi diretti dell'inattività fisica ammontano a 27 miliardi di dollari all'anno (e questa è una stima bassa) - commenta il presidente Isca - Viene, inoltre, nuovamente menzionato che la promozione dell'attività fisica è il "miglior acquisto" per motivare le popolazioni a combattere le malattie non trasmissibili. Oltre a illustrare i costi diretti dell'inattività fisica, il rapporto si concentra sulle politiche. Nei rapporti nazionali dei 194 Paesi inclusi è indicato quali Paesi hanno in atto politiche nazionali specifiche e rilevanti".

"Seguo il lavoro dell'Organizzazione Mondiale della Sanità sulle malattie non trasmissibili da oltre 20 anni. È un piacere vedere uno sviluppo (anche se lento) verso una maggiore attenzione all'importanza dell'attività fisica e alla lotta all'inattività. Inoltre, negli ultimi dieci anni abbiamo assistito a un approccio molto più aperto alla collaborazione con altre parti interessate rispetto agli Stati membri. Inoltre, anche l'Organizzazione Mondiale della Sanità comunica oggi in modo più vivace e popolare rispetto a decenni fa".

"Molte persone hanno spinto questo sviluppo e sono abbastanza sicuro che all'interno dell'OMS Fiona Bull sia stata fondamentale per questo sviluppo. Ma molti hanno "spinto" l'OMS - anche l'ISCA - mostrando come comunichiamo, organizzando webinar online e gadget divertenti. Vi invito a vedere il breve video di presentazione del Rapporto sullo stato globale dell'attività fisica 2022. E notate che l'idea dell'Uisp delle Pillole di movimento è stata ripresa dall'OMS. Quindi: congratulazioni Uisp!".

 

"Abbiamo bisogno che più Paesi aumentino l'attuazione delle politiche per sostenere le persone ad essere più attive attraverso camminate, ciclismo, sport e altre attività fisiche", ha detto il direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus nel rapporto, che misura i progressi per regioni, piuttosto che per singoli Paesi.

Il rapporto ha stabilito quasi due dozzine di raccomandazioni politiche, tra cui sport ed educazione fisica nelle scuole e nell'assistenza all'infanzia, programmi per il posto di lavoro e strade più sicure per incoraggiare più ciclismo e camminata.

Secondo il rapporto, solo la metà delle nazioni intervistate ha avuto eventi di attività fisica su larga scala o campagne di informazione pubblica per incoraggiare i propri cittadini ad allenarsi. Il documento ha riconosciuto che la pandemia di Covid-19 ha "bloccato" tali iniziative e "ampliato le disuguaglianze nell'accesso e nelle opportunità di impegnarsi nell'attività fisica per molte comunità".

"Il raggiungimento dell'obiettivo globale per l'attività fisica può essere raggiunto solo da più persone che diventano più attive attraverso eventi che aumentano la consapevolezza sui benefici dell'attività fisica", afferma il rapporto.

"Questo nuovo rapporto sottolinea ancora una volta l'importanza di investire negli sforzi di mitigazione dei fattori di rischio per evitare le ricadute sanitarie ed economiche delle malattie non trasmissibili", ha dichiarato Andrea Feigl, CEO e fondatore dell'Health Finance Institute, a CBS News.

"L'attività fisica è un ingrediente chiave per il benessere economico e sociale, ma gli investimenti in infrastrutture e l'impegno politico verso la priorità dell'attività fisica rimangono bassi a livello globale - ha aggiunto Feigl - E il rapporto si propone di far luce su questo problema e sottolinea quanto sia importante che la scelta sana di essere fisicamente attivi debba essere la scelta facile".

Fonte: Uisp Nazionale

GLOBAL STATUS REPORT ON PHYSICAL ACTIVITY 2022

Fonte: World Health Organization

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE

PARTNER
NEWS

LEGGI TUTTE LE NOSTRE NEWS (1)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

FOTO GALLERY

VISITA LA NOSTRA GALLERY

ESPLORA LA NOSTRA VIDEO GALLERY

ESPLORA LA NOSTRA VIDEO GALLERY (1)