Comitato Territoriale

Brescia

Vivicittà a Zavidovici (Bosnia Erzegovina)

 

 

VIVICITTA’ A ZAVIDOVICI – 1/5 aprile 2015 - 18^ EDIZIONE 

UN MESSAGGIO DI PACE PER CHI PARTE E PER CHI RESTA

“Vivicittà” – 18^ edizione della Corsa Podistica Internazionale 12 Km, anche quest’anno si è svolta a  Zavidovici in Bosnia Erzegovina

Il viaggio in Bosnia organizzato dai Comitati Uisp Brescia e Cremona in collaborazione con l’Associazione Adl di Brescia, Ambasciata per la Democrazia Locale, si è svolto nei giorni dal 1 aprile al 5 aprile. La delegazione era composta da 27 studenti, 11 adulti (compreso i due autisti).

Agli studenti prima della partenza è stata consegnata una dispensa con notizie riguardanti il progetto di gemellaggio con Zavidovici, la storia di Mostar prima e durante il conflitto e cenni storici su Baglaj.

Partenza puntuale, Mercoledì 1 aprile alle ore 20.30, dalla sede Uisp di Brescia per giungere il giorno successivo in mattinata a Mostar, all’albergo Hotel City, per pernottamento e cena.

Giovedì pomeriggio visita guidata al centro storico di Mostar con la guida locale Sig. ra Mia dell’agenzia Fortuna Tours di Mostar, la quale ha spiegato la storia del conflitto sul ponte Stari Most il ponte ottomano del XVI secolo appartenente alla città di Mostar,  che attraversa il fiume Narenta. Il ponte venne distrutto dalle forze croato-bosniache nel corso della guerra in Bosnia, la mattina del 9 novembre 1993. Immediatamente venne messo in moto un progetto per la ricostruzione, che cominciò alla fine delle ostilità e terminò il 22 luglio 2004.

Venerdì dopo la visita libera alla città di Mostar la delegazione è partita per Baglaj, villaggio nella regione sud-orientale del bacino di Mostar, situato alla sorgente del fiume Buna, dove c’è un tekke storico (tekija o monastero derviscio) considerato un monumento nazionale. Al termine della visita partenza per Zavidovici: nel maggio dell’anno scorso, il paese è stato vittima della più grande alluvionenella storia dei Balcani ... frane e altre esondazioni hanno isolato città e paeserendendo quasi impossibili i soccorsi.

A Zavidovici le famiglie hanno accolto e ospitato gli studenti nelle loro case per due giorni. Grazie all’operato del referente Sig. Sladijo, dell’Ambasciata per la Democrazia Locale che ha una sede operativa in loco, il sabato, gli studenti bresciani hanno disputato dei mini tornei di pallacanestro (maschile) e pallavolo (femminile) con gli studenti bosniaci classificandosi rispettivamente primi e secondi; mentre la Domenica di Pasqua hanno partecipato alla gara podistica Vivicittà che nonostante il maltempo, pioggia e freddo, ha visto la partecipazione di bambine/i, ragazze/i adulti percorrere le strade di Zavidovici e salire sul palco per le premiazioni per poi “correre” nuovamente, ma verso casa, per asciugarsi e riscaldarsi. Una studente di Cremona, Elisa Vasta, è arrivata 2^, nella classifica femminile (12 km).

Gli studenti bresciani al termine della gara hanno gustato un ottimo pranzo di prodotti tipici casalinghi, preparato con cura e passione dalle donne dell’Associazione “Sigurno Miesto”: una associazione di donne,  il cui nome significa “Posto sicuro” che accoglie e cura donne che hanno subito violenza durante il conflitto.

Al termine del pranzo, gli studenti sono ritornati nelle famiglie per salutare gli amici e prepararsi alla partenza in tarda serata per Brescia.

Il viaggio in Bosnia, dove lo Sport è stato uno strumento per testimoniare l’importanza dell’amicizia della solidarietà e della Pace, è un’esperienza importante, che permane nel cuore di chi è rimasto e di chi è partito, perché “…La pace, è un valore di tale importanza, che deve essere nuovamente proclamata e promossa da tutti. Non c'è essere umano che non tragga beneficio da essa. Non c'è cuore umano che non si senta sollevato, quando essa regna…” Messaggio di Giovanni Paolo II XIX Giornata Mondiale della Pace - 1 gennaio 1986.

Bruna Paghera

Volantino Bosnia APRILE 2015

CLASSIFICA 12 KM (accedi direttamente al sito cliccando qui) 

Maschi

  1. Aleksandar Dalic, Sloboda Tehnograd Tuzla
  2. Emir Hadžimehmedović, Sloboda Tehnograd Tuzla
  3. Nermin Alibašić, Sloboda Tehnograd Tuzla

Femine

  1. Rahima Zukić, Sloboda Tehnograd Tuzla
  2. Elisa Vasta, I.I.S. “Torriani” di Cremona
  3. Emina Husić, Zavidovići

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Percorri la pace: domenica Vivicittà a Zavidovici (Bosnia Erzegovina) - 05 APRILE 2015

Atletica, pallavolo, basket  con studenti  a cura di  Uisp Brescia e Cremona e  A.D.L.

 

Seconda tappa del Vivicittà: dopo la corsa nel carcere di Verziano, domenica 5 aprile ci sarà l’appuntamento internazionale a Zavidovici ( Bosnia Erzegovina).

C’è chi ancora percorre la lunga strada perché la guerra diventi un tabù e lo fa utilizzando lo strumento dello Sport, con il coinvolgimento della scuola. E’ gente che ha voglia di mettersi insieme a riflettere, a giocare creando legami fiduciari che liberino creatività e solidarietà.

Infatti, da mercoledì 1 aprile a lunedì  6 aprile l’ Uisp di Brescia e di Cremona in collaborazione con l’A.D.L. Zavidovici organizzano la 18^ edizione del Vivicittà a Zavidovici in Bosnia Erzegovina.

La corsa podistica che si farà domenica di Pasqua nel centro di Zavidovici.

Alla gara parteciperanno studenti italiani dell’Istituto I.I.S “Torriani” di Cremona che incontreranno studenti bosniaci per giocare a pallavolo, pallacanestro e correre per le strade di Zavidovici per testimoniare il valore della Pace, della Solidarietà e dell’Amicizia. Gli studenti verranno ospitati nelle famiglie e potranno conoscere una nuova cultura, fare nuove amicizie. Visiteranno Mostar  e Baglaj  e conosceranno la storia della guerra in Bosnia e dei problemi dopo il conflitto. Il cammino della pace è lungo e tortuoso, ma è frequentato.  Il Vivicittà in Bosnia  attraverso lo sport vuole essere un messaggio di pace per chi parte e per chi resta.

17^edizione "VIVICITTA'" in Bosnia a Zavidovici 2014

 

Percorri la pace : domenica  Vivicittà a Zavidovici

Atletica , pallavolo, basket  con studenti  a cura di  Uisp Brescia e Cremona e  A.D.L.

Terza tappa del Vivicittà : dopo la corsa nel carcere di Verziano  e quella nel centro cittadino, domenica ci sarà l’appuntamento internazionale a Zavidovoci.

 C’è chi ancora percorre la lunga strada perché la guerra diventi un tabù e lo fa utilizzando lo strumento dello Sport, con il coinvolgimento della scuola. E’ gente che ha voglia di mettersi insieme a riflettere, a giocare creando legami fiduciari che liberino creatività e solidarietà.

Infatti, da mercoledì 16 aprile a lunedì 21 aprile l’ Uisp di Brescia e di Cremona in collaborazione con l’A.D.L. Zavidovici organizzano la 17^ edizione del Vivicittà a Zavidovici in Bosnia Erzegovina. La corsa podistica che si farà domenica di Pasqua nel centro di Zavidovici.

Alla gara parteciperanno studenti italiani dell’Istituto I.I.S “Torriani” di Cremona e del C.S.C.R. di Roncadelle che incontreranno studenti bosniaci per giocare a pallavolo, pallacanestro e correre per le strade di Zavidovici per testimoniare il valore della Pace, della Solidarietà e dell’Amicizia. Gli studenti verranno ospitati nelle famiglie e potranno conoscere una nuova cultura, fare nuove amicizie. Visiteranno Sarajevo e conosceranno la storia della guerra in Bosnia e dei problemi dopo il conflitto. Il cammino della pace e lungo e tortuoso, ma è frequentato. Coloro che credono e si impegnano perché  un altro mondo senza guerra sia possibile lo può fare con le armi pacifiche dello Sport.

 

SPORT A ZAVIDOVICI: UNA LINGUA UNIVERSALE.

Ogni anno il “Vivicittà”– gara podistica di 6 e 12Km- a Zavidovici in Bosnia Erzegovina e lo scambio sportivo di pallavolo e basket e culturale degli studenti italiani con quelli bosniaci continua a significare la promessa di una umanità libera dalla violenza della guerra. Promessa vissuta dai numerosi giovani coinvolti nel progetto, che Uisp di Brescia e Cremona e Adl a Zavidovici da 17 anni, nel periodo delle vacanze pasquali (16-21 aprile) ha proposto e sostenuto con passione e fatica economica. In questo progetto gli studenti sono stati attivi e non passivi fruitori, in quanto hanno utilizzato lo strumento dello sport per giocare a pallavolo e basket, socializzare e riflettere sui temi della nonviolenza e della solidarietà. Infatti, oltre le partite previste dal torneo, che ha visto vincenti nel basket gli studenti di Cremona e nella pallavolo le studentesse di Zepce, gli studenti hanno disputato altre partite amichevoli con gli amici bosniaci dopo i pranzi o le cene in famiglia. Schiacciate e canestri sono state al centro delle prime 2 giornate (16-17 aprile) a Zavidovici, mentre la gara podistica “Vivicittà” si è realizzata la Domenica di Pasqua per le vie di Zavidovici con l’arrivo allo stadio. I primi tre classificati :  12KM MASCHI  1  Armin Hasić 45,54 -  2 Jasmin Ćatić  - 3 Selvir Šibonjić, al quarto posto per i 12 Km Matteo di Cremona.  12KM FEMINE  1  Naida Halilović  - 2 Sara ÄŒahtarević  - 3 Lejla Sinanović ; 4 KM MASCHI   1 Stojanović Vinko -  2 Hodžić Alen -  3 Keserović Said ; 4 KM FEMINE  1 Imamović Maida - 2 Muhić Anela – 3 Mujkić Anida. La buona riuscita della manifestazione podistica, oltre alla numerosa partecipazione di bambine/e, ragazzi/e e adulti, è dovuta alla nuova gestione dell’evento in loco, da parte dell’Associazione “Drustvo Pedagoga Fizicke Kulture”. Un’associazione di professori di educazione fisica di Zavidovici che ha coinvolto i giovani nella gestione: nei punti di ristoro, sul percorso per indicare i 6 e 12 Km, all’arrivo con l’esibizione di un gruppo di danze popolari sotto un sole primaverile. Il coinvolgimento degli studenti è proseguito con l’incontro nella sala consiliare del municipio, con la presenza del Sindaco e di studenti bosniaci per illustrare il funzionamento della scuola nazionale e locale con il supporto di slide: dato che ci accomuna l’alto tasso di disoccupazione giovanile.

Non solo sport come già detto è stato il viaggio in Bosnia, ma anche cultura.

Assaggi di piatti tipici a cura dell’Associazione Ceker e Sigurno Mjesto rispettivamente un’associazione culturale giovanile e un’associazione in difesa delle donne vittime di violenza che hanno organizzato i pranzi e le cene collettive. Il Sabato prima della gara podistica, visita guidata a Sarajevo per conoscere la storia del conflitto e vedere la bellezza della città. Una guida molto preparata ha portato il gruppo a vedere il tunnel scavato nella periferia di Sarajevo che consentiva agli abitanti di arrivare nel centro della città che era stata isolata. Edina il nome della guida a Sarajevo, che durante il conflitto aveva 33 anni, ha dato l’opportunità agli studenti di riflettere sul contrasto tra la violenza della guerra e la bellezza della vita. L’ha fatto con professionalità, ma soprattutto ha fatto trasparire l’amore per la cultura, per l’arte e la gioia di essere viva a fare il suo lavoro. Giornate piene di impegni e intense emotivamente quelle trascorse in Bosnia.

Ritorneremo per il Vivicittà a Zavidovici” dicono gli studenti che si fanno portatori di un’iniziativa in cui lo sport è una lingua universale comprensibile a tutti e soprattutto in grado di esprimere e trasmettere valori fondamentali quali l’amicizia, la solidarietà, e la Pace.

“Speriamo” dicono gli organizzatori che per consentire la partecipazione degli studenti senza gravare sulle famiglie hanno dovuto organizzare una raccolta fondi in quanto l’iniziativa non ha avuto altri contributi.

A tal proposito Domenica 11 maggio al Vivicittà Circolo Uisp in Via Berardo Maggi a Brescia  alle ore 16:00 ci sarà l’estrazione dei biglietti vincenti di coloro che hanno sostenuto l’iniziativa. A presto.

 

 

Nella fotografia : i vincitori dell’edizione 2014 del Vivicittà a Zavidovici.

16^ edizione "VIVICITTA'" in Bosnia a Zavidovici 

Appunti di viaggio 2013

Alcune impressioni scritte dagli studenti sul primo giorno, sul secondo, sul terzo e su l'ultimo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alcune riflessioni proposte dagli studenti partecipanti al viaggio 2012.

Esperienza molto positiva anche quella del 2012 per il Vivicittà, la corsa podistica per tutti e non solo svoltasi a Zavidovici (Bosnia Erzegovina), organizzata dalla UISP di Brescia-Cremona e dall'Ass. Adl, con la partecipazione degli studenti del Liceo Scientifico "Leonardo" di Brescia e del Liceo Artistico "Munari" di Cremona, e che ha visto la presenza di molti bambini, ragazzi giovani e adulti che non hanno temuto il cielo nuvoloso e il clima freddo. L'attesa gioiosa di questo evento sportivo, giunto alla 15^ edizione, è stata visibile su i volti delle persone e sentita dalle testimonianze dei partecipanti. Correre per il Vivicittà a Zavidovici significa Sport, Solidarietà, Pace. Questi sono i valori al centro della corsa che si è svolta nelle vie del paese con l'arrivo allo stadio, dove sono avvenute le premiazioni: ai primi tre classificati, divisi per categorie (adulti femmine e maschi, bambini/e), è stato donato un trofeo ed è stata consegnata una targa di ringraziamento all'Assessore allo Sport di Zavidovici. Per i maschi ha vinto Bjeljarevic Dario con 43'23", davanti a Junuzovic Osman con 43'25", terzo Hrkic Nihad 43'32". Per le donne vittoria a Cvijanovic Biljana con 43'51", 2^ Zukic Rahima con 49'21" e 3^ Cahtarevic Sara 1h 2' 20" (14 anni). Gli stessi valori sono stati condivisi dagli studenti bresciani e bosniaci che, tre giorni prima della corsa, a Bratunac, Srebrenica, Zavidovici sono stati accolti e ospitati nelle famiglie; hanno giocato partite di pallavolo e pallacanestro e visitato il memoriale di Potocari a Srebrenica. Visitando il memoriale i partecipanti sono stati testimoni delle atrocità della guerra ed uno studente ha detto: "C'è tanto da ricordare e c'è tanto da capire e c'è una cosa da non fare, la guerra". Infatti, la Bosnia, vent'anni dopo l'inizio della guerra, è ancora vittima delle tensioni tra serbi, croati e musulmani. Il Vivicittà mette al centro il singolo, il cittadino, bambini/e, donne e uomini di ogni età, ciascuno con le proprie differenze e diritti e mette in luce i valori della Solidarietà e della Pace. Questo evento è stato un piccolo contributo per diffondere questo messaggio che speriamo qualcuno porterà dentro di sé e trasmetterà ad altri. Grazie a tutti i partecipanti italiani e bosniaci per il contributo alla buona riuscita dell'iniziativa.

Nella fotografia: la partenza 2012 del Vivicittà a Zavidovici (BH)

 

 

 

 

 

 

 

 

Vivicittà in Bosnia 2011

Programma del viaggio  Report  Pensieri degli studenti partecipanti

si veda anche: L'Uisp bresciano a Zavidovici

 

Siamo aperti dal lunedì al venerdì:

  • dalle 09:00 alle 12:30
  • dalle 14:30 alle 18:30

 

SDA CALCIO

SDA PALLAVOLO

SDA TENNIS

ASSICURAZIONE E DENUNCE SINISTRI

 infortuni_marsh

PIATTAFORMA SERVIZI ASSOCIAZIONI SPORTIVE

societasportive